Dizy - dizionario

login/registrati
contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «avorio», il significato, curiosità, aggettivo qualificativo, sillabazione, frasi di esempio, definizioni da cruciverba, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Avorio

Aggettivo
Avorio è un aggettivo qualificativo invariabile (per cui non cambia per il singolare e il plurale, maschile e femminile).
Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani | Wikipedia
Liste a cui appartiene
Colori [Asparago « * » Azzurro]

Foto taggate avorio

telefoni bianchi
  
Informazioni di base
La parola avorio è formata da sei lettere, quattro vocali e due consonanti. Divisione in sillabe: a-vò-rio. È un trisillabo piano (accento sulla penultima sillaba).
Frasi e testi di esempio
»» Vedi anche la pagina frasi con avorio per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • L'avorio è un materiale da cui si ricavano gioielli pregiati.
  • Le zanne degli elefanti sono fatte di avorio e per questo vengono cacciati.
  • Molti anni fa si commerciava l'avorio. Oggi è vietato.
Citazioni da opere letterarie
Silvia di Matilde Serao (1919): Ma i suoi parenti, il padre, la madrina pensavano spesso che Silvia diventava zitellona: i suoi ventinove anni erano scoccati, essa prendeva una tinta gialliccia come l'avorio conservato a lungo, gli angoli delle labbra le si piegavano in una ruga, un'ombra violacea si formava sotto gli occhi.

Arabella di Emilio De Marchi (1888): — Baltresca o Baltrosca... — ribatté la donna, che dalle voci era indotta a creder poco al bravo parente — vuol dire che ci saremo anche noi. — E usando la metafora che in verziere è come un manico d'avorio infilato sopra una lama ordinaria, seguitò, alzando la voce: — Badiamo a non fare il gatto, perché noi ai gatti che allungano troppo lo zampino tagliamo la coda e se non basta la coda tagliamo anche gli orecchi... — Il sor Tognino colse un buon momento e chiuse l'uscio sul muso alla pettegola.

Il libro delle vergini di Gabriele D'Annunzio (1884): Din don, din don! Gli strumenti d'ottone cominciarono una marcia trionfale; i mortaletti saltarono. Si moveva al fine la Vergine delle Vergini, la Stella matutina, la Torre d'avorio, in mezzo al suo popolo in mezzo alle grida del suo popolo, e usciva al sole, usciva a spargere la benedizione su tutte le campagne seminate. — Alleluja! alleluja!
Giochi di Parole
Giochi enigmistici, trasformazioni varie e curiosità. Vedi anche: Anagrammi per avorio
Definizioni da Cruciverba di cui è la soluzione
Definizioni da Cruciverba in cui è presente
»» Vedi tutte le definizioni
Scarti
Rimuovendo una sola lettera si può avere: avori.
Altri scarti con resto non consecutivo: avrò, avio.
Zeppe (e aggiunte)
Aggiungendo una sola lettera si può avere: lavorio.
Parole con "avorio"
Finiscono con "avorio": lavorio.
Parole contenute in "avorio"
avo, ori, rio, avori.
Incastri
Si può ottenere da avo e ori (AVoriO).
Inserendo al suo interno ace si ha AVORIaceO.
Lucchetti
Usando "avorio" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: atavo * = atrio; sondavo * = sondrio.
Lucchetti Riflessi
Usando "avorio" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: approva * = appio; comprova * = compio.
Lucchetti Alterni
Usando "avorio" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: atrio * = atavo; sondrio * = sondavo; disfo * = disfavori.
Sciarade e composizione
"avorio" è formata da: avo+rio.
Sciarade incatenate
La parola "avorio" si può ottenere (usando una volta sola la parte uguale) da: avori+rio.
Intarsi e sciarade alterne
"avorio" si può ottenere intrecciando le lettere delle seguenti coppie di parole: avi/oro, aro/voi.
Definizioni da Dizionari Storici
Dizionario delle invenzioni, origini e scoperte del 1850
Avorio - Sostanza ossea, che costituisce gli enormi denti dell'elefante. I Greci sapevano lavorarlo ed impiegarlo a diversi usi; lo applicavano sopra delle sedie ed altri mobili, per servire di ornamento. Questi lavori erano molto ricercati e di gran prezzo. Dovevano esservi pure in Grecia artisti distintissimi per abilità e buon gusto in tali opere. Omero cita come famosissimo un certo Jemalio. Winckelmann dice, che sino dai tempi più remoti i Greci fecero delle scolture sull'avorio. A Dieppe, in Francia, si fa un gran commercio, tanto dei denti in natura, come dei lavori fatti coi medesimi. Darat è pervenuto, conciando la gelatina estratta dall'avorio, a convertirla in una tartaruga fittizia simile a quella rossa oggidì tanto cara, e con la quale si fanno bellissime opere da stipettajo. [immagine]
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
Avorio - S. m. Dente dell'elefante e dell'ippopotamo, che serve loro eziandio di arma difensiva. D'ordinario se gli dá tal nome allora solamente ch'è separato dalla mascella per essere lavorato dagli artefici. Fansene figure di tutto rilievo, tarsie, ed altro. Eboreum, in Charis. Bocc. Nov. 13. 17. (C) E 85. 14. Facendosi talvolta dare,…, quando un pettine d'avorio, e quando una borsa. Petr. p. 2. canz. 4. (M.) Muri eran d'alabastro e tetto d'oro, D'avorio usci, e finestre di zaffiro.

[Cont.] Vas. Pr. Il bassorilievo, il far di terra, di cera, o di stucco, di legno, di avorio. Bruc. St. nat. Pl. XVI. 43. Hanno cominciato a tingere le corna degli animali, segare i denti, e commettere il legno con lo avorio.

T. Testa come l'avorio (tutta calva).

2. Trasl. Per candore (delle mani, del seno, delle spalle, secondo che ricerca l'intenzione del contesto). Petr. nel son. «O bella mano». (Gh.) Candido, leggiadretto e caro guanto, Che copria netto avorio e fresche rose (cioè, che copria le mani tra candide e rosee). T. Ar. Fur. 35. 2. Sen d'avorio. [Cam.] Bald. Naut. 112. L'avorio del piè nudo e scoverto.

Plur. T. Gli avorii del seno (che fanno di donna viva un pezzo di legno). = Parin. Mat. in Parin. Op. 1. 47. (Gh.) I ridenti avorii del bel collo, e del crin l'aureo volume. E Mez. 93. La destra Ella intanto ti porga, e molle caschi Sopra i tiepidi avorii un doppio bacio.

3. T. Denti d'avorio, o che sono un avorio; bianchissimi. L'avorio de' denti, il colore sano e bello.

E Avorio ass. per Denti bianchissimi. Petr. nel son. «lo canterei d'amor». (Gh.) E 'l bel viso vedrei cangiar sovente,… E le rose vermiglie in fra la neve Mover dell'ôra, e discovrir l'avorio Che fa di marmo chi da presso il guarda. Parin. Nott. 224. Alcun de' prezïosi avorii Onor de' risi tuoi

4. Detto di Miniatura sull'avorio. [F.] Parin. Matt. 744. Il desïato avorio Che de le amate forme impresse ride.

5. (Anat.) Quella porzione de' denti intermedia fra lo smalto e la capsola. (Mt.)

6. (Pitt.) [Sel.] Nero d'avorio: è una specie di Nero animale, di qualità più fine di quello che si prepara coll'incarbonimento degli ossi. – Avorio ridotto a carbone, il quale fatto in polvere finissima s'adopera dai pittori come colore, e dai pulitori, orefici e simili per levigare. = Vit. Pitt. 98. (C) Messe in uso il nero d'avorio abbruciato.

7. (Bot.) [D.Pont.] Avorio vegetale. Così chiamasi il seme di alcune specie del genere Elephantusia, provveduto di un albume bianco che diventa duro come l'avorio, e può servire agli stessi usi.
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: avogadore, avogadori, avori, avoriacea, avoriacee, avoriacei, avoriaceo « avorio » avrà, avrai, avranno, avrebbe, avrebbero, avrei, avremmo
Parole di sei lettere: avieri, avocai, avochi « avorio » avremo, avrete, avulsa
Lista Aggettivi: avido, avito « avorio » avulso, avvantaggiato
Vocabolario inverso (per trovare le rime): locutorio, elocutorio, allocutorio, perlocutorio, interlocutorio, collutorio, assolutorio « avorio (oirova) » lavorio, uxorio, inciprio, incipriò, proprio, improprio, approprio
Indice parole che: iniziano con A, con AV, parole che iniziano con AVO, finiscono con O

Commenti sulla voce «avorio» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2022 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze