Dizy - dizionario

login/registrati

contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «divenire», il significato, curiosità, coniugazione del verbo, sillabazione, anagrammi, definizioni da cruciverba, frasi di esempio, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Divenire

Verbo
Divenire è un verbo della 3ª coniugazione. È un verbo irregolare, intransitivo. Ha come ausiliare essere. Il participio passato è divenuto. Il gerundio è divenendo. Il participio presente è diveniente. Vedi: coniugazione del verbo divenire.
Parole Collegate
»» Sinonimi e contrari di divenire (accadere, avvenire, diventare, formarsi, ...)
Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Wikipedia
Liste a cui appartiene
Verbi copulativi propriamente detti [Diventare « * ]
Giochi di Parole
La parola divenire è formata da otto lettere, quattro vocali e quattro consonanti.
Divisione in sillabe: di-ve-nì-re. È un quadrisillabo piano (accento sulla penultima sillaba).
Anagrammi
Cambiando l'ordine delle lettere si può avere questa parola: rivendei.
divenire si può ottenere combinando le lettere di: ivi + rende; rii + vende; viri + eden; [evi, vie] + [dirne, dreni, rendi]; [eri, rei] + vendi; [rive, veri] + dine; nei + [drive, verdi]; nevi + [dire, idre, ride]; [neri, reni] + [devi, vedi, vide]; nervi + dei; vere + [indi, nidi]; [neve, vene] + ridi; [nere, rene] + [divi, vidi].
Componendo le lettere di divenire con quelle di un'altra parola si ottiene: +doc = condividere; +sos = divenissero; +set = divinereste; +noi = indovinerei; +tac = interdiceva; +tic = interdicevi; +toc = interdicevo; +tav = intravedevi; +tar = intravedrei; +sta = invaderesti; +[ila, lai] = invaliderei; +rom = inverdiremo; +tre = inverdirete; +tav = inverdivate; +mio = invidieremo; +tra = ridiventare; +[tar, tra] = ridiventerà; +osa = risiedevano; ...
Vedi anche: Anagrammi per divenire
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: divenite, rivenire.
Scarti
Scarti di lettere con resto non consecutivo: divi, dine, dire, iene, venie, vene, vere.
Parole con "divenire"
Finiscono con "divenire": addivenire.
Parole contenute in "divenire"
ire, dive, venir, venire. Contenute all'inverso: eri, evi, nevi.
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "divenire" si può ottenere dalle seguenti coppie: diveniamo/amore.
Usando "divenire" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * irene = divenne; * rete = divenite; ridi * = rivenire; condi * = convenire; * resse = divenisse; * ressi = divenissi; * reste = diveniste; * resti = divenisti; perdi * = pervenire; prodi * = provenire; * ressero = divenissero; circondi * = circonvenire.
Lucchetti Riflessi
Scartando le parti in comune (in coda e il riflesso in capo), "divenire" si può ottenere dalle seguenti coppie: diva/avvenire, divenga/agire.
Usando "divenire" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * eriga = divenga; * erigo = divengo; * erte = divenite; * erigano = divengano; * erigono = divengono.
Lucchetti Alterni
Scartando le parti in comune (in coda oppure in capo), "divenire" si può ottenere dalle seguenti coppie: divenne/irene, divenisse/resse, divenissero/ressero, divenissi/ressi, diveniste/reste, divenisti/resti, divenite/rete.
Usando "divenire" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: pervenire * = perdi; circonvenire * = circondi; * amore = diveniamo.
Sciarade incatenate
La parola "divenire" si può ottenere (usando una volta sola la parte uguale) da: dive+venire.
Intarsi e sciarade alterne
"divenire" si può ottenere intrecciando le lettere delle seguenti coppie di parole: dir/venie.
Definizioni da Cruciverba
Frasi con "divenire"
»» Vedi anche la pagina frasi con divenire per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • All'età di cinquant'anni ho compreso che il divenire della realtà non stravolge la propria vita.
  • La quotidianità è basata sul lento divenire delle cose e degli eventi.
  • Spero che la mia condizione di salute a divenire sia migliore di quella attuale.
Definizioni da Cruciverba con soluzione
Definizioni da Dizionari Storici
Vocabolario dei sinonimi della lingua italiana del 1884
Diventare, Divenire

Dizionario dei sinonimi - Zecchini del 1860
Divenire, Diventare, Farsi - Il primo dicesi di cangiamento più lento, di gradazione meno sensibile; il secondo, di cangiamento o subitaneo, o molto essenziale: senz'accorgersene diventiamo vecchi; un colpo inaspettato ci fa diventare guardinghi per l'avvenire: ma ciò che si diviene, appunto perchè lentamente maturato, quasi, si rimane; ciò che si diventa è sovente per poco, momentaneamente; la qual cosa succede per la legge del nil violentum durabile; si divien calvo, si diventa rosso. Farsi, si dice per lo più alla lunga; il che indica una certa ritrosia naturale a piegarsi a quel modo; onde si può argomentare che farsi non dirà che di rado volgimento in bene, o dal bene in meglio. Nel farsi poi ha parte il volere; nel divenire ha soltanto azione la forza delle cose, delle circostanze: farsi ricco, bravo, è un merito della ferma volontà, almeno; il divenirlo, e più il diventarlo è caso: farsi grande, bello, è frase di fina adulazione, come se il crescere, lo svilupparsi delle grazie giovanili fosse virtù nostra e dipendesse dal volerlo o no. [immagine]
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
Divenire - V. n. ass. Diventare, Venire a stato diverso da quello che è o era prima una cosa, o una persona. (Fanf.) T. Più semplice, e però sovente più rapido, di Diventare, che ha del frequentativo (vento, ventito). D. 3. 30. Mi parve, Di sua larghezza, divenuta tonda (la fiumana di luce, che si converte in rosa). Non direbbe diventata. – Dice l'Hegel: Ciò che, diviene, comincia a essere; ma non si può dire nè che non sia nè che sia. Da questo giuoco di parole, pedantescamente fondato nel senso del Fieri lat., l'Hegel ne trae un altro, la conciliazione tra il nulla e l'essere; e da questo un terzo, la confusione dell'ente col nulla.

Bocc. Introd. 7. (C) De' quali, oltre il numero degli scienziati…, era il numero divenuto grandissimo. E 31. In tal guisa, avvisando scampare, son divenute lascive e dissolute. E nov. 2. 5. Ecco, Giannotto, a te piace ch'io divenga Cristiano. E nov. 77. 62. (Mt.) Ma io non la trovai nè quivi nè altrove, nè so che si sia divenuta. Dant. Purg. 2. (C) Sicchè le bianche e le vermiglie guance, Là dove i' era, della bella Aurora Per troppa etate divenivan rance. Petr. canz. 18. 2. Altri, che voi, so ben che non m'intende, Quando agli ardenti rai neve divegno. Liv. M. 7. 12. E poi appresso divegnendo i Romani più fieri e più battagliosi che i Galli. Tes. Br. 1. 12. Che se fossono (permanevoli) per natura, gli angioli, che divennero rei, non sarebbero mai caduti.

[Camp.] Mor. S. Greg. Imperocchè come per la sua morte elli (Adamo) divenisse in puzza, nientemeno elli non nacque in puzza.

Uscite antiche: Divenirebbe per Diverrebbe. Fir. Asin. 177. (Mt.) Ed egli ne divenirebbe più grasso.

Divenghi, seconda pers. pres. cong. [F. T-s.] Guar. Past. fid. 1. 1. Se di cotal nome (d'uomo) Forse ti sdegni, guarda Che nel disumanarti Non divenghi una fera, anzi che un Dio.

Divegniamo per Diveniamo. Mor. S. Greg. 3. 21. (Mt.) Questo considerando, divegniamo in lagrime di compunzione (cioè, ci risolviamo).

2. Locuzione varia. Ovid. Pist. 199. (Mt.) Divenni sagace di tanta ragione dal savio amore.

3. T. Del mutarsi dell'animo o dell'aspetto. D. 1. 17. Qual è colui ch'ha sì presso il ribrezzo (i brividi). Della quartana, ch'ha già l'unghie smorte, E trema tutto… Tal divenn'io alle parole porte (dettemi). – Divenne un tizzo di fuoco (dal rossore e dallo sdegno).

4. T. Dell'uomo per propria libera volontà. D. 1. 30. Di Mirra scellerata, che divenne Al padre, fuor del dritto amore, amica.

5. T. Dalla forma piena Divenire a vecchiaja, a povertà, fecesi la ell. Divenire vecchio, povero; e al modo stesso l'it. ha Venire. Prov. Divieni tosto vecchio se vuoi vivere lungamente vecchio (voler fare il giovane, fa parere più vecchi, e accorcia la vita).

[M.F.] F. Vill. Vit., Taddeo, 42. E già era agli anni maturi divenuto, essendo circa d'anni 30, col cerebro oppilato e tenebroso.

6. [M.F.] † Divenire in dentro, detto della vista, Scemare, ecc. Boez. Varch. I. p. 1. Ma io, la cui vista era per le molte lacrime divenuta tanto in dentro et così abbassata…, rimasi stupefatto, (Il lat. ha Lacrymis mersa.)

7. Divenire di mille colori. Lo stesso che Diventare di mille colori. V. DIVENTARE, § 2. Franc. Sacch. Nov. 146. (M.) Subito divenne di mille colori.

8. Per Avvenire, Accadere. Non com. Cavalc. Med. cuor. (C) Come diviene a molte a molte donne, che per la morte de' mariti diventano poi sante e oneste. Amm. Ant. 12. 2. 8. La ragione del passato fa sapere quello che dee divenire. Bocc. Nov. 54. 4. Fece chiamar Chichibio, e domandollo che fosse divenuta l'altra coscia della gru (cioè, che fosse divenuto dell'altra coscia della gru). [Val.] Pucc. Centil. 8. 10. Correan gli anni di Dio Redentore, quando divenne la detta matera.

[F.T-s.] Cavalc. Vit. Tob. 7. Udendo ciò Raguel spaventò, sapendo quello che era divenuto agli altri mariti.

E colla partic. Si. Bocc. g. 4. n. 2. (M.) Quel che il mio corpo si divenisse io non so (cioè, quello che del mio corpo divenisse). E nov. 77. 62. (Man.) Ma io non la trovai nè quivi, nè altrove, nè so che si sia divenuta (cioè, che sia accaduto di lei).

9. Per Provenire. Bocc. g. 5. n. 9. (M.) Il qual pianto la donna prima credette che da dolore di dover da sè dipartire il buon falco divenisse più che da altro.

10. T. Per Venire, Giungere (D. 1. 14.) vive in Tosc.; ed è lat. Virg. Devenere locos laetos. = Dant. Purg. 3. (C) Noi divenimmo intanto appiè del monte.

[Camp.] D. Inf. 18. Poscia con pochi passi divenimmo Dove uno scoglio della ripa uscia.

11. Per Venire in proprietà. [Val.] Ordinam. Ornam. donn. Etrur. 1. 376. Li quali per piena ragione divegnano al comune di Firenze.

12. [Camp.] Per Incorrere, e sim. Non com. All. Met. III. Spesso ne divengono i carnali amanti a molti pericoli, e tallora a morte.

13. Per Trapassare ragionando d'una cosa in altra. Non com. Morg. S. Greg. 5. 9. (M.) Gli amici, i quali erano venuti per consolare, lo cominciano a riprendere; e divenendo in parole di contenzione, perdono la cagione della pietà per la quale essi erano venuti.

14. † Divenire a corruzione vale Corrompersi. Mor. S. Greg. 5. 25. (M.) Ogni creatura è fatta di niente, e per se medesima diviene a corruzione.

15. † Divenire alle mani, per Venire in potere, in diritto, e sim. Lemm. Testam. 64. (M.) Al qual tempo… cominci incontanente che la eredità e i beni ereditarii d'esso testamento divengano alle mani d'essi consoli.

16. † Divenire all'estremo vale Cadere in rovina, Disertarsi. Bocc. g. 5. n. 9. (M.) Avvenne un dì che essendo con Federico divenuto all'estremo, che il marito…

17. † Divenire a niente vale lo stesso che Venire al niente, Mancare. Mor. S. Greg. 3. 25. (M.) È stabilita e fermata che non divenga a niente.

18. † Divenire a tristizia, o sim., vale Cadere in tristizia, Diventare tristo, o sim. Pass. 70. (C) Divenne a tanta tristizia e malinconia, che si voleva disperare.

19. † Divenire in lagrime vale Risolversi in esse. Mor. S. Greg. 3. 21. (M.) Questo considerando divegnamo in lagrime di compunzione.

20. † Divenire in povertà vale Impoverire. Stor. Barl. 35. (M.) E questi divenne in tanta povertà che pascea gli altrui porci; e divenne in tanta fame, che delle ghiande, che mangiavano li porci desiderava di mangiare.

21. † Divenire in tedio vale Attediarsi. Mor. S. Greg. 5. 28. (Man.) E questo è quando l'uomo essendo tocco di forte avversità, diviene in tedio d'amore del mondo.

22. † Divenire meno vale Mancare. Bocc. Vit. Dant. 251. (M.) Diceano queste opere de' già detti, per lunghezza di tempo, mai non dovere divenire meno.
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: divengano, divengo, divengono, diveniamo, diveniate, diveniente, divenimmo « divenire » divenisse, divenissero, divenissi, divenissimo, diveniste, divenisti, divenite
Parole di otto lettere: divarico « divenire » divenite
Lista Verbi: divaricare, divellere « divenire » diventare, divergere
Vocabolario inverso (per trovare le rime): svanire, lenire, invelenire, svelenire, incancrenire, venire, prevenire « divenire (erinevid) » addivenire, rivenire, rinvenire, convenire, riconvenire, circonvenire, sconvenire
Indice parole che: iniziano con D, con DI, iniziano con DIV, finiscono con E

Commenti sulla voce «divenire» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2017 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze