Dizy - dizionario

login/registrati
contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «orso», il significato, curiosità, sillabazione, frasi di esempio, definizioni da cruciverba, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Orso

Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani | Wikipedia
Liste a cui appartiene
Parole Monovocaliche [Oroscopo « * » Orto]

Foto taggate orso

22-muro.07

Pisolino

alle Cascate del Niagara
Informazioni di base
La parola orso è formata da quattro lettere, due vocali (tutte uguali, è monovocalica) e due consonanti. Divisione in sillabe: ór-so. È un bisillabo piano (accento sulla penultima sillaba).
Frasi e testi di esempio
»» Vedi anche la pagina frasi con orso per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • Mio marito viene considerato un orso in quanto si relaziona poco con gli altri.
  • Recentemente è stato avvistato un orso in prossimità delle abitazioni.
  • Sulle montagne del nord-est, da una quindicina d'anni, è ricomparso l'orso proveniente dalla Slovenia.
Citazioni da opere letterarie
Carthago di Franco Forte (2009): Versilio non aveva mai fatto commenti in proposito, limitandosi ad accucciarsi sul suo giaciglio nell'angolo più in ombra della tenda, dove Publio gli aveva ordinato di restarsene rintanato, non senza aver prima ravvivato il fuoco nei bracieri e preparato una tunica pulita per il suo padrone, da indossare dopo che avesse finito di rotolarsi con la prostituta etrusca sullo strato di pelli d'orso che si era fatto preparare per l'occasione.

Il Marchese di Roccaverdina di Luigi Capuana (1901): Poco, quasi niente. Per fortuna egli viveva come un orso. Pagava la mesata di socio al Casino, ma non vi andava mai. Con suo zio il cavaliere non parlava da anni. Dalla zia baronessa si faceva vedere alla sfuggita, soltanto nelle feste di Natale, di Capo d'anno e di Pasqua, o quando la baronessa lo mandava insistentemente a chiamare.

Al Polo Australe in velocipede di Emilio Salgari (1895): Per la prima volta provarono i primi sintomi della congelazione, malgrado le loro grosse vesti, le coperte di lana e la pelle d'orso che li copriva. Blunt, essendosi addormentato senza i guanti di pelle, corse il pericolo di perdere entrambe le mani e Wilkye, che erasi accorto a tempo, dovette faticare non poco a riattivargli la circolazione del sangue, mediante delle energiche frizioni con della neve e poi con degli stracci di lana.
Proverbi
  • Non vendere la pelle dell'orso finché non l'hai ucciso.
  • Chi spera nell'altrui soccorso, mette il pelo più lungo dell'orso.
Canzoni
  • La pelle dell'orso (Cantata da: Loredana Berté; Anno 1997)
Giochi di Parole
Giochi enigmistici, trasformazioni varie e curiosità. Vedi anche: Anagrammi per orso
Definizioni da Cruciverba di cui è la soluzione
Definizioni da Cruciverba in cui è presente
»» Vedi tutte le definizioni
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: arso, orbo, orco, orlo, orno, orsa, orse, orsi, orsù, orto, orzo, osso.
Cambiando entrambi gli estremi della parola si possono avere: arsa, arse, arsi, erse, ersi.
Scarti
Rimuovendo una sola lettera si possono ottenere i vocaboli: oso, oro.
Zeppe (e aggiunte)
Aggiungendo una sola lettera si possono ottenere le parole: corso, dorso, morso, sorso, torso.
Parole con "orso"
Iniziano con "orso": orsolina, orsoline.
Finiscono con "orso": corso, dorso, morso, sorso, torso, sborso, sborsò, scorso, accorso, decorso, demorso, esborso, incorso, occorso, ricorso, rimorso, concorso, discorso, percorso, precorso, retrorso, rimborso, rimborsò, rincorso, soccorso, capicorso, capocorso, destrorso, trascorso, fuoricorso, ...
Contengono "orso": borsona, borsone, borsoni, scorsoi, torsoli, torsolo, scorsoia, scorsoie, scorsoio, estorsore, estorsori, discorsone, discorsoni, distorsore, distorsori, dorsoventrale, dorsoventrali.
»» Vedi parole che contengono orso per la lista completa
Incastri
Inserito nella parola sci dà SCorsoI; in scia dà SCorsoIA; in scie dà SCorsoIE; in scio dà SCorsoIO; in estri dà ESTorsoRI.
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "orso" si può ottenere dalle seguenti coppie: orafo/afoso, orale/aleso, orario/arioso, orba/baso, orca/caso, orco/coso, ordisce/disceso, ordiste/disteso, ordivi/diviso, oreste/esteso, orlano/lanoso, orli/liso, orma/maso, orna/naso, ornarci/narciso, oro/oso, orto/toso.
Usando "orso" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * soci = orci; * soda = orda; * sode = orde; * sodi = ordì; * sola = orla; * soli = orli; * solo = orlo; * soma = orma; * some = orme; * sono = orno; beo * = bersò; * socio = orcio; * solai = orlai; tao * = tarso; * solare = orlare; * solini = orlini; * solino = orlino; * sonata = ornata; * sonate = ornate; * sofismi = orfismi; ...
Lucchetti Riflessi
Scartando le parti in comune (in coda e il riflesso in capo), "orso" si può ottenere dalle seguenti coppie: oretta/atteso, orna/anso.
Usando "orso" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: baro * = baso; caro * = caso; coro * = coso; doro * = doso; marò * = maso; muro * = muso; * osca = orca; * osco = orco; * oslo = orlo; * osti = orti; pero * = peso; poro * = poso; raro * = raso; taro * = taso; toro * = toso; varo * = vaso; viro * = viso; berrò * = bersò; corro * = corso; dorrò * = dorso; ...
Cerniere
Scartando le parti in comune (prima in capo e poi in coda), "orso" si può ottenere dalle seguenti coppie: miglior/somigli.
Usando "orso" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: somigli * = miglior; * miglior = somigli.
Lucchetti Alterni
Scartando le parti in comune (in coda oppure in capo), "orso" si può ottenere dalle seguenti coppie: orci/soci, orcio/socio, orcioletti/socioletti, orcioletto/socioletto, orda/soda, orde/sode, ordì/sodi, orfismi/sofismi, orla/sola, orlai/solai, orlare/solare, orlettatura/solettatura, orlettature/solettature, orletti/soletti, orletto/soletto, orli/soli, orlini/solini, orlino/solino, orlo/solo, orma/soma, orme/some...
Usando "orso" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * baso = orba; * caso = orca; * coso = orco; * liso = orli; * maso = orma; * naso = orna; * toso = orto; * afoso = orafo; * aleso = orale; * arioso = orario; * diviso = ordivi; * esteso = oreste; * lanoso = orlano; * disceso = ordisce; * disteso = ordiste; * narciso = ornarci.
Intarsi e sciarade alterne
Intrecciando le lettere di "orso" (*) con un'altra parola si può ottenere: bio * = borioso; * neo = oneroso; pro * = porroso; per * = porsero; ter * = torsero; tini * = torsioni; * laser = orlassero.
Definizioni da Dizionari Storici
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
Orso - S. m. (Zool.) [Bell.] Genere di grossi mammiferi dell'ordine dei Carnivori, sezione dei Plantigradi, il quale comprende diverse specie. Tra queste due meritano speciale menzione l'Orso europeo (Ursus Arctos) una volta frequente nelle Alpi ora in esse rarissimo, il quale è capace di un certo grado di domesticità; e l'Orso bianco o glaciale (Ursus maritimus), che vive sui ghiacci del polo artico. Ursus aur. lat. = Bocc. Nov. 2. g. 4. (C) Noi facciamo oggi una festa, nella quale chi mena un uomo vestito a modo d'orso, e chi a guisa d'uom salvatico. E nov. 3. g. 5. La qual tuttavia gli pareva vedere o da orso, o da lupo strangolare. Pallad. cap. 37. Alcuni serbano la sugna dell'orso dibattuta con olio; e quando elli debbono potare, ungono con questa i segoli. Dant. Inf. 26. E qual colui, che si vengiò con gli orsi, Vide 'l carro d'Elia al dipartire. Petr. Son. 15. part. II. Accenderei d'amore, Non dirò d'uom, un cuor di tigre o d'orso. Franc. Sacch. Op. div. 89. Orso è un animale, che molto mangia lo mele; e quando vuole trarre lo mele dell'arnie, l'api, come è di loro usanza, tutte gli si gittano addosso, e pungonlo; allora l'orso abbandona il mele. Cecch. Corred. 2. 2. È come l'orso: e' par goffo, e destro.

2. † Andare a veder ballar l'orso; modo basso, e vale Morire. Salv. Granch. 3. 13. (C) Questi n'andò a notar 'n un golfo, e quegli Da una torre veder a ballar l'orso.

3. [Val.] Prov. com. Invitar l'orso alle pere. Proporre altrui cosa gradevolissima.

4. Lasciar Ie pere in guardia all'orso, o sim. vale Fidar checchessia a chi n'è avido. Ciriff. Calv. 3. 84. (C) L'orso è qui posto a guardia delle pere.

5. Leva le pere. ecco l'orso; prov. con cui si avvertisce d'Aver cura di alcuna cosa, quando sopravviene il pericolo di perderla. (C)

6. L'orso sogna le pere, o sim; prov. che si dice quando Alcuno s'immagina cosa ch'ei desideri sommamente. T. Prov. Tosc. 19. = Bellinc. Son. 166. (C) L'orso disse anche: e' fia di molte pere; Veggendo ben fiorito il pero il Maggio. Malm. 8. 65. (C) Oh baccellaccio! l'orso sogna pere.

7. † Menar l'orso a Modena; prov. che vale Mettersi a impresa da non ne trarre onor nè guadagno. Cecch. Servig. 1. 2. (C) Io ho tolto a menar l'orso a Modena. Fir. Disc. Lett. 322. A dirti il vero, mi par, secondo che si dice, ch'egli abbia tolto a menare l'orso a Modena.

8. Non ischerzar coll'orso, modo proverb., con cui s'avvertisce altri a non mettersi a impresa pericolosa. Franc. Sacch. Nov. 150. (C) Non ischerzare con l'orso, se non vogli esser morso. T. Prov. Tosc. 314.

9. Pelar l'orso, si dice fig. e in modo scherzevole di Cosa che abbia in sè gran polso e gagliardia. Red. Lett. M. (M.) E di più la canzone dell'Imperatore, e quella del Re saranno accompagnate da due lettere latine, che pelano l'orso. V. PELARE.

[G.M.] Oggi è un freddo che pela l'orso (fortissimo). – Glie n'ha dette di quelle da pelar l'orso (parole minacciose, risentite).

10. † Pigliare o Prender l'orso, fig. vale Imbronciarsi. Cant. Carn. Paol. Ott. 12. (C) E qualcuno anche ha preso Orsi e bertucce standosi a sedere. Matt. Franz. Rim. burl. 2. 189. Avendo già dato di morso Ad una pesca, e sopravi bevuto Certo Montepulcian da pigliar l'orso.

11. Vender la pelle dell'orso prima di prenderla, prov. che vale Disporre d'alcuna cosa prima ch'ella sia in tuo potere. T. Prov. Tosc. 263. = V. Flos. 256. Cecch. Mogl. 1. 2. (C) E' bisogna pigliar prima quest'orso, E poi vender la pelle.

[T.] Buon. Fier. 4. 2. 7. A cavamacchie, aggirator di cani e d'orsi, mostrator di mummie e mostri.

T. Prov. Tosc. 141. Chi dal letto spera soccorso, Mette il pelo come un orso. E 368. Peloso come un orso. – Pare un orso, chi ha la barba e i capelli arruffati.

[L.B.] Prov. È come l'orso; che, a bastonarlo, balla. T. Così spesso il povero popolo; ma si badi al seg. Prov. Tosc. 314. Non istuzzicar l'orso quando gli fuma il naso. [F.T-s.] Bibb. Calandr. 1. 2.

T. Prov. Tosc. 67. Chi divide la pera (o il miele) coll'orso (il nome slavo dell'orso è Mangiatore di miele), n'ha sempre men che parte.

II. T. Orso mal leccato, Uomo brutto della persona, Goffo; Triviale, che vuol fare del rincivilito.

T. È un orso, Rozzo d'aspetto, Salvatico delle maniere.
Orso - S. m. Strumento di pietra, con che si puliscono i pavimenti, e in isperie quelli delle stufe. (C) [Cont.] Zab. Cast. Ponti, 6. IV. Orso di peperino, o d'altra pietra ruvida; nell'incavo di cui, a quest'effetto fattovi, si ferma il bastone o manico con una zeppa.
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: orsacchiotto, orsacci, orsaccio, orse, orsetti, orsetto, orsi « orso » orsolina, orsoline, orsù, ortacci, ortaccio, ortaggi, ortaggio
Parole di quattro lettere: orsa, orse, orsi « orso » orsù, orti, orto
Vocabolario inverso (per trovare le rime): imperverso, sversò, sverso, trasverso, avversò, avverso, tirso « orso (osro) » rimborso, rimborsò, sborso, sborsò, esborso, corso, accorso
Indice parole che: iniziano con O, con OR, parole che iniziano con ORS, finiscono con O

Commenti sulla voce «orso» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2022 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze