Dizy - dizionario

login/registrati

contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «gesto», il significato, curiosità, associazioni, sillabazione, anagrammi, definizioni da cruciverba, frasi di esempio, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Gesto

Parole Collegate
Nomi Alterati e Derivati
Dispregiativi: gestaccio.
Associate (la prima parola che viene a mente, su 100 persone)
mano (9%), movimento (6%), azione (5%), atto (5%), inconsulto (5%), affettuoso (4%), nobile (4%), saluto (3%), segno (3%), carezza (3%), amore (2%), simbolico (2%), affetto (2%), amichevole (2%), spontaneo (2%), mossa (2%)
Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani | Wikipedia

Foto taggate gesto

Due due
  
Giochi di Parole
La parola gesto è formata da cinque lettere, due vocali e tre consonanti.
Divisione in sillabe: gè-sto. È un bisillabo piano (accento sulla penultima sillaba).
Anagrammi
Componendo le lettere di gesto con quelle di un'altra parola si ottiene: +ani = agoniste; +[agi, gai, già] = asteggio; +can = congesta; +mio = egotismo; +tai = egotista; +[era, rea] = erogaste; +[ari, ira, ria] = erogasti; +[ciò, coi] = escogito; +[ali, ila, lai] = estaglio; +uni = estinguo; +afa = fegatosa; +fai = fegatosi; +tac = gattesco; +est = gessetto; +[ami, mai, mia] = gestiamo; +nei = gestione; +[csi, ics, sci] = gestisco; +[avi, iva, vai, ...] = giovaste; +dir = godresti; +pil = golpiste; +[amo, moa] = motosega; ...
Vedi anche: Anagrammi per gesto
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: cesto, desto, gesso, gesta, geste, gesti, getto, gusto, lesto, mesto, nesto, pesto, resto, sesto, testo, vesto.
Cambiando entrambi gli estremi della parola si possono avere: cesta, ceste, cesti, desta, deste, desti, festa, feste, lesta, leste, lesti, mesta, meste, mesti, nesti, pesta, peste, pesti, resta, reste, resti, sesta, seste, sesti, testa, teste, testi, vesta, veste, vesti, vestì.
Parole con "gesto"
Iniziano con "gesto": gestore, gestori.
Finiscono con "gesto": digesto, congesto, indigesto.
Contengono "gesto": digestore, digestori.
Parole contenute in "gesto"
est, sto.
Incastri
Inserito nella parola dire dà DIgestoRE.
Inserendo al suo interno set si ha GESsetTO; con ivan si ha GESTivanO.
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "gesto" si può ottenere dalle seguenti coppie: geco/costo, geli/listo, geme/mesto, gemi/misto, gemo/mosto, gene/nesto, gessatura/saturato, gessi/sito.
Usando "gesto" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * stola = gela; * stomi = gemi; * stoni = geni; * stormi = germi; * tosa = gessa; * tosi = gessi; * toso = gesso; lige * = listo; vige * = visto; esige * = esisto; * stolida = gelida; * stolide = gelide; * stolidi = gelidi; * stolido = gelido; * stolone = gelone; * stoloni = geloni; * stonerà = genera; * stonerò = genero; * tosai = gessai; * stonerai = generai; ...
Lucchetti Riflessi
Usando "gesto" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * ottante = gestante.
Cerniere
Usando "gesto" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: odi * = digest.
Lucchetti Alterni
Scartando le parti in comune (in coda oppure in capo), "gesto" si può ottenere dalle seguenti coppie: gela/stola, gelida/stolida, gelide/stolide, gelidi/stolidi, gelido/stolido, gelone/stolone, geloni/stoloni, gemi/stomi, genera/stonerà, generai/stonerai, genero/stonerò, geni/stoni, germi/stormi, gessa/tosa, gessai/tosai, gessammo/tosammo, gessando/tosando, gessano/tosano, gessante/tosante, gessare/tosare, gessarono/tosarono...
Usando "gesto" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * costo = geco; * listo = geli; * misto = gemi; * mosto = gemo; listo * = lige; visto * = vige; esisto * = esige; * sito = gessi; dio * = digest; gestirà * = tirato; * tirato = gestirà; * ionio = gestioni; * saturato = gessatura.
Intarsi e sciarade alterne
Intrecciando le lettere di "gesto" (*) con un'altra parola si può ottenere: * le = gelseto; * inali = gestionali; conino * = congestiono.
Definizioni da Cruciverba
Frasi con "gesto"
»» Vedi anche la pagina frasi con gesto per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • Il tuo gesto non è stato gradito dai partecipanti alla conferenza.
  • Evitare di buttare la carta della caramella per strada è un gesto che tutti dovrebbero fare!
  • Ci vuole così poco a fare un gesto d'amore, basta una semplice carezza.
Canzoni
  • Con un gesto (Cantata da: Ivan Segreto; Anno 2006)
Definizioni da Cruciverba con soluzione
Definizioni da Dizionari Storici
Dizionario dei sinonimi - Zecchini del 1860
Cenno, Gesto, Segno, Segnale - Di segni se ne fanno in molte guise e di varie maniere; il segno rappresenta in disteso o in iscorcio un'idea, una cosa: e infatto con una serie di segni di convenzione si parla, e si corrisponde: il cenno si fa colla testa, colla mano, talvolta con un solo dito o più, e perfino cogli occhi: il cenno è per sè sempre incompleto, meno che non sia un sì o un no responsivo, o un qualcosa di somigliante: il gesto accompagna d'ordinario la parola, è complemento di quella: la mimica, che vuole con essi soli rappresentare un'azione, e talor raccontarne una parte, non ci è ancora riuscita, e forse non vi riuscirà mai; senza il libretto, dell'azione mimica non si capirebbe un acca. La buona società vuole che si parli senza gestire; il popolo, che ha un dizionario più ristretto, e che non ha tante frasi riempitive, non può far a meno dei gesti. Segnale è segno fatto a chi è lontano, o fatto da questi: per intendere i segnali è d'uopo avere fatto prima una convenzione: i segnali fatti dai telegrafi aerei sono una lingua particolare; si può con essi far lunghi discorsi, dar notizie ecc.; aveva un apposito dizionario o manuale di frasi; ma ora i telegrafi elettrici hanno preso dovunque il luogo di quelli. [immagine]
Dizionario compendiato di antichità del 1821/1822
Gesto - Gli Antichi avevan portato al più alto punto di perfezione l'Arte del gesto, il quale consiste, dice Platone, nella imitazione di tutti i moti, che gli uomini possan mai fare. I Romani la chiamavano Saltazione; e Quintiliano consiglia di far frequentare per qualche tempo ai fanciulli le Scuole, dove s'insegnava quest'Arte, ma per prendervi unicamente la grazia, ed una talquale sveltezza, e non già imitare o copiare il gesto del Maestro di Ballo, giacchè assai differente deve esser quello dell'Oratore. Queste Scuole eran quelle, ove si formavano i Comici; e per questo motivo Scipione l'Affricano, il celebre distruttor di Cartagine, si scagliò con veemenza contra quest'uso prevalso ne' tempi suoi di mandarvi i giovanetti per apprendervi l'Arte intera del gesto (V. Ballo e Declamazione).
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
Gesto - [T.] S. m. Impresa ragguardevole e memoranda, segnatam. nella vita pubblica. Aureo lat. Nell'it., del ling. scritto, quasi sempre plur.

Senso specialm. milit. Ar. Fur. 41. 4. (C) Ruggier, come in ciascun, suo degno gesto D'alto valor, di cortesia solea Dimostrar chiaro segno manifesto. [B.] E 3. 47. = E 1. 4. (C) L'alto valor e i chiari gesti suoi Vi farò udir, se vo' mi date orecchio. Car. Eneid. 7. 926. (Man.) E chi di Troia il nome, Chi de' Troiani i valorosi gesti E l'incendio non sa di tanta guerra (virtutesque virosque)! [B.] Ar. Fur. 46. 88. Magnanimi. E44. 90. Soprumani. E 26. 137. Miracolosi.

2. D'imprese civ. in gen. Cas. Oraz. Cod. Ven. 145. (Man.) Ella (l'adulazione) rende lenti e paurosi coloro che prendono ad ornare e celebrare gli altrui veri, magnifici, gloriosi, gesti. Car. Lett. 3. 58. Quasi in tutti (i libri del Bembo) si ragiona di voi, o del santissimo vostro avolo, o de' gesti e del valor degli altri maggiori della nobilissima casa vostra. T. Cic. Qui a spe gerendi absunt confecti senectute.

3. † Di cose mor. Belc. Prat. Spirit. prol. (C) Quale debba essere la vita e la regola de' buoni servi di Dio, chiaramente lo mostrano i gesti e le sentenze de' Santi Padri. T. Commodian. Il desistere dal peccato ti sia gesto immenso. Sall. Fortem animum gerere. Ov. Mores. – Quindi il senso it. di Portarsi, anco moralm.; di quella che dicesi più modernam. Condotta.

4. Nel senso segnatam. del § 1 e 2 altri vuole che nel plur. non si possa Gesta, ma Geste e Gesti: senonchè Legno, Frutto, e altri hanno varie desin. plur.; e Gesta, anal. al neut. lat., come Braccia, e tanti altri, discerne le Gesta di Don Chisciotte dai Gesti ch'egli fa nel combattere e nel menare il trionfo. Es. non mancano. Segn. Aless. Pros. fior. 1. 4. 346. (Gh.) Il suo fortissimo spirito… andò a godere nel cielo il trionfo che le sue fortissime gesta guadagnato s'erano in terra. Adrian. Marc. Pros. fior. 2. 4. 117. Achille,… a consolazione del suo dolore, cantava sopra la lira l'alte gesta degli antichi eroi. Bellarm. Ist. San. p. XXXI. Molte altre città… in Toscana fiorivano…, e benchè in particolare di loro gesta, costumi o religione, non si abbia memorie… E XXXIV. (Altri qui legge Gesti.) Bentiv. Teb. 1. 33. Cancella tu con generose gesta Le colpe altrui, e te di gloria adorna. E 55. Buon. Pros. fior. 1. 3. 212. Quel valore che per via dell'armi e per l'imprese e per le gesta militari s'acquista. Salvin. Iliad. 9. 210. Chiare, altere gesta. Pros. Fior. 5. 1. 71. La… gloria delle virtuose sue gesta. Casareg. Son. A. M. Salvin. – Salvin. Annot. Mur. Perf. poes. 3. 244. E Pros. Tosc. 1. 561. Due rinomatissimi popoli, delle valorose gesta de' quali è ripiena tutta l'istoria. Salvin. Pros. fior. 5. 1. 28. Le virtuose e magnanime gesta del Granduca nostro. Tasson. Secch. rap. 9. 72. not. Le prodezze di Don Chisciotto della Manchia… sono note per l'istorie delle sue gesta.

5. † Per Gestione, nel senso dell'aureo lat. T. Cic. Gerere et administrare rempublicam. Nep. Imperium. Ulp. An gestus tutori commissus sit. =Cron. Morell. (C) A loro fu commesso il gesto e l'amministrazione de' detti pupilli.
Gesto - [T.] S. m. Movimento della pers. o di parte d'essa pers.; il qual movimento ha o può avere una significazione. Aureo lat., da Gero; e questo deriv. o dal gr. Αἴρω o da ̓Ερύω, ambedue idee di moto; ma forse ha l'orig. stessa di Fero, come Ago quella di Facio; certo che Fero ha senso aff. a Gero e a quel che i Lat. e noi intendiamo per Gesto. T. Virg. Quam se se ore ferens! E: Virginis os… gerens. Quindi il senso dell'it.Portamento, e del Portarsi e del lat. Se gerere. Cic. Gerere personam. Plin. Paneg. Gerere principem, Fare da… Flor. Gerere se matrem. E de' moti insieme esterni ed interni. Cic. Efferri, Gestire.

2. T. Il Gesto è più visibile del Cenno, che può essere pure un ammiccare cogli occhi, un increspar della fronte. Gli attori mediocri non conoscono il linguaggio de' cenni, ma solo il dimenamento de' gesti. – Nelle società che diconsi meglio educate, e sono talvolta le meno sincere, più i cenni che i gesti. – Moto è più gen. di Gesto, e ognun sa che non è Gesto ogni moto; onde Cic. In gestu motuque. – Atto può essere e un gesto e un moto, e anco un'attitudine ferma abituale. – Si fa un garbo e col gesto e anche colla bocca e col viso; si fa per significare espressamente una volontà o un sentimento. Ma il garbo è un momento; il gesto può essere abituale. Azione è l'esercizio e l'arte e del gesto e d'ogni moto e atto della pers. dicendo cose proprie, o recitando le altrui. Quintil. L'azione ha due parti: voce e gesto. Quindi può dirsi: Azione del gesto. Cic. Gestum agere. Ai Gr. Chironomia, Arte del regolare i gesti, segnatam. della mano.

3. Può il Gesto essere movimento di parte della pers. T. Plin. ep. Mostrare con la mano e col gesto (perchè può la mano non esser tesa o levata al gesto; e perchè Gesto intendesi di tutto il braccio per lo più). Quintil. Fare un gesto con la mano. Ov. Della mano. Svet. Delle dita. Ov. Nè può il collo piegarsi, nè le braccia rendere i gesti, nè il piede andare. – Ma, sebbene non si soglia dire Gesto del piede,. nel gesto di tutta la pers. hanno parte anco i moti de' piedi. E, non foss'altro, per cel., di calcio o complimento sim. Fece un certo gesto… E siccome Pl. Gestiunt pugni mihi; così celiando può dirsi che I pugni son gesti eloquenti; come troppo è vero che certi recitatori gesticolano in modo che pajono voler fare a' pugni.

T. Nè impr. sarebbe Fare un gesto col capo; Gesto del capo.

4. Di tutta la pers. Franc. Barb. 104. 11. (Man.) Poi sian cotai di fuor li gesti tui. T. Ov. In quel gesto che ciascuna fu colta, in quello rimase (perdendo il moto della vita). Quindi anco di statua. Il gesto può comprendere l'attitudine della intera pers., il portamento. Quintil. Due pantomimi, che con gesti alterni giocavano. = Borgh. Rip. 61. (C) Michelagnolo, volendo dimostrare varie attitudini…, finse alcuni soldati, che. essendo in un fiume a lavarsi, sentirono le trombe e i tamburi che li chiamavano alla battaglia; laonde si vede, in quelli, maravigliosi gesti nel vestirsi. Tass. Ger. 18. 60. (Man.) La faretra s'adatta e l'arco siro, E barbarico sembra ogni suo gesto. Fir. Disc. An. 20. E presentossi dinanzi a sua maestà, ma con quella umiltà, con quelli gesti, e con quelle parole, che al trono di tanto principe si conveniva. Cas. Uffic. Com. 116. Tutti i movimenti e tutti i gesti all'altrui volontà abbia a adattare. T. Ar. Fur. 46. 11. Ciascun d'essi noto (osservo)… Al viso e ai gesti rallegrarsi.

Segnatam. in senso non di lode. T. Prov. Tosc. 263. I pazzi si conoscono a' gesti (il troppo gesticolare ha del matto). = Fir. As. 109. (C) Or fuggendo, or saltando, or difendendosi con varii gesti e con diversi modi, e' fece tanto ch'e' s'uscì di casa.

5. D'anim. Gell. Circ. dial. 8. p. 183. (C) Deh vedi come questo cane si compiace nel guardarmi, e se non pare a' gesti che e' fa mentre io ragiono così da me stesso, che egli intenda tutto quello ch'io dico. Fir. Disc. An. 74. Al quale il corvo con ardita voce, e gesto molto animoso rispose. T. Svet. Degli uccelli. – Nel § 4 s'è visto de' calci. Onde quello del mulo che insegnò leggere al lupo era un gesto, un bel porgere.

6. T. Gesto, l'abito e l'arte. Cic. Conoscere o no il gesto (nescire). E: Vitium in gestu. E: Sbagliare nel… E: Peccare. – Studiare il… A Erenn. Nel gesto conviene che non ci sia nè ricerca soverchia, nè deformità; non si paia o istrioni o braccianti. [Cam.] Borgh. Selv. Tert. 149. Le arti sceniche sono sotto il patrocinio di Venere e di Bacco; essendochè le cose particolari e proprie della scena, il gesto e le piegature del corpo, sacrificano alla lascivia e dissolutezza di Venere e di Bacco.

7. Epit. T. Gesto involontario; di istinto, subitano. – Gesto proprio di tale o tale persona. – Ha gesti suoi. – Ha certi gesti… – Troppi. Quintil. Brevi. – Parco. – Vivace. – Pensato, Studiato. A Erenn. Consideratiore. – Elegante. Amm. Nutibus venustissimus. – Bello. – Ha un bel gesto,anche dell'atto abit. – Nobile. – Verecondo. Quintil. Modestissimo. – Brusco. A Erenn. Tardiore. Languido. – Cascante.

Appropriato alla pers., al soggetto, alle cose da dire, a ciascuna parola. T. Gesto emulo della parola. – Oratorio. – Declamatorio. Cic. D'istrione. – Impeto di gesti. – Turbinoso. – Furibondo. – Cic. Inetto. Quintil. Distorto. – Spropositato. – Sguajato. – Sgangherato. Quintil. Ridicolo.

Della espressione. T. Gesto d'assenso, di niego; d'approvazione, di biasimo; di condanna, d'assoluzione. [B.] Ar. Fur. 6. 68. Affettuosi. E 16. 10. E 1. 68. Umano. = Circ. Gell. 6. 150. (C) Il non supplicare o sparger giammai prego alcuno verso quello, almanco con cenni, e con gesti miserabili o piatosi. [Tav.] Robb. p. 285. Io, mosso a grandissima compassione, vedendo l'amico mio diletto in tanta agonia, quanto amorevolmente potei, con gesto pieno di pietà, il primo me li feci incontro. T. Imperioso. – Minaccioso. – Eloquente.

8. T. Tutti gli uomini fanno de' gesti; certuni n'hanno per vezzo o per vizio; gli uomini dell'arte hanno un gesto. Ov. Aveva il suo gesto. Cic. Recitare con un gesto, con tale o tal gesto. A Erenn. Usare. Cic. Prendere tale o tal voce e gesto. Ter. Or debbo prendere un gesto e un aspetto nuovo. Lucr. Imitare i gesti o il gesto d'alcuno. Quintil. Comporre il gesto a similitudine di chi balla. – Gesti modellati dall'arte, a un esemplare.

T. Esprimere col… Ov. Significare col gesto. Cic. Lo ritraeva col gesto. – Dipingere col… – Gesto che dice. – Parlare col… Val. Mass. Roscio non osò mai porgere al popolo spettatore alcun gesto ch'e' non avesse in casa sua meditato.
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: gestito, gestiva, gestivamo, gestivano, gestivate, gestivi, gestivo « gesto » gestore, gestori, gestuale, gestuali, gestualità, gesù, gesuati
Parole di cinque lettere: gesti « gesto » getta
Vocabolario inverso (per trovare le rime): spodesto, manifestò, manifesto, infestò, infesto, disinfestò, disinfesto « gesto (otseg) » digesto, indigesto, congesto, chiesto, richiesto, lesto, molesto
Indice parole che: iniziano con G, con GE, iniziano con GES, finiscono con O

Commenti sulla voce «gesto» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2017 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze