Dizy - dizionario

login/registrati

contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «punto», il significato, curiosità, forma del verbo «puntare» forma del verbo «pungere» aggettivo qualificativo, associazioni, sillabazione, anagrammi, definizioni da cruciverba, frasi di esempio, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Punto

Forma verbale
Punto è una forma verbale di: puntare (prima persona singolare dell'indicativo presente), pungere (participio passato). Vedi anche: Coniugazione di puntare, Coniugazione di pungere.
Aggettivo
Punto è un aggettivo qualificativo. Forme per genere e per numero: punta (femminile singolare); punti (maschile plurale); punte (femminile plurale).
Parole Collegate
Associate (la prima parola che viene a mente, su 100 persone)
virgola (48%), croce (8%), capo (7%), fermo (5%), basta (5%), fiat (2%), esclamativo (2%), incontro (2%), auto (2%)
Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Wikipedia
Liste a cui appartiene
Forme verbali di più verbi [Propagando « * » Radi]

Foto taggate punto

Pioggia in città
  
Giochi di Parole
La parola punto è formata da cinque lettere, due vocali e tre consonanti.
Divisione in sillabe: pùn-to. È un bisillabo piano (accento sulla penultima sillaba).
Parole con la stessa grafia, ma accentate: puntò.
Anagrammi
Componendo le lettere di punto con quelle di un'altra parola si ottiene: +ama = amputano; +[ami, mai, mia] = amputino; +dea = deputano; +dei = deputino; +dei = dueponti; +[ami, mai, mia] = imputano; +[ori, rio] = iponutro; +alé = opulenta; +[ile, lei] = opulenti; +[ami, mai, mia] = piantumo; +oli = plutonio; +[ile, lei] = punitelo; +ivi = punitivo; +rii = punitori; +dna = puntando; +[ami, mai, mia] = puntiamo; +[ari, ira, ria] = puritano; +[era, rea] = reputano; +[eri, ire, rei] = reputino; ...
Vedi anche: Anagrammi per punto
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: funto, munto, pento, pinto, pungo, punta, punte, punti, putto, sunto.
Cambiando entrambi gli estremi della parola si possono avere: munta, munte, munti, sunti.
Scarti
Rimuovendo una sola lettera si può avere: unto.
Zeppe (e aggiunte)
Aggiungendo una sola lettera si possono ottenere le parole: punito, spunto.
Parole con "punto"
Iniziano con "punto": puntomi, puntone.
Finiscono con "punto": spunto, spuntò, appunto, appuntò, espunto, compunto, rispunto, rispuntò, trapunto, trapuntò, strapunto, copripunto, disappunto, marcapunto, sottopunto, contrappunto, giustappunto.
Contengono "punto": spuntone, agopuntore, agopuntori, sottopuntone, sottopuntoni.
»» Vedi parole che contengono punto per la lista completa
Parole contenute in "punto"
unto.
Incastri
Inserendo al suo interno lime si ha PUlimeNTO; con gola si ha PUNgolaTO; con zona si ha PUNzonaTO.
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "punto" si può ottenere dalle seguenti coppie: pule/lento, puma/manto, pupe/pento, pupi/pinto, puste/stento, pungesti/gestito, punì/ito, punimmo/immoto, punirà/irato, puniva/ivato, punsi/sito, punzona/zonato.
Usando "punto" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * toga = punga; * tosi = punsi; gip * = giunto; * toserò = punsero; * totale = puntale; * totali = puntali; * totano = puntano.
Lucchetti Riflessi
Scartando le parti in comune (in coda e il riflesso in capo), "punto" si può ottenere dalle seguenti coppie: puniva/avito.
Usando "punto" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * otica = punica; * otici = punici; * otico = punico; * otite = punite; * otiti = puniti; * otiche = puniche; * ottale = puntale; * ottali = puntali; * ottano = puntano; * ottava = puntava; * ottavi = puntavi; * ottavo = puntavo; * ottone = puntone; * ottura = puntura; * ottante = puntante.
Lucchetti Alterni
Scartando le parti in comune (in coda oppure in capo), "punto" si può ottenere dalle seguenti coppie: punga/toga, punsero/toserò, punsi/tosi.
Usando "punto" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * lento = pule; * manto = puma; * pento = pupe; * pinto = pupi; * sito = punsi; * stento = puste; * irato = punirà; * ivato = puniva; * puntale = totale; * puntali = totali; * immoto = punimmo; * ateo = puntate; * avio = puntavi; * turato = puntura; * ureo = punture; * zonato = punzona; * gestito = pungesti; * astio = puntasti.
Intarsi e sciarade alterne
Intrecciando le lettere di "punto" (*) con un'altra parola si può ottenere: * re = pruneto; * ire = punitore; san * = spuntano; sta * = spuntato; * remi = premunito; * gala = pugnalato; * giri = pungitori; * arno = puntarono; * atre = puntatore; * atri = puntatori; riga * = ripugnato; siam * = spuntiamo; sarno * = spuntarono; stare * = spuntatore; stari * = spuntatori; stella * = spuntellato.
Definizioni da Cruciverba
Frasi con "punto"
»» Vedi anche la pagina frasi con punto per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • Ci siamo persi... a questo punto non ci resta che tornare indietro.
  • Il punto è che ogni mattina ci dobbiamo inventare qualcosa per tirare a campare.
  • Un punto non ha dimensione, perciò qualsiasi frase che fa riferimento ad un punto come un luogo, un posto, una meta, ecc. non ha senso.
Proverbi
  • Per un punto Martin perse la cappa.
Espressioni e Modi di Dire
  • Punto sul vivo
  • Mettere a punto
Libri
  • Il punto di vista (Scritto da: Mario Socrate; Anno 1986)
Definizioni da Cruciverba con soluzione
Definizioni da Dizionari Storici
Vocabolario grammaticale della lingua italiana del 1869
Punto fermo - Si pone il punto fermo (.) alla fine del periodo, o d'una proposizione isolata; ed in generale ogni qualvolta si voglia che il lettore faccia una pausa eguale a quella che si fa alla fine d'un periodo. [immagine]
Punto e virgola - Il punto e virgola (;) si usa a separare i membri più lunghi d'un periodo, e si pone ordinariamente innanzi a ma, poichè, perciocchè, nondimeno e simili - Es. E perciocchè la gratitudine (secondo ch'io credo;) tra le altre virtù è sommamente da commendare, ed il contrario da biasimare; per non parere ingrato, ho meco stesso proposto ec. [immagine]
Vocabolario dei sinonimi della lingua italiana del 1884
Mica, Punto, Nulla, Niente - Mica è particella che rinforza la negativa. - «Non si può mica saper com'andrà.» - A Milano si dice Minga, ma non le precede negativa. - Punto significa mancanza assoluta. - «Non ce n'è punto; Non c'è punto vino.» Si usa sempre unito o con riferenza a un nome, salvo in qualche caso che l'orecchio lo rifiuta. - Nulla indica mancanza di ogni cosa. - «Non c'è nulla», cioè niuna delle cose che ci dovrebbero essere, o si crede che ci debbano essere. - Niente è più generico, e non accenna nè a numero nè a quantità. - «Non ne so niente.» [immagine]
Essere al punto, Essere sul punto - Dell'esser vicini a fare una cosa, il secondo dice maggior vicinanza, il momento quasi in cui sta per farla chi è al punto. E' al punto chi poco dopo può farla; è sul punto chi da un momento all'altro lo farà. Specialmente nella impazienza, nell'ira, nella collera, è al punto chi la è venuta via via come addensando dentro di sè; è sul punto chi sta per prorompere in atti violenti. - «Dopo tante sevizie era al punto d'andarsene di casa. - Era sul punto di sguainare la spada - sul punto di dargli uno schiaffo.» G. F. [immagine]
Punto, Niente, Nulla, Punto punto, Ne punto ne poco - Punto accenna a difetto di quantità: « Non c'è punto pane; » e, fuor che negli interrogativi e dubitativi, di cosa sempre con la negativa, come la voce Niente, la quale accenna a mancanza o negazione di esistenza, senza rispetto a quantità. - « Non credo niente. » - Si usa anche come sostantivo: Il niente. - La voce Nulla viene a dir lo stesso, e suona Niuna cosa; perciò ha meno efficacia di Niente, che viene a dire Nè ente, Non esistente. - Punto punto, invece di aumentare la privazione o il difetto, la modifica, ed è lo stesso che Tanto o quanto, Alcun poco. - Nè punto nè poco, rincara enfaticamente la negazione di possesso o di esistenza. [immagine]
Dizionario dei sinonimi - Zecchini del 1860
Mica, Punto, Punto punto, Nè punto nè poco, Nulla, Nulla nulla - Mica sta bene nelle frasi di disapprovazione o di scusa, cioè negazione condizionale; è sempre combinato col non; uno dice: non istà mica bene fare la tal cosa, perchè ecc.; e l'altro risponde: non l'ho mica fatto io. Punto è negazione più assoluta. Punto punto, negazione totale: a ciò che dite non do retta punto, nè ci credo punto punto; cioè non ne credo una sola parola. Nulla nulla ha lo stesso significato di punto punto, quando è detto assolutamente; e forse è più asseveratamente negativo di esso; nulla è naturalmente men forte di nulla nulla; ma quest'ultimo ha pure un altro senso che equivale a, per poco: nulla nulla che mi muova, guadagno la mia giornata; nulla nulla che me ne venga l'idea o la volontà, faccio ecc. Nè punto nè poco vale, niente affatto; ma si dice per disprezzo e con una certa amarezza: chi fu già una volta ingannato protesta di non volere più credere nè punto nè poco a parole lusinghiere; ma se è credulo di natura, nè una nè due lezioni gli basteranno. [immagine]
Punto (di tutto), In punto, In buon punto, Al punto, Per l'appunto, Appunto, Appunto appunto, Appuntino, A un puntino, Punto per punto, A un punto preso - Di tutto punto esprime la totalità assoluta della cosa o meglio l'insieme delle parti che la costituiscono: vestito, armato di tutto punto. In punto, si riferisce al tempo in genere; essere in punto, vale presti ad operare; in buon punto dice tempo opportuno: partire, giungere in buon punto; al punto significa il tempo concertato, un momento estremo o determinato; sono al punto di non saper più che fare, sono partiti al punto di mezzanotte secondo il convenuto. Appunto è affermazione o conferma; appunto appunto è più forte, come in genere ogni replica di aggettivo, verbo o avverbio; per l'appunto è affermazione o conferma del caso speciale. Punto per punto dice l'esattezza dell'operare o la perfetta coincidenza di due cose che nei loro punti più esenziali si corrispondono; si risponde a una lettera punto per punto; un avvocato controverte punto per punto gli argomenti dell'avversario. Appuntino pare riferirsi a cose più minute; si giunge appuntino quando si sta proprio al minuto; si copia appuntino quando non s'ommette nè punto nè virgola. A un puntino vuol significare che all'esattezza assoluta di tempo o d'altro non manca che una cosa da nulla. A a un momento, a un'ora convenuta, come di appuntamento, convegno o altro. [immagine]
Essere in punto di…, Al punto, Sul punto, Essere in procinto, Essere vicino, Essere lì lì - Essere in punto vale essere all'ordine, disposto o preparato a fare; suppone necessità o disposizione antecedente: essere in punto di morte. Al punto suppone i verbi giungere, arrivare; giungere, arrivare al punto prefisso; come spazio, e più come tempo, indica limite assai più ristretto; e così bene si dirà: essere, trovarsi, giungere al punto estremo, che in punto estremo non si direbbe; sul punto, come tempo, è proprio l'attimo in cui la cosa succede; come spazio, sarebbe il punto occupato dalla cosa stessa: in punto può significare vicinanza di momenti, d'ore; al punto, di un momento più o men lungo; sul punto, l'istante vero dell'azione. L'uomo che trovasi in punto di morte, pur si lusinga di non essere ancora al punto estremo, e proprio sul punto d'andarsene. Si mette al punto un fucile quando si vuol tirare il colpo: mettere un uomo al punto è stuzzicarne l'amor proprio, l'ira o altra passione onde risolverlo ad agire: essere al punto e sul punto significa anche impazienza o sdegno vicino a scoppiare. Essere in procinto indica risoluzione d'agire provocata da qualche motivo, ma che la riflessione ancora governa; la malevolenza, la calunnia mettono l'uomo in procinto di fare qualche brutto colpo. Esser vicino non significa se non che il tempo assai prossimo in cui si compirà qualche progetto; sono vicino a divenir autore, dice un tale che ha finito o quasi finito di scrivere un'opera e che si accinge a stamparla. Essere lì lì vale essere trattenuto appena da un ostacolo tanto tenue e fragile, che può rompersi da un momento all'altro, e dare libero sfogo alla piena: dicesi tanto dell'ira o di altra qualunque smania che gorgoglia nel cuore e trabocca, quanto del timore eccessivo di malanno che ci arrivi addosso, per cui sempre ci pare sia lì lì per colpirci. [immagine]
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: puntinistica, puntinistiche, puntinistici, puntinistico, puntino, puntizzatore, puntizzatori « punto » puntomi, puntone, puntuale, puntuali, puntualità, puntualizza, puntualizzai
Parole di cinque lettere: punti « punto » purea
Lista Aggettivi: puntiforme, puntiglioso « punto » puntuale, purchessia
Vocabolario inverso (per trovare le rime): congiunto, ricongiunto, disgiunto, riunto, munto, emunto, smunto « punto (otnup) » marcapunto, trapunto, trapuntò, strapunto, copripunto, compunto, sottopunto
Indice parole che: iniziano con P, con PU, iniziano con PUN, finiscono con O

Commenti sulla voce «punto» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2017 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze