Dizy - dizionario

login/registrati

contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «paio», il significato, curiosità, forma del verbo «parere» associazioni, sillabazione, anagrammi, definizioni da cruciverba, frasi di esempio, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Paio

Forma verbale
Paio è una forma del verbo parere (prima persona singolare dell'indicativo presente). Vedi anche: Coniugazione di parere.
Parole Collegate
Associate (la prima parola che viene a mente, su 100 persone)
scarpe (34%), due (23%), coppia (12%), calze (7%), guanti (5%), doppio (4%), occhiali (3%)
Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Treccani
Liste a cui appartiene
Parole Monoconsonantiche [Paia « * » Papa]

Foto taggate paio

dopo una faticosa giornata

scarpette rosse

Foto 368916001
Giochi di Parole
La parola paio è formata da quattro lettere, tre vocali e una consonante.
Divisione in sillabe: pà-io. È un bisillabo piano (accento sulla penultima sillaba).
Anagrammi
Componendo le lettere di paio con quelle di un'altra parola si ottiene: +san = anopsia; +gag = apagogi; +tac = apatico; +[ira, ria] = apiario; +[del, led] = aploide; +can = apnoica; +con = apnoico; +con = apocino; +[del, led] = apolide; +pil = appioli; +ram = apriamo; +tir = apritoi; +rna = arpiona; +sta = aspatoi; +tic = atipico; +tac = atopica; +tic = atopici; +toc = atopico; +bis = biopsia; ...
Vedi anche: Anagrammi per paio
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: baio, caio, gaio, pago, paia, palo, paro, saio.
Cambiando entrambi gli estremi della parola si possono avere: baia, baie, caia, caid, caie, gaia, gaie, haik, jais, maia, maie, mail, mais, naia, naie, naif, raia, raid, raie, rais, saia, tait.
Scarti
Rimuovendo una sola lettera si può avere: pio.
Zeppe (e aggiunte)
Aggiungendo una sola lettera si possono ottenere le parole: palio, pario, patio.
Antipodi (con o senza cambio)
Spostando la prima lettera in fondo (eventualmente cambiandola) e invertendo il tutto si possono ottenere: boia, foia, noia, soia.
Parole con "paio"
Iniziano con "paio": paioli, paiolo, paiono, paiolata, paiolate, paiolina, paioline, paiolini, paiolino, paiolone.
Finiscono con "paio": appaio, appaiò, serpaio, vespaio, canapaio, polipaio, riappaio, scarpaio, scompaio, sterpaio, traspaio, ricompaio.
Contengono "paio": appaiono, pepaiola, pepaiole, compaiono, riappaiono, scompaiono, traspaiono, ricompaiono.
»» Vedi parole che contengono paio per la lista completa
Incastri
Inserito nella parola pela dà PEpaioLA.
Inserendo al suo interno sta si ha PAstaIO; con agli si ha PagliAIO; con della si ha PAdellaIO; con netta si ha PAnettaIO.
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "paio" si può ottenere dalle seguenti coppie: paga/gaio, par/rio, pascolato/scolatoio, pasta/staio.
Usando "paio" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * ioga = paga; * ione = pane; * ioni = pani; coppa * = copio; palpa * = palio; * iolla = palla; polpa * = polio; salpa * = salio; serpa * = serio; canapa * = canaio; * ionica = panica; * ionici = panici; * ionico = panico; * ioniche = paniche.
Lucchetti Riflessi
Scartando le parti in comune (in coda e il riflesso in capo), "paio" si può ottenere dalle seguenti coppie: paga/agio, paggetta/atteggio, pale/elio, pali/ilio, pallidi/idillio, palo/olio, pappa/appio, pappo/oppio, parare/erario, pararono/onorario, paravo/ovario, parta/atrio.
Cerniere
Scartando le parti in comune (prima in capo e poi in coda), "paio" si può ottenere dalle seguenti coppie: nepa/ione, tapa/iota.
Usando "paio" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * nepa = ione; * tapa = iota; ione * = nepa; iota * = tapa; ora * = rapai; osco * = scopai; osti * = stipai; oscar * = scarpai.
Lucchetti Alterni
Scartando le parti in comune (in coda oppure in capo), "paio" si può ottenere dalle seguenti coppie: paga/ioga, palla/iolla, pane/ione, pani/ioni, panica/ionica, paniche/ioniche, panici/ionici, panico/ionico.
Usando "paio" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: copio * = coppa; palio * = palpa; polio * = polpa; salio * = salpa; serio * = serpa; creo * = crepai; mapo * = mappai; * ateo = paiate; palo * = palpai; pomo * = pompai; raso * = raspai; salo * = salpai; taro * = tarpai; topo * = toppai; scapo * = scappai; scaro * = scarpai; stero * = sterpai; usuro * = usurpai; discolo * = discolpai; * scolatoio = pascolato; ...
Intarsi e sciarade alterne
Intrecciando le lettere di "paio" (*) con un'altra parola si può ottenere: * tv = pativo; * csi = paciosi; * ram = pariamo; sir * = sipario; san * = spaiano; * otto = potatoio; slam * = spaliamo; * prolog = papirologo; * intona = piantonaio; secchi * = specchiaio; * attinto = pattinatoio.
Definizioni da Cruciverba
Frasi con "paio"
»» Vedi anche la pagina frasi con paio per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • Ho acquistato un paio di scarpe in saldi, che affarone!
  • Con un paio di scarpe scomode la passeggiata diventò un supplizio.
  • Ho chiesto in segreteria un paio di forbici per tagliare la carta dei faldoni.
Espressioni e Modi di Dire
Definizioni da Cruciverba con soluzione
Definizioni da Dizionari Storici
Vocabolario dei sinonimi della lingua italiana del 1884
Paro, Pajo - Son vivi ambedue nel linguaggio fiorentino e si possono considerar sinonimi. Giovi però avvertire che Paro lo usiamo sempre tronco e si fa sempre precedere al genitivo, non mai seguire; Pajo si fa precedere e seguire. - «Un par di scarpe. - Non ce n'ho che un pajo. - Un par di scapaccioni - di capponi. - Tre soldi il pajo.» G. F. [immagine]
Coppia, Pajo - La differenza essenziale di questi due vocaboli si spiega da ciò, che coppia si riferisce a congiunzione, e pajo a somiglianza; il numero due accompagna l'uno e l'altro: e però coppia vale due cose diverse congiunte insieme; e pajo val due d'una cosa istessa. Aggiungi, che coppia, originata dal latino copula, si dice di persone e di cose, e pajo si dice solamente di bestie e di cose. L'idea caratteristica si trasforma pure nei derivati Accoppiare ed Appajare.

Con questi principii verrà a spiegarsi con facilità il vario uso delle due voci.

Bella coppia di sposi, udrai ripetere dal popolo alla vista di due gentili persone di sesso diverso accompagnate insieme, e non mai bel pajo di sposi; così diciam pure una coppia di frati, e non un pajo di frati: perchè la voce coppia si adatta alle persone, alle quali pajo non si può aggiungere, se non per figura, come verrà detto in appresso. Parlando di bestie, la voce coppia si adopera ogni volta che si vuol indicare la congiunzione loro, senza far caso della somiglianza; e per lo contrario, si dice pajo quando si vuol significare somiglianza e non congiunzione: quindi è che chiamiamo coppia due cavalli che non hanno affinità di membra e di mantello, e che servono ai lavori della campagna, od alla propagazione della specie, e pariglia quelli che appajono gemelli all'età, alla proporzione delle membra, al color del mantello ed ai varii lor segni naturali. Venendo alle cose, dirai propriamente un pajo di forbici, un pajo di scarpe, un pajo di fibbie, un pajo d'occhi, ecc., perchè son due d'una cosa istessa; e dirai una coppia di uova, una coppia di pani, ecc., perchè queste cose non sono affatto simili. Per ironia e traslato da bestie e cose brutte a persone, si dice familiarmente un par di furfanti, o simili; e per indicare che diverse persone hanno gli stessi tristi costumi, suol dirsi che sono lo stesso pajo, e anche sono una coppia e un pajo. [immagine]
Dizionario dei sinonimi - Zecchini del 1860
Paio, Coppia, Pariglia, Paiuccio, Coppietta, Copula, Paro, Par - Due unità fanno il paio, purchè le due cose siano della medesima specie, un paio di capponi, un paio d'uova, di scarpe e simili: nel paio le due cose sono talvolta unite in qualche punto, sicchè non fanno a dir vero che una cosa sola: un paio di forbici, un paio di calzoni: la coppia per essere assortita deve aver certe condizioni di somiglianza, di convenienza; imperciocchè le cose o le persone che di forza voglionsi accoppiare senza tener conto di queste siffatte convenienze, urtano il senso e la logica: una coppia si dirà di due cavalli somiglianti in grandezza e grossezza, nel colore, nelle macchie del mantello, nell'età e va dicendo: di due giovani sposi per ogni parte convenienti fra loro si dirà: che bella coppia! Il dizionario del Tommaseo differisce da me nel determinare la significazione delle due voci: forse perchè paio gli sembra derivare da parità; ma può anche venire da parere, cioè sembrare e non essere; e forse in un paio può l'apparente somiglianza essere più grande che nella coppia; ma la vera, l'intrinseca conformità e convenienza mi pare che più in questa sia che in quello; e di fatto, di due sposi ugualmente nobili e ricchi e grandi di statura, ma uno vecchio e l'altra giovine, o viceversa, si potrà forse dire bella coppia? io non lo credo. Pariglia si dice propriamente di coppia di cavalli, assolutamente bene assortiti, accoppiati. Paiuccio, paio di cose di poco valore; coppietta, modo di dire, e così paiuccio, di chi vuole per qualche suo fine ristringere sempre, diminuire l'idea, il valore delle cose. Copulative, dal latinismo copula poco usato, le congiunzioni che servono ad unire fra loro le parti del discorso, i membri d'un periodo, le frasi tra loro.

«Paro è dell'uso lucchese, non di altri dialetti toscani; ma comune è il tronco par. Par d'occhi, di piccioni». Tommaseo. [immagine]
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
Pajo - e PARO. S. m. Due di una cosa stessa. Nel plur. esce sempre in A. Lat. aur. Par. La seconda forma in Tosc. non s'usa che scorciata Un par di… [Pol.] Fortig. Ricciard. 1. 56. E dorme un par d'orette, e, pria del giorno, Sveglia i compagni suoi a suon di corno. = Cron. Morell. 348. (C) Questo corso per più paja d'anni. Bocc. Nov. 2. g. 2. Nè perdè altro che un pajo di cintolini. E nov. 3. g. 9. Ora ci bisogna per quell'acqua tre paja di buoni capponi, e grossi. Fir. Luc. 4. 6. Non vedete voi, mio padre, ch'egli ha un par d'occhi ch'e' pare spiritato? [Cont.] Stat. Gab. Siena, Guanti di lana, di bevaro o colorati, della dozzina delle paja soldi tre. Ric. Fam. Sen. Arch. St. It. Ap. 2P. 55 XXVI. d. in uno paio di calzari: X. d. in uno paio di suola di Spinello. = Car. Long. Sof. 98. (M.) A Lamone concessero… quattro para di buoi. Sassett. Lett. 84. (Man.) Strascicano (gli elefanti) pel medesimo modo un legno, che 4 para de' nostri buoi non potrebbero. T. Gell. Sport. 4. 4. Io ho tolto due paja di colombelle. – Un pajo di calze; di lenzuola.

T. Farò dire un pajo di Messe (due).

T. Prov. Tosc. 242. Un buon pajo d'orecchi stancano cento male lingue.

2. Essere un pajo, o una coppia e un pajo, di Due cose o persone similissime tra loro; ma più spesso in mal senso. (Fanf.) Bern. Mogl. 185. (M.) Alle guagnel, Lepron, noi siamo un pajo. [Giust.] Cecch. fig. prod. I. 2. Ma ecco qua certo il mio servitore e il Frappa. So dire che sono una coppia e un pajo. [Val.] Fag. Comm. 5. 376. Sì di Ventura, che son una coppia e un pajo ben aggiustato. T. Prov. I due fanno un pajo.

3. [Val.] Saper quante paja fanno tre cose, Essere bastevolmente accorto. Fag. Comm. 4. 322. Qui l'ho avuto più sottile di lui… so quante paja fanno tre buoi, conosco il pan de' sassi. E 5. 26. Io non vengo al mondo, e so quante paja fanno tre buoi.

4. [Val.] Si scrisse pur Pai' per Paja. Pucc. Guerr. Pisan. 2. 17. Con cento pai' di buoi tornâr forniti.

3. [Val.] Detto degli anni, numerandoli così a due a due; strana maniera di contare. Pucc. Centil. 6. 97. Gli anni di Cristo allora nominando Mille dugento scempii, e venti paja, e cinque (cioè 1245).

6. Talora si dice Pajo a un corpo solo d'una cosa, ancorchè si divida in di molte parti, come Un pajo di carte da giuocare, Un pajo di scacchi. (C)

7. Si dice anche talvolta Pajo a una Cosa sola non divisibile, come Un pajo di vangajuole, Un pajo di molle, Un pajo di stadere, Un pajo di forbici. Bocc. Nov. 2. g. 3. (C) Con un pajo di forficette, le quali portate avea, gli tondè alquanto dall'una delle parti i capelli. E appresso: E trovato un pajo di forficette, delle quali per avventura v'erano alcun pajo per la stalla, per lo servigio de' cavalli… a tutti in simil maniera sopra l'orecchio tagliò i capegli. [G.M.] Un pajo di calzoni, di mutande.

[Cont.] Biring. Pirot. IV. 1. Levando il coperchio lo scoprite (il vaso) e con un paro di molle o altro modo, in urina o acqua fresca comune dentro ogni cosa versate.

8. Dicesi pure Un pajo di nozze, per Nozze, Sposalizio. (Fanf.) Bocc. Nov. Intr. g. 4. (M.) Per avventura si scontrarono in un una brigata di belle giovani donne, che da un pajo di nozze veniano.

9. T. D. 2. 23. Tu ti rimani… Ch'io perdo troppo Venendo teco sì a paro a paro (di pari passo). [Pol.] Fortig. Ricciard. 12. 74. A paro a paro Vennero verso il lido (vennero ugualmente verso il lido).

10. (Anat.) È anche termine degli Anatomici, ed è aggiunto che si dà ai nervi nella loro origine, perchè nascono sempre a due a due. Cocch. Lez. (M.) Ha la sua origine dal pajo vago, e dal nervo intercostale.
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: pagro, paguri, paguro, paia, paiamo, paiano, paiate « paio » paiolata, paiolate, paioli, paiolina, paioline, paiolini, paiolino
Parole di quattro lettere: paia « paio » pala
Vocabolario inverso (per trovare le rime): ottonaio, bottonaio, carnaio, lucernaio, lanternaio, fornaio, prunaio « paio (oiap) » canapaio, polipaio, ricompaio, scompaio, appaio, appaiò, riappaio
Indice parole che: iniziano con P, con PA, iniziano con PAI, finiscono con O

Commenti sulla voce «paio» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2017 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze