Dizy - dizionario

login/registrati
contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «cerchio», il significato, curiosità, forma del verbo «cerchiare» sillabazione, anagrammi, definizioni da cruciverba, frasi di esempio, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Cerchio

Forma verbale
Cerchio è una forma del verbo cerchiare (prima persona singolare dell'indicativo presente). Vedi anche: Coniugazione di cerchiare.
Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani | Wikipedia

Foto taggate cerchio

S. Petri Gloriae

Frecciarossa

Atri
Tag correlati: ferro, chiesa, cerchi, cupola, porta, batacchio, legno, metallo, finestre, geometrie, orologio, acqua, soffitto, vetro, lancette, battiporta, anello, interno, portone, oro, sfera, numeri, ore, luce, muro, astratto, raggi, affreschi, luci, dipinti
Giochi di Parole
La parola cerchio è formata da sette lettere, tre vocali e quattro consonanti.
Divisione in sillabe: cér-chio. È un bisillabo piano (accento sulla penultima sillaba).
Parole con la stessa grafia, ma accentate: cerchiò.
Anagrammi
Cambiando l'ordine delle lettere si può avere questa parola: orecchi.
cerchio si può ottenere combinando le lettere di: [ero, ore, reo] + chic; [eri, ire, rei] + choc; ohe + cric; cri + oche; [ciro, cori, irco, ...] + che.
Componendo le lettere di cerchio con quelle di un'altra parola si ottiene: +ala = acaloriche; +can = accerchino; +ada = adocchiare; +ada = adocchierà; +oda = adocchierò; +abs = ascorbiche; +bel = bloccherei; +bel = blocchiere; +fan = canforiche; +[dan, dna] = cerchiando; +nei = chiericone; +caì = chiocciare; +the = chiroteche; +tir = cirrotiche; +fan = conchifera; +fen = conchifere; +fin = conchiferi; +fon = conchifero; +pin = coperchini; +[ari, ira, ria] = coricherai; +[eri, ire] = coricherei; ...
Vedi anche: Anagrammi per cerchio
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: cerchia, cerchie.
Scarti
Rimuovendo una sola lettera si può avere: cerchi.
Altri scarti con resto non consecutivo: cerco, cerio, ceri, cero, cechi, ceci, ceco, echi.
Zeppe (e aggiunte)
Aggiungendo una sola lettera si può avere: cerchino.
Parole con "cerchio"
Iniziano con "cerchio": cerchione, cerchioni, cerchiobottismi, cerchiobottismo, cerchiobottista, cerchiobottiste, cerchiobottisti.
Finiscono con "cerchio": accerchio, accerchiò, semicerchio, copricerchio.
Contengono "cerchio": cicerchione, cicerchioni.
»» Vedi parole che contengono cerchio per la lista completa
Parole contenute in "cerchio"
chi, cerchi.
Incastri
Si può ottenere da cero e chi (CERchiO).
Inserito nella parola cine dà CIcerchioNE.
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "cerchio" si può ottenere dalle seguenti coppie: ceti/tirchio, ceto/torchio, cervelli/vellichio.
Lucchetti Riflessi
Scartando le parti in comune (in coda e il riflesso in capo), "cerchio" si può ottenere dalle seguenti coppie: cerco/occhio.
Cerniere
Usando "cerchio" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: ori * = ricerchi.
Lucchetti Alterni
Usando "cerchio" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * tirchio = ceti; * torchio = ceto; * vellichio = cervelli; * ateo = cerchiate.
Intarsi e sciarade alterne
"cerchio" si può ottenere intrecciando le lettere delle seguenti coppie di parole: ceci/rho.
Intrecciando le lettere di "cerchio" (*) con un'altra parola si può ottenere: * arno = cerchiarono; * atre = cerchiatore; * atri = cerchiatori.
Definizioni da Cruciverba
Frasi con "cerchio"
»» Vedi anche la pagina frasi con cerchio per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • Questa sera la luna in cielo è un cerchio perfetto.
  • Da quando mi sono svegliata ho un cerchio alla testa.
  • Tenetevi per mano, allontanatevi e formate un cerchio.
Espressioni e Modi di Dire
Definizioni da Cruciverba con soluzione
»» Vedi tutte le definizioni
Definizioni da Dizionari Storici
Vocabolario dei sinonimi della lingua italiana del 1884
Circolo, Cerchio, Circonferenza - Circolo, a dir propriamente, è voce scientifica, e significa quella figura piana formata da una sola linea che ritorna sopra sè stessa. - Cerchio è cosa materiale, che argomenta cosa da circondare, e non sempre ha forma esatta di circolo perfetto. Il Cerchio da botti non si dirà mai Circolo; si è detto però anche Cerchio per Circolo. - La Circonferenza si riferisce a spazio, ed è quanto gira la linea del circolo: e questa fu da Dante chiamata Cerchio. Ora si dice comunemente Circolo per Luogo dove si adunano più persone, o per conversare, o per discutere, e sono in gran voga i Circoli filologici, con metafora un po' tirata co' denti. Ciò, non so perchè, mi ritorna a mente che i ciarlatani si chiamarono latinamente Circulatores. [immagine]
Dizionario dei sinonimi - Zecchini del 1860
Circolo, Cerchio - Circolo è termine scientifico; ei deve essere perfetto, o almeno ha da supporsi che tale sia: cerchio è parola d'uso. Il cerchio, abbenchè tondo, non riesce molte volte d'un circolo perfetto: il cerchio o la cerchia delle mura indica, come si vede, circolo meno esatto ancora: stare a cerchio per conversare; le conversazioni a corte diconsi circoli, forse per applicarvi indirettamente parola e idea che indichino maggior esattezza e perfezione. [immagine]
Cerchio, Cerchia, Cercine - Cerchio è il nome generico; cercine è un ravvolto di panno che si mettono in testa coloro che sogliono portarvi pesi; è pure quell'imbottitura circolare che si mette attorno alla testa de' bambini onde smorzare la violenza degli urti e delle cadute fatte da essi sovente; ora se ne fanno di sottili vimini e di balena, perciò elastici e non più imbottiti; paion piccoli turbanti vuoti. Cerchia, dicesi dell'insieme delle mura che circondano la città: il cerchio è tondo, d'ordinario; la cerchia è giro irregolare. La cerchia, in termine di caccia, la fanno i cacciatori ed i cani, per rinchiudere o trovare la selvaggina. Cerchia ha senso traslato: nella cerchia de' miei amici, de' miei pensieri o studii, e simili. [immagine]
Circonferenza, Cerchio, Circuito, Giro - La circonferenza matematicamente parlando è quella linea che descrive il circolo; in significato meno esatto è quello spazio circoscritto da una linea vera o astratta anche irregolare qualunque: nella circonferenza di tante miglia, dicesi, non trovereste ecc. Cerchio esprime spazio più limitato e veramente circoscritto; circuito limita e descrive meno rigorosamente. Si fa un giro attorno a certo spazio; ciò indica abbastanza che il giro non è necessariamente tondo: si gira anche sortendo fuori da un dato spazio, all'avventura, purchè non si vada in linea retta, e si converga alquanto verso la direzione donde s'è partiti. Si gira per la campagna, per la città e poi si torna a casa; per cui girare vale qualche volta andare a spasso, a zonzo. [immagine]
Dizionario delle invenzioni, origini e scoperte del 1850
Livello-Cerchio - Questo istrumento, immaginato da Lenoir nel 1820, forma per le sue combinazioni quattro distinti istrumenti. Come livello, ha il gran pregio di essere solidissimo e non aver bisogno di rettificazione veruna: una volta messo a segno, è immutabile; il cerchio solo che trascina il livello può dirigersi verso quanti punti si voglia, e ciò senza niente scomporre la bolla d'aria. Un'altro suo gran vantaggio si è quello, che con un oggetto chiamato alidade, sostegno, diviene atto alla misurazione degli angoli semplici e doppi. [immagine]
Quarto di cerchio - Istrumento di rame, per solito di tre piedi di raggio o più, che ha un cannocchiale o fisso o mobile. Serve a misurare l'altezza di un astro al disopra dell'orizzonte. L'uso di esso è molto antico; ma solo nel 1667 Picard ed Auzout vi applicarono i cannocchiali, sebbene Moreri vi avesse pensato nel 1634; e questa invenzione fece far nuovi progressi all'astronomia. Bensì quella del circolo ripetitore merita per più riguardi la preferenza. [immagine]
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
Cerchio - e † CERCO. S. m. (Geom.) Figura geometrica, detta altrimenti Circolo, che è contenuta da una sola linea, ed ha un punto nel mezzo che è ugualmente distante dai punti della linea suddetta chiamata Circonferenza; e prendesi anche per la Circonferenza medesima. (Mt.) Aureo lat. Circulus, e sinc. Circlus. Gr. Κίρκος. – Dant. Par. 14. (C) Dal centro al cerchio, e sì dal cerchio al centro Muovesi l'acqua in un ritondo vaso. [Val.] Pallav. Lett. 157. Le linee rette del cerchio sono quelle che, quantunque innumerabili, tutte convengono in un medesimo centro.

[Camp.] Com. Boez. IV. Siccome lo cerchio delli canti in la ruota si gira più veloce del modiolo o testa di essa.

[Cont.] G. G. Par. XIV. 286. Il cerchio si concepisce esser un poligono di lati infiniti. Gal. B. Arch. Vitr. III. 3. Cominciando indi dalla parte superiore sotto l'abaco, in ogni girata di cerchio si scemi mezzo diametro di occhio, e così si faccia finchè si ritorni all'istessa quarta, che corisponde sotto l'abaco.

2. [Camp.] Fig. Per Arco di cerchio; La parte per il tutto. Dant. Par 20. De' cinque, che mi fan cerchio per ciglio.

3. [Camp.] Misurare il cerchio, per Cercarne la quadratura. Dant. Par. 33. Qual geométra che tutto s'affige Per mensurar lo cerchio, e non ritrova Pensando, quel principio ond'egli indige. (Così i testi più autorevoli.)

4. Trasl. [Val.] Limite ideale; aff. a quello che il Vico dice Ricorso. Mach. Disc. 1. 14. E questo è il cerchio, nel quale girando tutte le Repubbliche si sono governate.

5. Quello che cigne, circonda, e attornia qualsivoglia cosa. Bocc. g. 6. f. 8. (C) Ne' teatri veggiamo dalla lor sommità i gradi infino all'infimo venire successivamente ordinati, sempre restrignendo 'l cerchio loro. E Fiamm. (Mt.) Occhi intorniati con purpureo cerchio.

T. Prov. Tosc. 183. Cerchio lontano, acqua (pioggia) vicina; e cerchio vicino, acqua lontana. (Del cerchio che fanno i vapori intorno alla luna.)

[Cont.] Cr. B. Naut. med. III. 390. Ogni volta che vedremo la luna esser infocata ed aver molti cerchi attorno, distanti l'uno dall'altro per ugual intervallo; altro non dimostra, che il rabbioso contrasto di più venti, che orrenda fortuna minacciano.

6. Trasl. [Camp.] Mor. S. Greg. Veracemente li malvagi uomini sono in questa vita posti a guisa di ruota, li quali, essendo posti nello cerchio delli affanni di questa vita, lasciano stare le cose…

7. Per Orecchino. T. Cerchio d'oro agli orecchi (orecchino).

8. Per Corona, Ghirlanda. Petr. Son. 127. (C) Vederla ir sola co' pensier suo' insieme, Tessendo un cerchio all'oro terso e crespo. (Così ass. non comune.)

9. Le Mura che cingono una città, castello, o sim., in giro. [Val.] Ant. Pucc. Centil. 2. 99. E dugent'anni stette in tal maniera, Ch'ella non fece i suoi cerchi maggiori. = Bocc. Vit. Dant. 222. (C) Da quelli medesimi, che prima conditori n'erano stati, comecchè in piccolo cerchio di mura la riducesse, in quanto potè, simile a Roma la fe' redificare ed abitare. Dant. Inf. 4. Nel primo cerchio che l'abisso cigne. [Camp.] E Inf. 25. Per tutti i cerchi dell'Inferno oscuri Non vidi spirto in Dio tanto superbo. (Così leggo coi più autorevoli Mss.)

10. [Camp.] Fig. Per Ruota dentata d'orologio. Dant. Par. 24. E come cerchi in tempra d'oriuoli Si giran sì, che 'l primo, a chi pon mente, Quïeto pare, e l'ultimo che voli.

[Cont.] Gius. da Capr. Orol. 26. E perchè detti pironi sostengono molta fatiga, per far la loro operazione; acciò siano stabili, si farà un cerchio simil alla ruota, ma senza denti, e senza croce, quale si incastrerà, e ribatterà con i pironi, la lunghezza dei quali sarà, quanto vi possa passare la leva del martello.

11. (Fis.) [Gher.] Cerchio, o Circolo elettrico, galvanico, magneto-elettrico, termo-elettrico, voltiano o voltaico, ecc. V. CIRCUITO ELETTRICO.

12. † Fig. [Val.] Tempo, Periodo. T. Virg. Temporis orbe. [Val.] Reg. S. Bened. 36. Meno che 'l saltero co' cantici usati, per lo cerchio della settimana, cantano. E 72. Dopo 'l cerchio di sei mesi gli sia riletta la Regola. [Camp.] Bibb. Reg. I. 1. Ed Elcana conobbe Anna; e Iddio si ricordò di lei; e dopo il cerchio dei di Anna concepette e partorì figliuoli (post circulum dierum).

13. † Fig. [Val.] Cerchio della vita. La vita stessa, Il vivere, Gli anni in che si vive. Mach. Ingrat. E così il cerchio di sua vita volse Fuor del suo patrio nido.

14. Per Radunanza d'uomini discorrenti insieme, che pur si dice Circolo o Capannello. Fiamm. 4. 98. (C) Mi ricorda essermi alcuna volta a così fatte feste avvenuto, che io in cerchio con donne in ragionamenti d'amore mi sono ritrovata. [Camp.] Pist. S. Gir. 78. Quante volte m'ha fatto costui istomacare ne' cerchi. (Così ass. non com.) = Giov. Gell. Alf. 97. (M.) Costui l'anno dinanzi ritrovandosi a Siena in un cerchio a un ragionamento di molte persone,… si offerse… di provarli a uomo per uomo. T. Giorn. Arch. St. 1858. p. 217. Fra Girolamo sapeva pochi nomi di cittadini, che non ne conosceva molti. Ma Fra Silvestro era quello che ne aveva sempre attorno un cerchio. = Varch. Stor. 2. (C) Varii cerchi e capanuelle facendosi. Tac. Dav. Vit. Agr. 401. Il volgo… andò a casa a vederlo, e per le piazze e cerchi ne favellò. Cas. Lett. Sor. 251. (Man.) Avrò ben caro che non esca del cerchio vostro (l'epistola), del quale io non cavo M. Flaminio [Val.] Gozz. Serm. 17. Fuggir cerchi di genti.

15. [Val.] † Cerchio divino, poeticam. Consesso degli Dei. Fortig. Ricciard. 22. 46. Che delle Dee fe' pianger la più bella, E sospirare nel cerchio divino.

16. T. Fare un cerchio intorno a uno, o semplicemente Fargli cerchio, Mettersi parecchi o ritti o a sedere, e circondarlo o da tutte le parti o solo sul dinanzi, o per ascoltarlo o per altro. = Nov. Ant. 79. 2. (C) Li cavalieri gli fecero cerchio d'intorno. Tac. Dav. Ann. 1. 28. Fu… provveduto che… codazzo o cerchio intorno a loro, uscenti in pubblico, romano cavaliere non facesse.

T. Ar. Fur. 9. 67. Ruppe il cerchio ch'avean fatto (per prenderlo).

E riferito a cosa. [Val.] Pandolf. Gov. Fam. (Albert.) 4. Tutti corrono a far cerchio all'uscio di chi è prodigo.

17. Far cerchio d'una cosa vale Piegarla a guisa di cerchio. Franc. Sacch. Rim. Gio. d'Amer. 68. (C) E perchè le giunture son sì cotte Da quel bogliente ed insaziabil merchio, Che della schiena m'ha già fatto cerchio.

18. [Camp.] Cerchio del ciglio, per Sopracciglio. Non com. Art. am. III. Tingere il cerchio del ciglio con sottile carbone (confinia supercilii).

19. A cerchio e † A cerco. Post. avverb. In giro, Intorno intorno. V. A CERCHIO. Ar. Fur. 19. 64. A guisa di teatro se gli stende La città a cerco, e verso il poggio ascende.

[Val.] Del Ross. Sveton. 58. Radunandosi ciascuna nazione separatamente a cerchio… lo piangevano.

[Cont.]A mezzo cerchio. Bart. C. Arch. Alb. 175. 13. Altri divisono questi canali con un pianuzzo fra l'uno e l'altro, il quale si fa non meno che la terza, ne più che la quarta parte del vano del canale, e si incavano i canali a mezzo cerchio.

20. † Andare a cerco. Per Andare attorno a zonzo o a girone, Andar gironi, Gironzare. Arios. Suppos. a. 2. s. 4. (Gh.) O padron ch'ora è questa D'andare a cerco?

21. Del primo cerchio. Locuzione usata a maniera d'aggiunto per lo stesso che Di prima riga, Di primo ordine, Di prima portata, Che tiene il primo grado. Non com. Allegr. 337. ediz. Crus. (Gh.) Qualunque altro scrittor del primo cerchio.

22. In cerchio. Post. ass., vale In forma di cerchio, In giro. Bocc. Introd. 30. (C) Quasi in cerchio a seder postesi…, cominciarono a ragionare. E nov. 76. 12. E fatti star costoro in cerchio, disse Bruno. Filoc. 2. 209. Disteso talvolta in terra, e talvolta in cerchio volgendosi, in piccolo spazio scoppiando, quivi morì. Ar. Fur. 7. 21. Facean, sedendo in cerchio, un giuoco lieto. (Tom.) Colline disposte in cerchio.

23. Per cerchio vale In giro, L'un dopo l'altro, Ordinatamente. Non com. Buon. Fier. 1.1. 5. (M.) E fia la maggioranza in voi medesimi Distributiva a arbitrio della sorte, Di mano in man reciproca la vice, Finchè per cerchio ognun proposto splenda.

24. [Val.] † A torti cerchi; modo avverb. Detto di chi in camminando balena. Serpeggiando, Con andare tortuoso. Andr. Lanc. Eneid. lib. 12. Enea incontro va a torti cerchi.

25. (Ar. Mes.) In generale si dice Qualunque cosa di forma circolare, sia di metallo, legno, avorio, o altro, per ornamento o per fortezza di qualsivoglia lavoro; come Cerchio di scatola, di tabacchiera; Cerchio di sopra della cassa di un oriuolo di tasca. (Mt.)

[Cont.] Florio, Metall. Agr. 401. Un pezzo d'un cerchio da vagli, il qual cerchio è largo tre dita, e da amendue le teste di maniera tagliato, che tener si possa con mano.

(Ar. Mes.) [Cont.] Del mantice, del frullone, e sim. Leo. da Vinci, Moto acque, IX. 9. Li cerchi che tal corame circondano devono stare di fuori, acciò proibiscano la soperchia dilatazione del corame. Florio, Metall. Agr. 363. Questo mantice fra l'un cerchio e l'altro ha certi anelli di ferro, a' quali di maniera è attaccato il cuoio, che fa certe piaghe, o falde, simili a quelle che si veggono nelle lanterne di carta, che si posson piegare. Spet. Nat. XI. 124. Il frullone composto di un albero, che gira, di più cerchi, e di un involto di stamigna, di seta, o di lana, più o meno compressa, secondo che si vuole fina, o grassa la farina.

(Ar. Mes.) [Cont.] Legature circolari o d'altra figura per tener assieme più pezzi, o per impedire che un pezzo si divida in parti. Bart. C. Arch. Alb. 22. 34. Vedendosi nelle colonne di legno certi anelli, e cerchi di bronzo colato, o di ferro posti da piedi, e da capo, acciò che per il continuo peso, che elleno dovevano reggere, non si fendessero. Leo. da Vinci, Moto acque, IX. 27. La mazza sia grossa nel braccio, lunga braccia due con quattro manipoli, e sia di quercia, e ferrata di cerchi di ferro nelle teste. Biring. Pirot. VI. 5. Con tanti cerchi pur di ferro che messi un terzo o al più un mezzo braccio discosto l'un da l'altro armino tutta la forma e la faccin forte legandogli e stringendola bene con le prese di lor medesimi. Fon. D. Ob. Fabbr. I. 10. Ad ogni palmi 12 erano cerchi di ferro nel modo, che si vedranno pure in disegno, quali circondavano, e stringevano similmente tutti li quattro travi insieme.

(Ar. Mes.) [Cont.]Cerchio della ruota. Lo stesso che Cerchione. Cit. Tipocosm. 414. Le parti loro (delle ruote) cioè il mozzo, le bossole, i cerchi, i raggi, i gavii, le spiagge, i chiovi. Rusc. Prec. mil. 21. Nei capi delle ruote vuol esser un cerchio di ferro ben grosso fitto per forza, ed imbroccato.

(Artigl.) [Cont.]Cerchi del cannone. Bomb. Ven. 1. Li petrieri a braga sono in tutto uguali a gli altri, fuor, che in vece d'esser incamerati, la parte della camera è aperta di sopra in maniera tale, che per di là si può mettere nel pezzo un mascolo di ferro rinforzato, e cerchiato di molto grossi cerchi, il quale serve di camera, per contener la polvere, e deve questo esser' attaccato e riserrato nel detto pezzo con un grosso cugno di ferro espressamente per ciò fatto.

26. (Ar. Mes.) T. de' bottai. Quel Legame piegato di legno o di ferro che tiene insieme botti, o tini, o altri vasi di legno simili. T. Nelle Leggi visig. Circulus. = Cr. 5. 3. 2. (C) Del loro legno si fanno ottimi cerchi da vaselli di vino. Dav. Colt. 162. Conficca con un pezzo di cerchio il cocchiume.

[Cont.] Cit. Tipocosm. 415. Le parti de le botti, cioè il fondo, le doghe, i cerchi, le ligature. Stat. Legn. 20. Grande quantità di legni o d'asse, o di doghe da botte, o di cerchi che si comprano in some.

E fem. nel pl. coll'uscita in A. Menz. Op. 1. 30. (Gh.) Altri di salde cerchia i tini armaro.

27. Dare un colpo al cerchio e uno alla botte. Prov. V. BOTTE.

28. T. Cerchio e Cerchi moderni delle donne, simili al guardinfante. Averli, Portarli.

29. (Arche.) † Luogo dove si rappresentavano i giuochi e gli spettacoli, com. Circo. Disc. Calc. 6. (C) Mostrano ancor le reliquie, oltre all'antiche scritture, quanti magnifici teatri, e cerchii, e mete, e terme, e altre superbissime moli fussero in Olimpia, in lstmo, in Atene, in Roma, e per tutta l'Italia edificate. Ross. Vit. Aug. (M.) Fecero alcuna volta comparire nel Cerchio massimo uomini, che correvano in sulle carrette. Ovid. Simint. 3. 58. (Man.) Achille non s'adirò altrimenti che s'adiri lo toro nell'aperto cerchio. [Val.] T. Liv. Dec. 7. 3. Il Tevere straripando avesse allagato il cerchio. [Camp.] Art. am. I. Il Cerchio daràe questi entramenti al nuovo amore (Circus).

30. (Astr.) Cerchi diconsi quelle Sfere ove figurano gli astronomi che girino e che si muovano i pianeti. Più com. Circo. Petr. Canz. 17. 4. (C) Già s'io trascorro il ciel di cerchio in cerchio, Nessun pianeta a pianger mi condanna. E 37. 1. Nè lassù sopra il cerchio della Luna Vide mai tante stelle alcuna notte. E son. 261. Ivi fra lor, che 'l terzo cerchio serra, La rividi più bella, e meno altera. T. Car. En. X. Il gran Padre in cima ascese Del suo cerchio stellato.

[Cors.] Boez. Cons. Varch. Rim. 2. Il sol, la luna e tutte l'altre stelle,… Vedea senz'alcun velo Per vari cerchi, e mille strane vie Rotar. [Val.] Andr. Lanc. Eneid. lib. 2. In mezzo li reali palagi sotto il cerchio del cielo (cioè, a ciel aperto) era grandissimo altare.

(Astr.) Cerchio di riflessione, Cerchio di Borda, Circolo ripetitore: Istromento di astronomia nautica, inventato dal cavaliere Borda francese nell'anno 1772, eseguito e perfezionato dallo stesso nel 1774. Serve a determinare le distanze angolari di due astri, o di due oggetti qualunque, e porta il nome di Cerchio di riflessione, perchè il suo orlo è un cerchio, ed entrano nella sua costruzione alcuni specchi che riflettono le immagini degli oggetti che voglionsi rapportare l'uno all'altro. (Mt.)

(Astr.) Cerchio di merigge o di meriggio. Il Meridiano. Dant. Purg. 25. (Mt.) Chè 'l sole aveva il cerchio di merigge Lasciato al tauro. Bocc. Nov. Il cerchio di meriggio avendo il sole già passato.

Nello stesso signif. dicesi anche Cerchio meridiano. [Val.] Boson. Dant. Purg. 446. Già era il sole all'orizzonte giunto, Lo cui meridïan cerchio coverchia Jerusalem col suo più alto punto.

E Cerchio meridiano, per Mezzogiorno opposto a Tramontana. [Val.] Bart. Simb. 381. Sepolcro, vôlto con ciascuna d'esse (facciate) a ciascuna delle altrettante regioni del cielo; al sol levante… al cerchio meridiano.

(Astr.) Cerchio obliquo. [Gen.] Detto dello Zodiaco perchè obliquamente fascia l'equatore e i due tropici. = Dant. Par. (Mt.) L'obliquo cerchio che i pianeti porta.

[Cont.] Cerchio Artico e Antartico. Cr. B. Proteo mil., III. 15. Cerchi Artico, ed Antartico sono due cerchi minori paralleli all'equinoziale, e tra loro; descritti dai Poli della eclittica, quali distano da' Peli del mondo gr. 23. min. 30. G. G. Cosm. III. 29. L'uno di questi cerchi, cioè quello, che è descritto intorno al polo Artico si chiama circolo artico, e l'altro intorno all'altro polo circolo antartico.

(Astr.) [Val.] Cerchio equinoziale. L'Equatore. Alam. Colt. 4. 121. Ove il Meridïan per mezzo parte Il Cerchio Equinozial.

[Cont.] Cr. B. Naut. med. III. 410. Fu necessario dividere la sfera del mondo in due parti uguali, da levante a ponente, con una linea, o cerchio maggior detto equinoziale, distante ugualmente dai Poli del mondo. E Proteo mil. III. 15. Questo cerchio si chiama equinoziale: perchè quando il sole per suo proprio movimento perviene a lui, i giorni artificiali si fanno uguali alla notte in tutta la terra: il che due volte l'anno avviene.

Per Equatore fu detto anche Mezzo cerchio, cioè Cerchio di mezzo tra li due poli. [Camp.] Dant. Purg. 4. Che 'l mezzo cerchio del moto superno Che si chiama equatore in alcun'arte, E che sempre riman tra 'l Sole e 'l verno…

[Cont.]Cerchio maggiore. Cr. B. Proteo mil. III 15. Cerchi maggiori sono quelli, che passando con le loro superficie per il centro del mondo, ch'è quello della terra, dividono il corpo sferico del mondo in due parti uguali, son questi l'equinoziale, l'eclittica, i coluri, i meridiani, ed orizonti. Danti, Astrol. I. 4. I quali cerchi in tutto son dieci, dei quali alcuni son maggiori, e alcuni son minori. I maggiori sono quelli che la sfera in doi parti eguali dividono.

[Cont.]Cerchio massimo. Lo stesso che Cerchio maggiore. G. G. Sag. IV. 181. Dall'apparir la cometa mossa per linea retta argumentavano il movimento suo esser per cerchio massimo.

[Cont.]Cerchio minore. Cr. B. Proteo mil. III. 15. Cerchi minori son quelli, che con la loro superficie non passano per il centro del mondo nè dividono la sfera in parti uguali: quali sono i tropici, ed i cerchi polari Artico, ed Antartico. Mol. Geog. 5. Seguono ora i cerchi minori, i quali non sono più, che di tre sorti, perciocchè, o sono paralleli all'equinozziale, o all'eclittica, o all'orizonte, i quali cerchi, tutti hanno i loro centri nell'asse di quel cerchio maggiore, di cui sono paralleli.

[Cont.] Cerchio orario. Mol. Geog. 4. I meridiani non sono differenti da' cerchi orarii… se non in quanto quelli son posti a fine di dividere il giorno, così naturale, come artificiale in due parti uguali… e questi per terminare l'ore; così avanti mezzo giorno, come doppo, e così notturne come diurne.

[Cont.]Cerchio polare. G. G. Cosm. III. 28. Li due cerchi polari vengono descritti dai poli del zodiaco, mentre che per la rivoluzion diurna si volgono intorno ai poli dell'ecquinoziale. Spet. nat. VIII. 68. Se si farà girare la sfera, l'eclittica porterà sempre il suo asse 23 gradi, e mezzo distante dai due poli del mondo, ed ivi descriverà due piccoli cerchi, l'uno dei quali chiamasi polare artico, e l'altro polare antartico.

(Astr.) [Val.] Il Circolo polare. Bald. Naut. 3. 61. Ritrovar quant'alto Ivi s'erga dall'onde il polo o cerchio.

(Astr.) [Val.]Cerchio solstiziale. Uno dei due tropici. T. Liv. Dec. 1. 19. Fallano alquanti di all'anno intero, il qual si gira per lo cerchio solstiziale.

[Cont.]Cerchio verticale. Mol. Geog. 4. Quelli che passano per il zenit, o punto verticale della regione, o polo dell'orizonte sono i cerchi nei quali si piglia l'altezza delle stelle sopra l'orizonte, e dagli arabi son chiamati col nome di azimut: però noi per passare dal vertice li potremo dire cerchi verticali.

(Astr.) [Val.]Cerchio di Saturno. L'Anello che cinge questo pianeta. Barett. Scritt. Minor. 61. Quando s'allontanava un passo dal Cerchio di Saturno… mi riusciva un goffo de' più solenni.

31. [Val.] Per Superficie sferica. Sacchett. Nov. 23. Egli è forse cagione delli maggiori mali, che si commettono nel cerchio della terra.

32. Superficie convessa. Serm. S. Agost. 17. Molti altri mali esser fatti nel cerchio del mondo per la malizia di questa fiera pessima.

33. (Mar.) [Fin.]Cerchi. Cerchi di legno, e talvolta anche di metallo co' quali attaccansi le rande a' loro pali; i cerchietti od anelli di ferro de' fiocchi o delle vele di straglio chiamansi Canestrelli.

(Mar.) [Camp.] Diz. mar. mil. Cerchio è il bastone col quale il comito batte la ciurma.

34. (Vet.) [Valla.]Cerchio. V. CERCHIONE.
Gran Dizionario Teorico-Militare del 1847
Cerchio - s. m. Cercle. Nome di una ordinanza di battaglia de' Romani, imitata poscia dagl'Italiani, colla quale i soldati venivano disposti in tondo per difendersi da ogni parte dal nemico che gli accerchiava.

Cerchio è pure uno strumento di guerra fatto di due o tre cerchi di legno stretti insieme da un fil di ferro, guernito di fuochi lavorati, che dall'alto di un'opera fortificata si fa cader sull'inimico che lavora sotto o che muove per assaltarla. In franc. Cercle à feu, Cerceau. [immagine]
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: cerchiereste, cerchieresti, cerchierete, cerchierò, cerchietti, cerchietto, cerchino « cerchio » cerchiobottismi, cerchiobottismo, cerchiobottista, cerchiobottiste, cerchiobottisti, cerchione, cerchioni
Parole di sette lettere: cerchie « cerchio » cercine
Vocabolario inverso (per trovare le rime): centonchio, xenodochio, patriarchio, marchiò, marchio, sarchiò, sarchio « cerchio (oihcrec) » accerchio, accerchiò, semicerchio, copricerchio, coperchio, scoperchio, scoperchiò
Indice parole che: iniziano con C, con CE, iniziano con CER, finiscono con O

Commenti sulla voce «cerchio» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2019 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze