Dizy - dizionario

login/registrati
contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «voga», il significato, curiosità, forma del verbo «vogare» sillabazione, anagrammi, definizioni da cruciverba, frasi di esempio, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Voga

Forma verbale
Voga è una forma del verbo vogare (terza persona singolare dell'indicativo presente; seconda persona singolare dell'imperativo presente). Vedi anche: Coniugazione di vogare.
Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli
Liste a cui appartiene
Decrescenti Alfabeticamente [Vige « * » Voi]
Giochi di Parole
La parola voga è formata da quattro lettere, due vocali e due consonanti.
È una parola bifronte senza capo, la lettura all’inverso produce una parola di senso compiuto (ago).
Divisione in sillabe: vò-ga. È un bisillabo piano (accento sulla penultima sillaba).
Anagrammi
Cambiando l'ordine delle lettere si possono avere queste parole: vago (scambio di vocali), vagò (scambio di vocali).
Componendo le lettere di voga con quelle di un'altra parola si ottiene: +alé = agevola; +[ile, lei] = agevoli; +olé = agevolo; +tai = agitavo; +[ami, mai, mia] = agivamo; +ani = agivano; +uri = arguivo; +lev = avvolge; +dir = drogavi; +[are, era, rea] = erogava; +[eri, ire, rei] = erogavi; +[ore, reo] = erogavo; +[bar, bra] = garbavo; +zar = garzavo; +caì = giocava; +[ciò, coi] = giocavo; +nei = giovane; +noi = giovano; +[eri, ire, rei] = giovare; ...
Vedi anche: Anagrammi per voga
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: boga, doga, foga, ioga, toga, vaga, viga, vogo, vola, vota, yoga.
Cambiando entrambi gli estremi della parola si possono avere: doge, dogi, logo, mogi, rogo, togo.
Zeppe (e aggiunte)
Aggiungendo una sola lettera si possono ottenere le parole: vogai, volga.
Antipodi (con o senza cambio)
Spostando la prima lettera in fondo (eventualmente cambiandola) e invertendo il tutto si possono ottenere: lago, mago, pago, sago, vago.
Parole con "voga"
Iniziano con "voga": vogai, vogano, vogare, vogata, vogate, vogato, vogava, vogavi, vogavo, vogammo, vogando, vogante, vogasse, vogassi, vogaste, vogasti, vogarono, vogatore, vogatori, vogavamo, vogavano, vogavate, vogassero, vogassimo, vogatrice, vogatrici.
Finiscono con "voga": capivoga, capovoga.
Contengono "voga": ovogamia, ovogamie, avogadore, avogadori.
»» Vedi parole che contengono voga per la lista completa
Parole contenute in "voga"
Contenute all'inverso: ago.
Incastri
Inserito nella parola adori dà AvogaDORI.
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "voga" si può ottenere dalle seguenti coppie: vocali/caliga, volevi/leviga, vomiti/mitiga, vostre/strega, votai/taiga, voto/toga.
Usando "voga" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: alvo * = alga; bevo * = bega; bovo * = boga; davo * = daga; divo * = diga; levo * = lega; nevo * = nega; rivo * = riga; vivo * = viga; * gala = vola; bravo * = braga; salvo * = salga; * ahi = voghi; * galle = volle; * galli = volli; * galee = volée; allevo * = allega; dilavo * = dilaga; rilevo * = rilega; * galani = volani; ...
Lucchetti Riflessi
Scartando le parti in comune (in coda e il riflesso in capo), "voga" si può ottenere dalle seguenti coppie: vola/alga, volo/olga.
Usando "voga" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * agli = voli; * agile = voile; * agliate = voliate.
Cerniere
Scartando le parti in comune (prima in capo e poi in coda), "voga" si può ottenere dalle seguenti coppie: barravo/gabarra, lavo/gala, levo/gale, legavo/galega, nascevo/ganasce, rigavo/gariga, sativo/gasati.
Usando "voga" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * lavo = gala; * levo = gale; gala * = lavo; gale * = levo; * legavo = galega; * rigavo = gariga; * sativo = gasati; galega * = legavo; gariga * = rigavo; gasati * = sativo; gabarra * = barravo; * barravo = gabarra; * nascevo = ganasce; ganasce * = nascevo.
Lucchetti Alterni
Scartando le parti in comune (in coda oppure in capo), "voga" si può ottenere dalle seguenti coppie: voi/gai, vola/gala, volani/galani, volano/galano, volante/galante, volanti/galanti, volée/galee, volerà/galera, volere/galere, volle/galle, volli/galli.
Usando "voga" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: alga * = alvo; bega * = bevo; daga * = davo; diga * = divo; lega * = levo; nega * = nevo; riga * = rivo; viga * = vivo; braga * = bravo; salga * = salvo; * taiga = votai; allega * = allevo; dilaga * = dilavo; rilega * = rilevo; * caliga = vocali; * anoa = vogano; * area = vogare; * atea = vogate; * leviga = volevi; * mitiga = vomiti; ...
Intarsi e sciarade alterne
Intrecciando le lettere di "voga" (*) con un'altra parola si può ottenere: * lev = volgeva; * limo = vogliamo; * lino = vogliano; * lite = vogliate; * limo = volgiamo; * lite = volgiate; * noli = vongolai.
Definizioni da Cruciverba
Frasi con "voga"
»» Vedi anche la pagina frasi con voga per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • Quest'anno va in voga il giallo, erano tutti vestiti con lo stesso colore.
  • Il film "La febbre del sabato sera" è stato in voga alla fine degli anni Settanta ed ha segnato un'epoca.
Definizioni da Cruciverba con soluzione
Definizioni da Dizionari Storici
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
Voga - S. f. [Finc.] L'Atto e l'Effetto del vogare.

Bellin. Disc. 1. 215. (M.) Ma che farem noi di quei soldati in battaglia, di quelle ciurme alla voga, di quei musici alla battuta? [Giust.] Serd. Stor. Ind. Or. III. 58. Ritornando contro de' nostri a voga battuta, s'accostavano tanto, che…

[Cont.] Pant. Arm. nav. 119. Far dare una buona voga, e cacciare o sollecitar la ciurma a tempo. E 132. Devono (gli spallieri) avviar la voga agli altri: il che è principal causa che la galea cammini bene. E 218. Facendosi il viaggio a remi, si avvertisca di dar la voga tanto discreta, che la ciurma possa durarsi lungamente. E 221. La più comoda e la più lenta voga che sia possibile. Cr. B. Naut. med. 1. 141. Arranca è quando, vogando avanti, si fa gran forza co' remi: ove noi avvertiremo i comiti a far una voga larga e gagliarda. Capob. Cor. mil. 46. Prenderà meglio la voga una galera, dell'altra con un cannon grave.

2. Mettere in voga i remi; Cominciare a vogar con essi. Poliz. Stanz. 2. 17. (C) Come, al fischiar del comito, sfrenella La nuda ciurma, e i remi mette in voga.

3. Pigliar voga verso un luogo; Vogar verso quello; Mettersi ad andare per forza di remi a quella volta. But. Inf. 26. 2. (C) Confortati ch'io ebbi li compagni, pigliammo voga inverso l'occaso.

4. Per simil Dello spingere che fa il vento la nave. [P.Occell.] Salvin. Oppian. Pesc. 1. 27. (Ediz. rara) Or la nave tratta Di forte vento dalla voga a vele Gonfie…

5. Fig. Per Impeto, Ardore. Menz. Sat. 11. (C) Tu, che dietro a Lucilio e Giovenale, Prendi arrabbiata irrefrenabil voga. Salvin. Disc. 1. 87. Essendosi uno con maturità e con senno, non con precipitata voga o ardente impeto, fatto animo, possa con più facilità reggersi e mantenersi. Busin. Lett. 143. (Man.) Questo credo che nascesse da una voga, che pigliano sempre le persone leggieri.

6. Essere in voga; Aver voga; Venire in voga; Essere, Venire in uso; Essere comunemente seguitato, approvato. Salvin. Disc. 1. 102. (C) I moderni dell'aristotelica (filosofia) utilmente si servirono; la quale, in questi ultimi tempi,… a' Latini tramandata dagli Arabi, era in voga. Ces. Antid. 2. (M.) Certo oggidì il parlare infranciosato, che era già in voga, è rifiutato come barbarie.

[G.M.] Magal. Lett. fam. Questa moda de' gran Dizionarii viene in tanta voga, che tra pochi anni è facile che, non solamente in ogni scienza, ma in ogni professione, e in ogni arte o meccanica o liberale, ve ne sia uno. [P.Occell.] Gozz. Osserv. v. I. p. 305. (Ediz. Camerin.) Chi volesse nel mondo essere veramente gradito, avrebbe… a notare d'anno in anno quali sono le virtù più praticate, quale in questo anno è più fiorita;… quale si spera che nel venturo anno avrà miglior voga.

7. Detto di pers. Essere in voga di…, vale Essere disposto a tale o tal cosa; Essere in vena. Fr. En train. [G.M.] Magal. Lett. fam. Poichè sono in sulla voga del filosofare, voglio dirti una bagattella, che m'è venuta casualmente osservata a questi giorni.

8. Voga, vale anche Andazzo, Usanza, Costume. Salvin. Annot. Mur. 1. 23. (Man.) Il conte Fulvio Testi prese tutto il mondo colla bizzarria, sonorità e vaghezza delle sue canzoni; e durò un pezzo la voga d'imitarlo.
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: vocino, vociò, vocio, vociona, vocione, vocioni, vodka « voga » vogai, vogammo, vogando, vogano, vogante, vogare, vogarono
Parole di quattro lettere: voci « voga » vogo
Vocabolario inverso (per trovare le rime): piroga, proroga, arroga, interroga, irroga, surroga, toga « voga (agov) » capivoga, capovoga, yoga, larga, allarga, riallarga, sparga
Indice parole che: iniziano con V, con VO, iniziano con VOG, finiscono con A

Commenti sulla voce «voga» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2019 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze