Dizy - dizionario

login/registrati
contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «cesso», il significato, curiosità, forma del verbo «cessare» sillabazione, anagrammi, frasi di esempio, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Cesso

Forma verbale
Cesso è una forma del verbo cessare (prima persona singolare dell'indicativo presente). Vedi anche: Coniugazione di cessare.
Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Wikipedia
Giochi di Parole
La parola cesso è formata da cinque lettere, due vocali e tre consonanti. In particolare risulta avere una consonante doppia: ss.
Divisione in sillabe: cès-so. È un bisillabo piano (accento sulla penultima sillaba).
Parole con la stessa grafia, ma accentate: cessò.
Anagrammi
Cambiando l'ordine delle lettere si possono avere queste parole: cosse (scambio di vocali), sceso (spostamento di una lettera).
Componendo le lettere di cesso con quelle di un'altra parola si ottiene: +[are, era, rea] = ascesero; +ani = asinesco; +ara = assocerà; +[aro, ora] = assocerò; +ava = avocasse; +cin = censisco; +tai = cesoista; +tiè = cesoiste; +[dan, dna] = cessando; +[ami, mai, mia] = cessiamo; +nei = cessione; +idi = cissoide; +tai = coesista; +tiè = coesiste; +ito = coesisto; +mal = colmasse; +pil = colpisse; +can = concessa; +cin = concessi; +din = condisse; ...
Vedi anche: Anagrammi per cesso
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: casso, censo, cesio, cespo, cessa, cessi, cesto, cosso, fesso, gesso, lesso, messo, nesso, sesso, tesso, vesso.
Cambiando entrambi gli estremi della parola si possono avere: desse, dessi, fessa, fesse, fessi, gessa, gessi, lessa, lesse, lessi, messa, messe, messi, nessi, ressa, resse, ressi, sessi, tessa, tesse, tessi, tessé, vessa, vessi.
Con il cambio di doppia si ha: ceffo, cello, cenno, ceppo, cerro.
Scarti
Rimuovendo una sola lettera si può avere: esso.
Antipodi (con o senza cambio)
Spostando la prima lettera in fondo (eventualmente cambiandola) e invertendo il tutto si possono ottenere: cosse, fosse, mosse, rosse, tosse.
Parole con "cesso"
Finiscono con "cesso": accesso, ascesso, decesso, eccesso, recesso, concesso, processo, processò, successo, insuccesso, intercesso, retrocesso, riconcesso, riprocesso, maxiprocesso.
Contengono "cesso": accessori, accessoria, accessorie, accessorio, accessoriò, concessore, concessori, processone, processoni, processore, processori, successone, successoni, successore, successori, accessoriai, accessorino, antecessora, antecessore, antecessori, successoria, successorie, successorii, successorio, accessoriamo, accessoriano, accessoriare, accessoriata, accessoriate, accessoriati, ...
»» Vedi parole che contengono cesso per la lista completa
Parole contenute in "cesso"
esso.
Incastri
Inserito nella parola acri dà ACcessoRI; in prone dà PROcessoNE; in proni dà PROcessoNI; in prore dà PROcessoRE; in sucre dà SUCcessoRE; in antera dà ANTEcessoRA; in antere dà ANTEcessoRE; in interri dà INTERcessoRI.
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "cesso" si può ottenere dalle seguenti coppie: cebi/bisso, cebo/bosso, ceca/casso, ceco/cosso, cedo/dosso, cefi/fisso, cefo/fosso, cela/lasso, cene/nesso, ceo/osso, cero/rosso, cespo/sposso, ceste/stesso, cespo/poso, ceste/teso, cesto/toso.
Usando "cesso" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * sopì = cespi; fece * = fesso; foce * = fosso; luce * = lusso; pace * = passo; tace * = tasso; vece * = vesso; alice * = alisso; croce * = crosso; borace * = borasso; * sopite = cespite; * sopiti = cespiti; salace * = salasso.
Lucchetti Riflessi
Scartando le parti in comune (in coda e il riflesso in capo), "cesso" si può ottenere dalle seguenti coppie: ceiba/abisso.
Usando "cesso" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * osta = cesta; * oste = ceste; * osti = cesti; * osare = cesare; * ospite = cespite; * ospiti = cespiti; * ostina = cestina; * ostelli = cestelli; * ostello = cestello; * ostinata = cestinata; * ostinate = cestinate; * ostinati = cestinati; * ostinato = cestinato.
Lucchetti Alterni
Scartando le parti in comune (in coda oppure in capo), "cesso" si può ottenere dalle seguenti coppie: cespi/sopì, cespite/sopite, cespiti/sopiti.
Usando "cesso" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * bisso = cebi; * bosso = cebo; * dosso = cedo; * lasso = cela; * rosso = cero; lusso * = luce; tasso * = tace; alisso * = alice; * teso = ceste; crosso * = croce; borasso * = borace; salasso * = salace; cespo * = sposso; ceste * = stesso; * ateo = cessate; * avio = cessavi; * astio = cessasti; * ionio = cessioni.
Intarsi e sciarade alterne
Intrecciando le lettere di "cesso" (*) con un'altra parola si può ottenere: * arto = carestoso; * arno = cessarono; acini * = accessioni; seini * = secessioni.
Frasi con "cesso"
»» Vedi anche la pagina frasi con cesso per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • Mi sa che cesso la mia attività di fotografo visti i mediocri risultati ottenuti.
  • Quando qualcuno mi provoca per arrivare ad un litigio, io cesso di interloquire con la persona e mi allontano.
  • Quante volte a scuola commentando le ragazze, usavamo dire che quelle brutte erano un cesso.
Definizioni da Dizionari Storici
Vocabolario dei sinonimi della lingua italiana del 1884
Latrina, Cesso, Fogna, Cloaca, Luogo, Luogo comodo, Luogo comune, Secesso, Bottino, Vuotacessi, Bottinajo, Comodo - Latrina, luogo da un lato, da banda; cioè luogo segregato e nascosto ove si gettano immondizie; pigliasi talora per Cesso, ch'è il luogo ove vassi a deporre il peso superfluo del ventre; ma il Cesso è nelle case, ed ogni famiglia ha il suo, particolare per lo più; invece che la Latrina è luogo comune e pubblico. - Luogo comodo o Luogo semplicemente, e in qualche paese Luogo comune, sono modi più decenti di nominare il Cesso.

Fogna, condotto per ricevere o sgorgare acque immonde. - In altri luoghi, Fogna si chiama quel che a Firenze Bottino; il luogo ove si raccolgono le immondezze de' privati. - Claaca, condotto per uso simile, ma di costruzione più artificiosa; ed è voce storica. (Romani). - Cesso, abbreviatura forse di Secesso. Infatti questo si trova usato in luogo di quello. Oggi Secesso non vive se non nella frase fare, ributtare per secesso. - Da cesso, Vuotacessi, ch'è quel che più comunemente dicesi Bottinajo (Meini). - [Come Luogo si usa per Luogo comodo, così si dice Comodo; e pare che, tacendo luogo, sia espressione più decente che Luogo comodo e anche più pudica perfino di Luogo. - Una signora ben educata, direbbe andare al comodo, piuttosto che al luogo comodo o al luogo. - Certi non toscani ridono di questo nostro, diciam così, sentimento, o meglio, sensibilità della lingua. Che farci? C'è chi non capisce come si possa soffrire alle stonature della musica!.... E' la stessa, la stessissima storia. G. F.] [immagine]
Cesso, Luogo comodo, Stanzino, Licet - Sono tutti nomi che indicano una cosa medesima, se non quanto con più o meno decenza; indicano cioè il luogo nelle case dove si va ad evacuare. - Fra queste voci, Cesso è quella che significa più aperta la cosa, e forse viene dall'antico Cessare per Ritirarsi. - Luogo comodo è più comune a Firenze, dove si dice anche per antonomasia Il luogo; per es.: « Ho bisogno di andare al luogo; » nè è raro, anzi è frequente nell'uso la voce Stanzino. - Nelle scuole si suol chiamare il Licet, venuto dall'uso che si pose nelle scuole de' fanciulli di chiedere la facoltà di andare al luogo con la voce Licet (È permesso?) [immagine]
Dizionario dei sinonimi - Zecchini del 1860
Latrina, Cesso, Fogna, Cloaca, Luogo, Luogo comodo, Luogo comune, Secesso, Bottino; Vuotacesso, Bottinaio - Latrina, luogo da un lato, da banda; cioè luogo segregato e nascosto ove si gettano immondizie; pigliasi talora per cesso, ch'è il luogo ove vassi a deporre il peso superfluo del ventre; ma il cesso è nelle case; ed ogni famiglia ha il suo, particolare per lo più; invece che la latrina è luogo comune e pubblico. Luogo comodo o luogo semplicemente, e in qualche paese luogo comune sono modi più decenti di nominare il cesso.

«Fogna, condotto per ricevere o sgorgare acque immonde. In altri luoghi, fogna si chiama quel che a Firenze bottino; il luogo ove si raccolgono le immondezze de' privati. Cloaca, condotto per uso simile, ma di costruzione più artificiosa; ed è voce storica». Romani.

«Cesso, abbreviatura forse di secesso. Infatti questo si trova usato in luogo di quello. Oggi secesso non vive se non nella frase: fare, ributtare per secesso. Da cesso, vuotacesso; ch'è quel che più comunemente dicesi bottinaio». Meini. [immagine]
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
† Cesso - S. m. Cessazione. Guitt. Lett. (M.) Unde de' mali è cesso.

† Onde Stare in cesso vale Astenersi, Cessare dal far che che sia. Dant. Inf. 22. (C) Ma stien le male branche un poco in cesso.

2. Metter in cesso vale lo stesso che Mettere in abbandono. (Fanf.)

3. Cesso, Di cesso, e Da cesso, Post. avverb. vagliono Discosto, Lungi. Secondo il senso del lat. Cedo, Scostarsi. [M.F.] Bocc. Teseid. 6. 47. Quivi era un real carro d'oro messo, Sopra del qual montato e poco avante La'gente sua, non però molto cesso, Inverso Atene prese il cammin tosto.

Vit. S. Gio. Batt. 227. (M.) Chiamò Pietro e Andrea e tutta l'altra gente fece istare di cesso. Cecc. Angiol. Racc. Allac. 199. Fr. Giord. Pred. (Mt.) Bocc. Teseid. [Camp.] Art. Am. III.

Volgarizz. Eneid. A. 7. (M.) Infino da cesso cominciò a gridare: O miseri Trojani, perchè tanta mattezza vi regge? (Il testo: Et procul: o cives…)
† Cesso - Part. pass. Da CESSARE, sincopato da Cessato. Per Allontanato, Lontano, Discosto. Fr. Giord. Pred. p. 29. col. 1. (M.) Quanto più se' presto…, più se' costante…; e quanto più ne se' cesso, più se' mobile.
Cesso - S. m. Luogo apposta ove deporre il superfluo peso del ventre. T. Lat. Secessus. E anco in it. Secesso, in sim. senso. = Franc. Sacch. Nov. 159. (C) E nov. 178. Doccioni da cesso. Lib. Son. 59. Lasc. Rim. 'N una fogna nasconditi, o 'n un cesso.

[G.M.] Andare al cesso.

T. Prov. Tosc. 199. Ogni casa ha solaio, cesso, fogna e acquaio. (Ogni luogo e persona e condizione ha certi inconvenienti; e taluni pur sono comodità e necessità.) = Minuc. in Not. Malm. v. 2. p. 409. (Gh.) Il cariello, o turacciolo del cesso. Nelli J. A. Comed. 2. 297. Dentro al luogo che si chiama comune (cioè, dentro il cesso). [Val.] Mach. Lett. Fam. 187. Io ero in sul cesso quando…

2. [Val.] Fare un cesso di una cosa. Lordarla. Ros. Sat. 6. Tor l'onore a l'ape, a lei facendo Dell'alveario e della rosa un cesso. [G.M.] Dicesi anco: Ridurla un cesso.

† Mettere alcuno nel cesso. vale fig. Trascurarlo affatto. Lor. Med. Nenc. 18. (C)

3. E fig. per Cessino. Magaz. Cultiv. tos. 17. (Gh.) Il cesso è ottimo agli orzi ne' terreni freschi e umidi.

4. † Miseria che dia noja. Lib. Son. 82. (C) Tre lire, quattro lire, un fiorin d'oro, Tutto dì mi rovinan nuovi cessi. Così Puzzare per Venire a noja.
Cesso - Part. pass. Da CEDERE. Aureo lat. Ar. Fur. 27. 111. (M.) Come partendo afflitto tauro suole, Che la giovenca al vincitor cesso abbia. Qui è il verbo coll'ausil. Ma nel sempl. partic. il com. è Ceduto.
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: cessino, cessionari, cessionaria, cessionarie, cessionario, cessione, cessioni « cesso » cesta, cestacce, cestaccia, cestai, cestaia, cestaie, cestaio
Parole di cinque lettere: cessi « cesso » cesta
Vocabolario inverso (per trovare le rime): tartasso, sconquassò, sconquasso, squassò, squasso, svasso, esso « cesso (ossec) » accesso, eccesso, successo, insuccesso, decesso, recesso, concesso
Indice parole che: iniziano con C, con CE, iniziano con CES, finiscono con O

Commenti sulla voce «cesso» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2018 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze