Dizy - dizionario

login/registrati

contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «legge», il significato, curiosità, forma del verbo «leggere» associazioni, sillabazione, anagrammi, definizioni da cruciverba, frasi di esempio, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Legge

Forma verbale
Legge è una forma del verbo leggere (terza persona singolare dell'indicativo presente). Vedi anche: Coniugazione di leggere.
Parole Collegate
»» Aggettivi per descrivere legge (giusta, costituzionale, uguale, nazionale, ...)
Associate (la prima parola che viene a mente, su 100 persone)
uguale (9%), decreto (5%), norma (5%), scrive (4%), codice (4%), giustizia (4%), ordine (3%), parlamento (3%), regola (3%), diritto (3%), inganno (3%), stato (3%), tribunale (3%), avvocato (2%), regole (2%), elettorale (2%), approvata (2%), articolo (2%), giudice (2%)
Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani | Wikipedia
Liste a cui appartiene
Parole Monovocaliche [Legende « * » Leggende]

Foto taggate legge

Sai tenere un segreto?

A cavalcioni

con doppi occhiali si legge meglio.
Giochi di Parole
La parola legge è formata da cinque lettere, due vocali (tutte uguali, è monovocalica) e tre consonanti. In particolare risulta avere una consonante doppia: gg.
Divisione in sillabe: lèg-ge / lég-ge.
Anagrammi
Componendo le lettere di legge con quelle di un'altra parola si ottiene: +tai = leggiate; +[ari, ira, ria] = rielegga; +rii = rieleggi; +[ori, rio] = rieleggo; +osi = seggiole; +[avi, iva, vai, ...] = veleggia; +voi = veleggio; +bara = albeggerà; +[baro, bora, orba, ...] = albeggerò; +[arai, aria] = aleggiare; +miao = eleggiamo; +atei = eleggiate; +lina = galligene; +[ivan, navi, vani] = gengivale; +[nati, tina] = gentaglie; +[ardi, dirà, idra, ...] = leggiadre; +bili = leggibile; +mura = lumeggerà; +muro = lumeggerò; +[arra, rara] = raggelare; +[atra, rata, tara] = raggelate; ...
Vedi anche: Anagrammi per legge
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: legga, leggi, leggo, leghe, logge, regge.
Cambiando entrambi gli estremi della parola si possono avere: regga, reggi, reggo, segga, seggi, seggo.
Con il cambio di doppia si ha: lecce, lesse, lette.
Zeppe (e aggiunte)
Aggiungendo una sola lettera si può avere: elegge.
Parole con "legge"
Iniziano con "legge": leggera, leggerà, leggere, leggeri, leggero, leggerò, leggete, leggeva, leggevi, leggevo, leggemmo, leggenda, leggende, leggendo, leggente, leggerai, leggerci, leggerei, leggerla, leggerle, leggerli, leggerlo, leggermi, leggerne, leggersi, leggerti, leggervi, leggesse, leggessi, leggeste, ...
Finiscono con "legge": elegge, pulegge, rilegge, rielegge, fuorilegge.
Contengono "legge": aleggerà, aleggerò, eleggerà, eleggere, eleggerò, eleggete, eleggeva, eleggevi, eleggevo, aleggerai, aleggerei, alleggerì, dileggerà, dileggerò, eleggemmo, eleggendo, eleggente, eleggenti, eleggerai, eleggerei, eleggerla, eleggerle, eleggerli, eleggerlo, eleggesse, eleggessi, eleggeste, eleggesti, noleggerà, noleggerò, ...
»» Vedi parole che contengono legge per la lista completa
Parole contenute in "legge"
Contenute all'inverso: gel.
Incastri
Inserito nella parola ara dà AleggeRA (aleggerà); in aro dà AleggeRO (aleggerò); in ere dà EleggeRE; in era dà EleggeRA (eleggerà); in ero dà EleggeRO (eleggerò); in eva dà EleggeVA; in evi dà EleggeVI; in evo dà EleggeVO; in arai dà AleggeRAI; in dirà dà DIleggeRA (dileggerà); in dirò dà DIleggeRO (dileggerò); in ente dà EleggeNTE; in enti dà EleggeNTI; in esse dà EleggeSSE; in essi dà EleggeSSI; in riva dà RIleggeVA; in rivo dà RIleggeVO; in vera dà VEleggeRA (veleggerà); in vero dà VEleggeRO (veleggerò); in dirai dà DIleggeRAI; ...
Inserendo al suo interno est si ha LEGGestE.
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "legge" si può ottenere dalle seguenti coppie: lesa/sagge.
Usando "legge" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: fole * = fogge; * geni = legni; relè * = regge; sale * = sagge; * genera = legnerà; * genero = legnerò; * generai = legnerai; * genetta = legnetta; protele * = protegge; trafile * = trafigge.
Lucchetti Alterni
Scartando le parti in comune (in coda oppure in capo), "legge" si può ottenere dalle seguenti coppie: legnerà/genera, legnerai/generai, legnerò/genero, legnetta/genetta, legni/geni.
Usando "legge" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: fogge * = fole; * sagge = lesa; sagge * = sale; * eroe = leggero; trafigge * = trafile.
Intarsi e sciarade alterne
Intrecciando le lettere di "legge" (*) con un'altra parola si può ottenere: cadrà * = caldeggerà; cadrò * = caldeggerò; cadrai * = caldeggerai; cadrei * = caldeggerei; cadremo * = caldeggeremo; cadrete * = caldeggerete; cadranno * = caldeggeranno; cadrebbe * = caldeggerebbe; cadremmo * = caldeggeremmo; cadreste * = caldeggereste; cadresti * = caldeggeresti; cadrebbero * = caldeggerebbero.
Definizioni da Cruciverba
Frasi con "legge"
»» Vedi anche la pagina frasi con legge per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • In ogni aula di tribunale compare la scritta "La legge è uguale per tutti".
  • C'è chi legge e chi invece preferisce stare sdraiato al sole.
  • E' necessario sempre attenersi alla legge, soprattutto nel lavoro.
Proverbi
  • Fatta la legge, trovato l'inganno.
  • Necessità fa legge.
Espressioni e Modi di Dire
  • Progetto di legge
Titoli di Film
  • Il braccio violento della legge (Regia di William Friedkin; Anno 1971)
Definizioni da Cruciverba con soluzione
Definizioni da Dizionari Storici
Vocabolario dei sinonimi della lingua italiana del 1884
Decreto, Legge - Il Decreto, nel suo significato generico, regola qualche punto particolare, o qualche singolarità di esecuzione transitoria. - La Legge è generale e durevole. [immagine]
Dizionario dei sinonimi - Zecchini del 1860
Legge, Diritto - Ella è cosa curiosa che la legge stabilisca il diritto per quanto è inteso dai legislatori nelle diverse epoche, secondo la scienza e l'ingegno, l'esperienza di cui sono dotati; e che poi sulle leggi, sui decreti, statuti o canoni, decisioni e sentenze si studii il diritto: diritto delle genti, diritto civile, diritto canonico per ora; finchè venga un diritto politico o altri rami di diritto, quando vi sia una legislazione abbastanza compita sulle diverse materie da poterneli derivare. Ma il diritto così stabilito e studiato empiricamente, non poteva dirsi il vero diritto teorico, basato sui più sani principii della filosofia del diritto medesimo. Da Grozio però, da Montesquieu, da Filangieri, da Gioia, da Beccaria e da altri più moderni si piantarono i cardini di questa scienza, si seminarono que' principii salutari che andranno di mano in mano fruttificando. La legge però, comunque, determina il diritto; perchè meglio è sempre un lumicino per fioco che sia, che il buio perfetto; il diritto positivo riconosciuto leso o mal inteso dalla legge, serve di norma onde correggerla e renderla migliore, più equa, e a ricondurla nel vero. [immagine]
Legge, Decreto, Canone, Statuto, Costituzione, Carta, Magna carta, Codice - La legge è quell’atto pubblico emanato da chi ha in mano il potere e l’autorità di farlo; per essa vengono determinati i limiti de’ diritti de’ cittadini rispettivamente alle persone e alle cose; determina il fas e il nefas: la legge prende diverse denominazioni dagli oggetti, o dalla serie di oggetti che concerne; onde la legge divina, naturale, civile, criminale. Ogni nuovo membro della società accetta tacitamente le leggi della società medesima dove s’assogetta o sceglie di vivere: la legge è il palladio della pubblica e privata sicurezza. Il decreto è ordinazione che emana direttamente dall’autorità sovrana, o competente della materia; sovente spiega, abroga, estende il senso della legge, secondo il caso; talvolta ordina o vieta cosa speciale. Statuto è legge particolare che regge municipii o private società; se il sovrano la sancisce, ha forza di legge in faccia ai tribunali. Lo statuto in certi paesi è la legge fondamentale dello Stato. Il Codice è il corpo, l’insieme delle leggi o disposizioni legislative riflettenti una parte del diritto: e così codice civile, criminale, di commercio e va dicendo. Canone è legge ecclesiastica per lo più. Costituzione è legge politica in cui si stabiliscono con ferme basi i diritti e i doveri reciproci del principe e del popolo. In Francia dicesi carta; in Inghilterra, carta o magna carta, dalla carta appunto in cui fu descritta, firmata e suggellata solennemente dalle parti contraenti. [immagine]
Dizionario delle invenzioni, origini e scoperte del 1850
Legge - La legge è ciò che dà forma alle istituzioni politiche e regola agli stabilimenti e agli interessi civili. - Le leggi di Mosè non sono le più antiche, poichè l'Egitto era civilizzato quando accolse nel suo seno i padri degli Ebrei; ma sono le sole la di cui antichità sia molto positiva, e che si sieno conservate senza alterazione (Vedi Gombetta, Gotica, Salica.) [immagine]
Scuola di legge (Ecole de Droit) - La politica dei patrizj di Roma, i quali della giurisprudenza fecero una scienza misteriosa che per se riserbarono, diede la prima apertura allo studio delle leggi. Da quella uscirono quegli editti numerosi e giudiziosi dei pretori, che meritarono di essere riuniti in corpo di leggi, sotto il titolo di Editto perpetuo. Per seguito pure di questa applicazione, e mediante la coltura delle lettere e della filosofia, si formò la serie di celebri giureconsulti, che da Augusto in poi ebbero il privilegio di dare consultazioni e risposte, cui i giudici stessi pigliavano per base delle lor sentenze: ma essa cessò dopo Erennio Modestinus, che Gravina chiama l'ultimo sospiro della giurisprudenza. Si veggono giureconsulti che insegnavano legge, ma senza carattere pubblico: un rescritto, di Antonino il Pio, che regnava sul principio del secolo II., gli autorizzava, sotto la denominazione di juris studiosi, a farsi pagare i loro enorarj. Questo rescritto, riportato da Callistrate che visse dal secolo III. al IV., dimostra non esservi allora scuole pubbliche specialmente stabilite. La prima venne fondata a Beryte, città di Fenicia, e se ne ignora l'epoca; la seconda si aprì a Costantinopoli nel 425; la terza a Roma, e sole si sa ch'esisteva a tempo di Giustiniano. Quella di Costantinopoli si abolì quando l'impero d'Oriente cadde d'innanzi alla barbarie dei Mussulmani, che presero quella capitale nel 1425. Ma la scoperta fatta ad Amalfi delle Pandette di Giustiniano, ed il risorgimento della lettere col quale coincise, ravvivarono lo studio delle leggi. Esso passò dall'Italia nelle parti della Francia dove si praticava il diritto romano; ne fu la prima sede Tolosa. Le scuole di diritto erano annesse alle università sotto il titolo di Facoltà del diritto (Facultés de droit). [immagine]
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: legavo, legazione, legazioni, legenda, legende, legga, leggano « legge » leggemmo, leggenda, leggendari, leggendaria, leggendariamente, leggendarie, leggendarietà
Parole di cinque lettere: legga « legge » leggi
Vocabolario inverso (per trovare le rime): spiagge, baragge, sagge, selvagge, semiselvagge, schegge, paraschegge « legge (eggel) » elegge, rielegge, rilegge, fuorilegge, pulegge, regge, gregge
Indice parole che: iniziano con L, con LE, iniziano con LEG, finiscono con E

Commenti sulla voce «legge» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2017 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze