Dizy - dizionario

login/registrati
contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «venusto», il significato, curiosità, anagrammi, definizioni da cruciverba, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Venusto

Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani
Giochi di Parole
La parola venusto è formata da sette lettere, tre vocali e quattro consonanti.
Anagrammi
Cambiando l'ordine delle lettere si può avere questa parola: svenuto (spostamento di una lettera).
venusto si può ottenere combinando le lettere di: suv + note.
Componendo le lettere di venusto con quelle di un'altra parola si ottiene: +cin = consuntive; +[csi, ics, sci, ...] = convissute; +ala = esultavano; +oca = scuotevano; +[bar, bra] = subentravo; +tar = sventurato; +[ori, rio] = virtuosone; +[avrà, vara] = avventurosa; +[aver, rave, vera] = avventurose; +[riva, vari, vira] = avventurosi; +[avrò, varo] = avventuroso; +[caci, ciac, cica] = consecutiva; +[ceci, eccì] = consecutive; +daga = degustavano; +[cadi, caid, ciad, ...] = discutevano; +erri = enterovirus; +atei = estenuativo; +fama = funestavamo; +[arai, aria, raia] = risuonavate; ...
Vedi anche: Anagrammi per venusto
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: venusta, venuste, venusti, venustà, vetusto.
Scarti
Rimuovendo una sola lettera si può avere: venuto.
Altri scarti con resto non consecutivo: vento, vesto, veto.
Parole contenute in "venusto"
sto. Contenute all'inverso: une.
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "venusto" si può ottenere dalle seguenti coppie: venule/lesto, venuta/tasto, venute/testo, venuto/tosto.
Usando "venusto" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * stola = venula; * stole = venule.
Lucchetti Alterni
Scartando le parti in comune (in coda oppure in capo), "venusto" si può ottenere dalle seguenti coppie: venula/stola, venule/stole.
Usando "venusto" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * lesto = venule; * tasto = venuta; * testo = venute; * tosto = venuto.
Definizioni da Cruciverba
Definizioni da Dizionari Storici
Dizionario dei sinonimi - Zecchini del 1860
Elegante, Leggiadro, Bello, Venusto, Colto, Puro, Forbito, Terso (dello stile) - Bello è il più generale, ond'è che racchiude ogni qualità; è l'elogio intero, ma noderato, perciò vero. Elegante riesce lo stile per la sceltezza delle parole, nobili tutte ed elevate, e per la sonorità de' periodi; leggiadro per la vivacità delle immagini; venusto per quella compostezza e severità che mai lascia sfuggir cosa che offenda l'orecchio o il sentimento od il gusto; è la modestia della leggiadria per cui non perde in bellezza, nè trasmoda in nulla; colto riesce, 1° per l'importanza della materia trattata, per le notizie che racchiude, per la pienezza delle idee che ne dimostrano la ricchezza; 2° per quella certa elaborazione di periodo o sceltezza di modi e di parole che fa chiara l'attenzione usata da chi parla o scrive. Puro è lo stile, e più la lingua, che fugge quanto può i neologismi, e non ammette parola o modo straniero; terso è se evita eziandio ogni altro peccato, e purissimo sia da ogni macchia, come da arcaismo, anfibologia, solecismo ecc. Forbito, secondo me, indica un'ultima leccatura che, appunto perchè può mostrare una certa affettazione, può eziandio inchinare a difetto. [immagine]
Elegante, Gentile, Leggiadro, Venusto - Elegante dicesi de' modi; gentile, dell'animo; leggiadro, dell'aspetto; venusto, delle forme. L'eleganza può essere tutta di convenzione, e consistere in quegli atti di un trattare ricercato, e rilevato da una certa alterezza che con voce meno severa dicesi nobiltà. La gentilezza è quasi l'opposto di cotesta affettata eleganza; il trattare gentile non è, e non può consistere, in atti di pura convenzione; è inspirato dall'animo bennato, dal cuore sensibile che sa benvolere, e cerca di farsi benvolere da altrui: onde, modi eleganti, e maniere gentili. La leggiadria piace di per sè; è quel certo sapore che hanno la bellezza, la gioventù, la grazia riunite; l'eleganza si acquista per l'educazione, la gentilezza si può per pochi momenti simulare; la leggiadria è naturale, ingenita, propria di chi ne è dotato ed è nelle condizioni volute: chi non l'ha e vuol simularla o contraffarla, riesce goffo e disgradevole. La venustà consiste proprio nella bellezza artistica delle forme; nella compostezza della posa. L'eleganza è un pregio; la gentilezza, una virtù; la leggiadria, una qualità; la venustà, un dono. [immagine]
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
Venusto - Agg. Che ha venustà. Aureo. Amet. 41. (C) Agli occhi vaghi di lei l'avveniticcio giovane di venusta forma, non simile al rustico animo, apparve. Dant. Par. 32. A cui Cristo le chiavi Raccomandò di questo fior venusto. Lett. Rom. stat. G. C. Colla faccia senza alcuna crespa o macula, la quale è temperatamente venusta. Segret. Fior. Descr. Pest. 436. (M.) Le invidiose vesti contemplare non mi lasciavano il latteo, venusto, e ben raccolto petto, E appresso: Ed io, quantunque per avanti con donna accompagnarmi volto non fossi, vistavi di sì venusto e grazioso aspetto,… con voi sono disposto accompagnarmi. [G.M.] Morg. 28. 119. Egli avea formosa la statura, Largo nel petto e nelle spalle molto; Ne' passi grave e nella guardatura, Nel parlar grazia, e maestà nel volto; La barba lunga e il naso alquanto giusto, L'aspetto degno e tutto in sè venusto. [P.Occell.] Foscol. Graz. Atti e parole D'una venusta immortal luce abbella (Psiche).

2. Senso letter. Stile elegante, venusto, bello. T. Lo Stile elegante è di tutti i generi: grave, faceto, drammatico, narrativo, famigliare. La scelta de' modi più acconci a significare il concetto: ecco la vera eleganza. Può quindi congiungersi con somma severità e parsimonia: anzi la parsimonia è condizione dell'eleganza vera. La Venustà dello stile è più appariscente e piacevole dell'eleganza. Solo i soggetti dignitosi, ameni e piacenti la comportano; nè un Trattato d'astronomia può dettarsi in modo venusto. Bello, abbraccia ogni pregio, e v'aggiunge. Nel Bello stile non sarà tanto visibile più una qualità che un'altra; ma il tutto soddisfà la mente e l'anima; e si conclude che è bello. Tutte le qualità insieme possono non dare bellezza, perchè manca la proporzione, l'unità, l'armonia. Ponere totum è il segreto del bello. Molti chiamano Bello lo stile puro o forbito o elegante. Più alto sta la bellezza; cotesti ne son gli elementi: il difficile è porli insieme, senza che l'uno all'altro sia danno.
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: venusiane, venusiani, venusiano, venustà, venusta, venuste, venusti « venusto » venuta, venute, venuti, venuto, vera, verace, veracemente
Parole di sette lettere: venusti « venusto » veranda
Vocabolario inverso (per trovare le rime): augusto, giusto, aggiustò, aggiusto, riaggiustò, riaggiusto, ingiusto « venusto (otsunev) » frusto, frustò, mazzafrusto, rifrusto, rifrustò, vetusto, atto
Indice parole che: iniziano con V, con VE, parole che iniziano con VEN, finiscono con O

Commenti sulla voce «venusto» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2020 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze