Dizy - dizionario

login/registrati

contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «gioco», il significato, curiosità, forma del verbo «giocare» associazioni, sillabazione, anagrammi, frasi di esempio, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Gioco

Forma verbale
Gioco è una forma del verbo giocare (prima persona singolare dell'indicativo presente). Vedi anche: Coniugazione di giocare.
Parole Collegate
»» Aggettivi per descrivere gioco (divertente, bello, noioso, brutto, ...)
Associate (la prima parola che viene a mente, su 100 persone)
carte (9%), divertimento (9%), calcio (9%), azzardo (8%), bambini (5%), bambino (4%), svago (4%), ludico (4%), poco (3%), scherzo (3%), passatempo (2%), infantile (2%), palla (2%), squadra (2%), mano (2%), sporco (2%)
Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani | Wikipedia
Liste a cui appartiene
Calcio [Giallo « * » Gol]

Foto taggate gioco

...troppo divertente!...

Biliardino-ino-ino

Istruttrice in erba di cagnolino
Tag correlati: palla, giocare, acqua, bambino, bambina, pallone, numeri, due, pedine, bambini, cane, giocatori, scacchiera, sabbia, giochi, carte, tavolo, sport, calcetto, erba, prato, calcio, scacchi, mani, fontana, tombola
Giochi di Parole
La parola gioco è formata da cinque lettere, tre vocali e due consonanti.
È una parola bifronte senza capo né coda, la lettura all’inverso produce una parola di senso compiuto (coi).
Divisione in sillabe: giò-co. È un bisillabo piano (accento sulla penultima sillaba).
Parole con la stessa grafia, ma accentate: giocò.
Anagrammi
Componendo le lettere di gioco con quelle di un'altra parola si ottiene: +san = agiscono; +san = angoscio; +san = ascogoni; +[par, rap] = capogiro; +alt = cigolato; +alt = citologa; +mal = cogliamo; +lev = coglievo; +nel = coglione; +gal = colaggio; +tan = contagio; +nut = contiguo; +alé = ecologia; +[est, set] = escogito; +nel = genicolo; +[dan, dna] = giocando; +nel = gliconeo; +[sul, usl] = glucosio; +col = gocciolo; ...
Vedi anche: Anagrammi per gioco
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: fioco, giaco, gioca, giogo, giovo.
Cambiando entrambi gli estremi della parola si può avere: fioca.
Zeppe (e aggiunte)
Aggiungendo una sola lettera si può avere: giuoco.
Parole con "gioco"
Iniziano con "gioco": giocosa, giocose, giocosi, giocoso, gioconda, gioconde, giocondi, giocondo, giocologa, giocologo, giocosità, giocoforza, giocoliere, giocolieri, giocondità, giocosamente, giocondamente.
Finiscono con "gioco": rigioco, rigiocò, fuorigioco, videogioco.
Contengono "gioco": angiocolite, angiocoliti.
»» Vedi parole che contengono gioco per la lista completa
Parole contenute in "gioco"
Contenute all'inverso: coi.
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "gioco" si può ottenere dalle seguenti coppie: gip/poco, giovedì/vedico, giovi/vico.
Usando "gioco" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: regio * = reco; * cova = giova; * cove = giove; * covi = giovi; * covo = giovo; mangio * = manco; plagio * = placo; * ohi = giochi; * coito = gioito; * corni = giorni; * corno = giorno; * cotto = giotto; * covai = giovai; litigio * = litico; spregio * = spreco; arrangio * = arranco; * covano = giovano; * covare = giovare; * covate = giovate; * covato = giovato; ...
Lucchetti Riflessi
Scartando le parti in comune (in coda e il riflesso in capo), "gioco" si può ottenere dalle seguenti coppie: gioiremo/omerico, gioirete/eterico, gioite/etico, gioito/otico.
Usando "gioco" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * occhi = giochi; * occhini = giochini; * occhino = giochino; * occhiate = giochiate.
Cerniere
Scartando le parti in comune (prima in capo e poi in coda), "gioco" si può ottenere dalle seguenti coppie: ligio/coli, litigio/coliti, magio/coma, mogio/como, pigio/copi, pregio/copre, regio/core.
Usando "gioco" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * ligio = coli; * magio = coma; * mogio = como; * pigio = copi; * regio = core; * pregio = copre; coli * = ligio; coma * = magio; como * = mogio; copi * = pigio; core * = regio; * litigio = coliti; copre * = pregio; coliti * = litigio.
Lucchetti Alterni
Usando "gioco" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * vico = giovi; reco * = regio; manco * = mangio; placo * = plagio; * ateo = giocate; * avio = giocavi; * vedico = giovedì; litico * = litigio; spreco * = spregio; arranco * = arrangio; * cantico = giocanti; * carsico = giocarsi; * astio = giocasti; giocattoli * = cattolico; * cattolico = giocattoli.
Intarsi e sciarade alterne
Intrecciando le lettere di "gioco" (*) con un'altra parola si può ottenere: * caci = giocaccio; * arno = giocarono; * atre = giocatore; * atri = giocatori; * unni = giunonico; * udisti = giudoistico.
Frasi con "gioco"
»» Vedi anche la pagina frasi con gioco per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • Il gioco prodotto dall'usura dei supporti ha distrutto la macchina.
  • Nel gioco degli scacchi, ogni pedina può fare soltanto determinate mosse.
  • Il gioco è una fase importante nella crescita dei bambini, ecco perché non concordo nell'anticipare la prima elementare a 5 anni.
Proverbi
  • Bisogna fare buon viso a cattivo gioco.
  • Il gioco è bello quando dura poco.
  • Chi sa il gioco non l'insegni.
  • Gioco di mani gioco di villani.
  • Ogni bel gioco dura poco.
Espressioni e Modi di Dire
  • Fare buon viso a cattivo gioco
  • Il gioco non vale la candela
  • Quando il gioco si fa duro i duri iniziano a giocare
  • Un gioco da ragazzi
Libri
  • Il gioco delle perle di vetro (Scritto da: Hermann Hesse; Anno 1943)
  • Il gioco del prigioniero (Scritto da: Giorgio Calcagno; Anno 1991)
Titoli di Film
  • Mi gioco la moglie a Las Vegas (Regia di Andrew Bergman; Anno 1992)
  • Gioco sleale (Regia di Colin Higgins; Anno 1978)
Canzoni
  • Il gioco delle parti (Cantata da: Mietta; Anno 1991)
  • Il gioco dell'amore (Cantata da: Caterina Caselli e Johnny Dorelli; Anno 1969)
Definizioni da Cruciverba con soluzione
Definizioni da Dizionari Storici
Vocabolario dei sinonimi della lingua italiana del 1884
Giuoco, Partita - Giuoco è di significazione generica, e si usa spesso assolutamente. - «Il giuoco lo ha rovinato.» - Poi significa ciascuno dei modi di giocare, come Il giuoco del biliardo, il giuoco della dama. Quando poi si vuol significare una gara tra due o più, fatta a un tale o tal altro giuoco, allora si dice Fare una partita; e Partita si dice altresì ciascuna prova fatta a un tal giuoco che abbia i punti determinati. - «Giocammo al biliardo, e vinsi dieci partite.» [immagine]
Dizionario dei sinonimi - Zecchini del 1860
Gioco, Scherzo - Lo scherzo è o pare sempre fatto da burla: il gioco può essere anche rischioso e serio; poi questo sembra richiedere un qualche preparativo per essere più complicato; lo scherzo può essere un semplice atto, una parola. Nel gioco di mano occorre destrezza non comune; nel gioco di parole, perspicacità e acume più che volgare. Si possono fare in prosa, e in poesia ancor meglio, de' componimenti assai lunghi, detti scherzi, perchè in essi si tratta facetamente l'impreso argomento: io stesso scrissi uno di questi scherzi, composto di cento ventotto sestine, intitolato Ricetta letteraria e stampato a Torino nel 1840. [immagine]
Farsi gioco, Ridersi, Burlarsi - Farsi gioco è il più forte, poichè non indica solamente in chi lo fa animo disposto a ilarità innocua, o maligna soltanto, ma bensì animo crudele e inclinato a mal fare: il fanciulletto cattivo e di animo insensibile si fa gioco del passero che tien legato con un filo; finge ad ogni momento di metterlo in libertà, ma lasciatolo volare per breve tratto, lo ritira a sè; farsi gioco è malvezzo, indegnità di cui i potenti, i grandi, i forti si rendono colpevoli verso i deboli e i piccoli, promettendo, lusingando, e non tenendo conto della lusinga, della promessa. Ridersi ha varii significati: in questo significa quella gioia maligna che si prova nel vedere le altrui debolezze e nel giovarsene per divertirsi a sue spese: uno si ride dei creduli, degli ambiziosi, degli sciocchi presuntuosi, nel secondarli fino al punto di trarli a qualche mal passo, da cui non abbiano ad uscire che scorticati o scornati. Ridersi o ridersene vale non far conto, non temere chi o che che sia: io me ne rido, cioè, non me ne importa, so che non può farmi alcun male: io mi rido di voi, cioè, non vi temo. Burlarsi è un modo di prendersi gioco, ma per cose di minor conto si burla di taluno col dargli ad intendere cose che non sono, e che non puonno essere, col promettergli cose impossibili, col fargli fare cose ridicole e simili; ma tutte di quel calibro che non oltrepassi la burla. [immagine]
Gabbare, Gabbarsi, Farsi gabbo, Prendere a Gabbo, Prendere a gioco, Farsi gioco, Prendersi gioco, Ingannare, Schernire, Abbindolare, Accalappiare, Acchiappare, Infinocchiare, Caruccolare - Gabbare è un ingannare con una qualche finzione; se l'interesse per cui l'uomo resta gabbato è grave, allora è vero inganno; se lieve, è burla: ma nel gabbare entra sempre una qualche lusinga con cui altri si adesca; per gabbare ci va sempre un dritto e un minchione. Gabbarsi vale, e gabbare se stesso prendendo un granchio con nostro danno, e gabbare altrui, e allora significa una certa consuetudine: il semplice gabba anche l'astuto se gli viene il destro, ma una volta su cento; gabbarsi del prossimo è proprio del gabbamondo. Farsi gabbo, prendere a gabbo dicono inganno più grave o beffa più pungente che non farsi gioco, prendersi gioco; e la differenza sta nel peso rispettivo delle parole gabbo e gioco, che è evidente; fra prendere e farsi sta poi quella, che in prendere l'intenzione sembra più deliberata, e in farsi pare che sia più sovente seguita dall'effetto: in chi si fa gabbo, gioco, è più arte per riuscire nell'intento suo; a chi prende a gabbo, a gioco, succede talvolta come ai pifferi di montagna, che andarono per suonare e furono suonati. Ingannare è il tesser l'inganno e il persuaderne altrui con suo danno. Schernire è beffa vile e villana, è insulto e non più semplice burla. Abbindolare è raggirare altrui e trarlo a mal passo o a mala pratica. Accalappiare è prenderlo nella rete con fino inganno, insidiandolo nella parte più debole, circonvenendolo con tanti giri e rigiri che non riesca mai a districarsene. Acchiappare, chi fugge, o chi sfugge; onde, quand'è affine ad ingannare, esprime insidia pronta, laccio apparecchiato: molti che si credono furbi restano acchiappati quando meno sel credono. Infinocchiare è dar a credere lucciole per lanterne, dar ad intendere pastocchie delle più grosse onde riderne con altri. Caruccolare, poco usato, è ingannare adagio, alla lontana, per far colpo più tardo, ma certo. Chi abbindola mena al male; chi accalappia resta padrone di chi riesce accalappiato; chi acchiappa non lascia andare senza graffiare o mordere qualche cosa; chi infinocchia vuol per lo più ridere del prossimo, se è semplice o credulo di troppo pe' tempi che corrono. [immagine]
Favola, Gioco (Divenire, Essere la) - Essere, divenire la favola si può, anche di tutto un paese, perchè parlare tutti sanno; ridere, burlarsi del prossimo amano i più; e poi è facile, o almeno probabile che accada ad un uomo qualche avventura, qualche scena ridicola la quale meni tanto rumore da far sì che tutti ne parlino. Divenir, essere il gioco non si può di tanti, perchè qui si tratta di atti, di fatti; e, bisogna pur dirlo, a molti il far male ripugna; onde si può divenir gioco di uno, di parecchi che si mettano d'accordo per burlarci, per farci correre, per darcene ad intendere: ma alla perfine uno, per di buona pasta che sia, se ne accorge, e fa cessare il gioco: essere la favola, invece, si può, senza pur saperlo, o saperlo di certo. [immagine]
Dizionario delle invenzioni, origini e scoperte del 1850
Giuoco - E' noto che durante l'assedio di Troja, i Greci per passarne il lungo tempo e mitigare le proprie fatiche, si divertivano a varj giuochi. I Romani n'ebbero pure, ad imitazione dei Greci. I più conosciuti fra questi erano il pari o caffo, la mora, il giuoco dei ladroni, che si approssimava al nostro degli scacchi e si eseguiva sopra un tavolino segnato a modo di scacchiere: ai quali possono aggiungersi due d'azzardo, cioè dell'aliosso e dei dadi. Ma noi vediamo, che alla fine della repubblica quelli di azzardo furono severamente proibiti. Secondo Tacito, i Germanni si davano a codesta passione con tal frenesia, che dopo aver perduto tutto si giuocavano se stessi ad un solo tiro, ed allora il vinto, benchè più giovane e forte, si lasciava legare e vendere agli stranieri. A Mosca e a Pietroburgo si giuoca non solo il proprio oro, i mobili, le terre, ma anco quelli che le coltivano, dimodochè intere famiglie passano in un giorno a sette o otto padroni uno dopo l'altro. Si assicura che un Veneziano giuocò la propria moglie, e un Chinese la consorte e i figliuoli, e le perderono. I Negri di Juida hanno la stessa usanza. Nell'Indie si giuoca talvolta sino alle dita della mano, e quegli che perde se le taglia di per se onde soddisfare il vincitore. [immagine]
Carte da giuoco - Al parere di Boissonnade e di Eligio Johanneau, esse sono molto più antiche che non si creda comunemente. Il primo di costoro pensa che non furono inventate per distrarre dalla malinconia Carlo XI., come dicono Nèe de la Rochelle, il P. Menestrier, il P. Daniele, gli Enciclopedisti, il conte di Tressan, Villant, e molti altri. Erano conosciute in Francia sotto Carlo V. Il piccolo Jehan di Saintrè fu onorato del favore di questo principe, unicamente perchè non giuocava alle carte nè a’ dadi.

In Ispagna si trovano verso il 1330. Si legge nel vol. 4. pag. 646 del Dizionario Spagnuolo dell’accademia di Madrid, che le carte da giuoco furono inventate da Niccola Pepino, e che la parola naipes, la quale è il loro nome in quell’idioma, si formò delle lettere N e P, iniziali dei due nomi dell’inventore. Negli statuti dell’ordine della Banda, creato in Ispagna verso il 1332. da Alfonso XI. i giuochi di carte sono proibiti.

Johanneau in una dottissima dissertazione assegna a quelle carte un’origine anche molto più vecchia. Egli si appoggia ad un passo di Papias, lessicografo del secolo XI., trovato in Ducange, e che secondo lui prova che la voce mappa significò fra le altre cose Carta da giuocare. L’abate di Longuerue, l’uomo di Francia, forse, che abbia saputo più cose di chiunque, avea veduto un giuoco di carte tali quali si pretendeva ch’esse fossero state nella loro origine; avevano sette o otto polzate di lunghezza; vi si vedeva un Papa, degli Imperatori, e le quattro monarchie che fra loro combattevano. Ma non può egli darsi che ciò che vide l’abate di Longuerue fosse piuttosto un giuoco di tarocchi? Certo si è, che se le carte erano conosciute in Francia sotto Carlo V., non dovevano però esserci comuni, a motivo della spesa, che cagionava la loro pittura, imperocchè l’arte d’incidere sul legno era tuttavia ignota, e si sa che nel 1390. la Camera dei Conti passò una somma ragguardevole pel giuoco di carte, che fu recato in Francia onde far divertire negl’intervalli della malattia Carlo VI. in allora demente.

Sotto il regno seguente, un pittor francese chiamato Jacquemin Gringonneur ne inventò alcune particolari alla Francia: Argine, la donna di fiori, è l’anagramma di Regina, ed era la regina Maria d’Angiò moglie di Carlo VII. - Rachele, la donna di quadri, era Agnese Sorel. La donna di picche, sotto nome di guerriera Pallade, accennava la pulzella di Orleans; ed Isabella di Baviera era rappresentata dalla donna di cuore, col nome d’imperatrice Giuditta. In David, ch’era il re di picche si riconosce facilmente Carlo VII. perseguitato da suo padre come David da Saulle. I quattro valletti Ogier, Lancelot, Lahire ed Ettore, sono personaggi storici: i due primi, eroi o prodi del tempo di Carlomagno, ed Ettore di Galande e Lahire due capitani distintissimi sotto Carlo VII. Il titolo di valletto era un grado che conduceva a quello di cavaliere. I quattro valletti rappresentano la nobiltà. Tutte le altre carte dal Dieci in poi indicavano i soldati, ed anche i colori erano emblemi militari. Per cuore, si deve intendere valore, picche e quadri, le armi; fiori, i foraggi, che si devono sempre avere in vista quando una truppa si accampa. Si pretende pure che l’asso fosse il simbolo delle finanze, le quali sono il nerbo della guerra: difatti era il nome di una moneta presso i Romani, e questi chiamavano pure asso tutto il patrimonio posseduto da un cittadino. [immagine]
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: giochicchiare, giochicchiata, giochicchiate, giochicchiati, giochicchiato, giochini, giochino « gioco » giocoforza, giocoliere, giocolieri, giocologa, giocologo, gioconda, giocondamente
Parole di cinque lettere: gioca « gioco » giogo
Vocabolario inverso (per trovare le rime): rococò, diadoco, coledoco, diplodoco, soffocò, soffoco, fioco « gioco (ocoig) » rigioco, rigiocò, fuorigioco, videogioco, loco, locò, subloco
Indice parole che: iniziano con G, con GI, iniziano con GIO, finiscono con O

Commenti sulla voce «gioco» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2017 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze