Dizy - dizionario

login/registrati
contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «forte», il significato, curiosità, aggettivo qualificativo, associazioni, sillabazione, frasi di esempio, definizioni da cruciverba, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Forte

Aggettivo
Forte è un aggettivo qualificativo. Forme per genere e per numero: forte (femminile singolare); forti (maschile plurale); forti (femminile plurale).
Parole Collegate
»» Sinonimi e contrari di forte (robusto, forzuto, potente, energico, ...)
Associate (la prima parola che viene a mente, su 100 persone)
debole (30%), robusto (11%), piano (11%), vento (4%), castello (2%), carattere (2%), braccio (2%), coraggio (2%), muscoloso (2%), energico (2%). Vedi anche: Parole associate a forte.
Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Wikipedia
Liste a cui appartiene
Aggettivi per descrivere la voce [Fonogenica « * » Fortissima]
Carattere delle persone [Focoso « * » Freddo]
Tipi di sapore [Delicato « * » Appetitoso]

Foto taggate forte

Torrechiara

Castel Mareccio

Il Forte di Bard
Informazioni di base
La parola forte è formata da cinque lettere, due vocali e tre consonanti. Divisione in sillabe: fòr-te. È un bisillabo piano (accento sulla penultima sillaba).
Frasi e testi di esempio
»» Vedi anche le pagine frasi con forte e canzoni con forte per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • A volte urlando forte le tue ragioni fai solo baccano.
  • Certamente quello, più che un castello, era un forte militare.
  • Mi sentivo abbastanza forte per affrontare la sua arroganza.
  • Il vento soffiava così forte che non potemmo partire con la nave.
  • Il più forte giocatore di pallacanestro di tutti i tempi è stato Michael Jordan e portava il numero 23.
Citazioni da opere letterarie
Silvia di Matilde Serao (1919): Col piccino che portava nel seno era nata anche lei; il primo palpito di quella piccola esistenza era stato simile alla forte voce di Gesù, che fa sorgere dal sepolcro Lazzaro quatriduano. Il suo passato, pesante, triste, nero, si era annegato nella luce, ed ella si trovò compresa da una felicità grandissima.

Il fu Mattia Pascal di Luigi Pirandello (1904): Finito di abburattare, intrisa la farina e coagulatala in pasta, ora essa la brandiva alta e la sbatteva forte apposta, su la madia: rispondeva così a quel che diceva la zia. Questa, allora, rincarò la dose. E quella, sbattendo man mano più forte: — « Ma sì! — ma certo! — ma come no? — ma sicuramente! » — poi, come se non bastasse, andò a prendere il mattarello e se lo pose lì, accanto, su la madia, come per dire: ci ho anche questo.

Azzurro tenebra di Giovanni Arpino (1977): Tirò su le mani bagnate e le espose a una bava di sole. Gli spiaceva per il suo amico cane, ma non avrebbero sentito la sirena. Due volte era accaduto in quella settimana, così era nata la loro amicizia, così erano cominciati i loro appuntamenti. Era passata un'ambulanza, suonando forte i suoi singhiozzi prima di perdersi nel bosco. E il cane s'era liberato in un lungo ululare, progressivo e poi vellutato e poi calante e infine dolce nel chiudersi. Tre giorni dopo l'ambulanza era tornata, se ne stavano lì seduti a guardarla e quando partì anche Arp aveva ululato con la sirena e secondo il ritmo del lupo.
Proverbi
  • Forte non è chi non piange mai, ma chi piangendo riesce a sfogarsi.
  • A chi batte forte, si apron le porte.
  • Il vino è forte ma il sonno lo vince, ma più forte d'ogni cosa è la donna.
  • Forte non è chi non cade mai, ma chi cadendo riesce a rialzarsi.
  • Se il coltivatore non è più forte della sua terra, questa finisce per divorarne.
Libri
  • Forte come la morte (Scritto da: Guy de Maupassant; Anno 1889)
Canzoni
  • Abbracciami forte (Cantata da: Ornella Vanoni e Udo Jürgens; Anno 1965)
  • Più forte (Cantata da: Carlo Gigli; Anno 1976)
  • È più forte di me (Cantata da: Tony Del Monaco e Betty Curtis; Anno 1967)
  • Forte (Cantata da: Angelo Branduardi; Anno 1993)
  • Batte forte (Cantata da: Lollipop; Anno 2002)
Giochi di Parole
Giochi enigmistici, trasformazioni varie e curiosità. Vedi anche: Anagrammi per forte
Definizioni da Cruciverba di cui è la soluzione
Definizioni da Cruciverba in cui è presente
»» Vedi tutte le definizioni
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: aorte, corte, folte, fonte, forge, forme, forre, forse, forti, forze, foste, morte, porte, sorte, torte.
Cambiando entrambi gli estremi della parola si possono avere: aorta, corta, corti, corto, morta, morti, morto, porta, porti, porto, portò, sorta, sorti, sorto, sortì, torta, torti, torto.
Zeppe (e aggiunte)
Aggiungendo una sola lettera si può avere: forate.
Antipodi (con o senza cambio)
Spostando la prima lettera in fondo (eventualmente cambiandola) e invertendo il tutto si possono ottenere: metro, retro, tetro, vetro.
Parole con "forte"
Iniziano con "forte": fortezza, fortezze, fortemente.
Finiscono con "forte": manforte, panforte, paniforte, acquaforte, barbaforte, cassaforte, pianoforte, roccaforte, piazzaforte, contrafforte.
Contengono "forte": conforterà, conforterò, conforterai, conforterei, conforteria, conforterie, sconforterà, sconforterò, conforteremo, conforterete, confortevole, confortevoli, riconforterà, riconforterò, sconforterai, sconforterei, conforteranno, conforterebbe, conforteremmo, confortereste, conforteresti, riconforterai, riconforterei, sconforteremo, sconforterete, superfortezza, superfortezze, inconfortevole, inconfortevoli, riconforteremo, ...
»» Vedi parole che contengono forte per la lista completa
Incastri
Inserito nella parola convoli dà CONforteVOLI.
Inserendo al suo interno ava si ha FORavaTE; con ere si ha FORereTE; con già si ha FORgiaTE; con mas si ha FORmasTE; con mia si ha FORmiaTE; con zia si ha FORziaTE; con mere si ha FORmereTE; con mula si ha FORmulaTE; con giava si ha FORgiavaTE; con matta si ha FORmattaTE; con tifica si ha FORtificaTE.
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "forte" si può ottenere dalle seguenti coppie: foca/carte, foce/certe, fosco/scorte, foto/torte, foravi/avite, forcola/colate, foresta/estate, foreste/estete, forfora/forate, forgi/gite, forlì/lite, forma/mate, formasti/mastite, format/matte, formati/matite, formatura/maturate, forme/mete, formette/mettete, formi/mite, formina/minate, formulina/mulinate...
Usando "forte" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: cefo * = certe; * teca = forca; * teli = forlì; * tema = forma; * teme = forme; * temi = formi; * temo = formo; * tese = forse; tofo * = torte; * teche = forche; * teiera = foriera; * teiere = foriere; * temano = formano; * temerà = formerà; * temerò = formerò; * temino = formino; * tenace = fornace; * tenaci = fornaci; * teatini = foratini; * teatino = foratino; ...
Lucchetti Riflessi
Scartando le parti in comune (in coda e il riflesso in capo), "forte" si può ottenere dalle seguenti coppie: forarono/onorate, forassi/issate, foravi/ivate, foravo/ovate, forno/onte, forra/arte, forre/erte, forum/mute.
Usando "forte" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * etano = forano; * etera = forerà; * etero = forerò; * etino = forino; * eterei = forerei; * etnici = fornici; * ettore = fortore.
Lucchetti Alterni
Scartando le parti in comune (in coda oppure in capo), "forte" si può ottenere dalle seguenti coppie: fora/tea, foratini/teatini, foratino/teatino, forca/teca, forche/teche, foriera/teiera, foriere/teiere, forlì/teli, forma/tema, formano/temano, forme/teme, formerà/temerà, formerai/temerai, formeranno/temeranno, formerebbe/temerebbe, formerebbero/temerebbero, formerei/temerei, formeremmo/temeremmo, formeremo/temeremo, formereste/temereste, formeresti/temeresti...
Usando "forte" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * carte = foca; * certe = foce; * gite = forgi; * lite = forlì; * mate = forma; * mete = forme; * mite = formi; * note = forno; * rate = forra; * rete = forre; * sete = forse; * zite = forzi; * avite = foravi; * matte = format; come * = comfort; * colate = forcola; * estate = foresta; * estete = foreste; * forate = forfora; * matite = formati; ...
Intarsi e sciarade alterne
Intrecciando le lettere di "forte" (*) con un'altra parola si può ottenere: * avi = favorite; * lui = fluorite; * dea = foderate; * ree = forerete; * ira = fortiera; * ire = fortiere; ria * = riforate; sia * = sfiorate; sii * = sfiorite; bica * = biforcate; * olga = folgorate; * arra = foraterra; inia * = infiorate; inca * = inforcate; pera * = perforate; rima * = riformate; savi * = sfavorite; sola * = solforate; conta * = confortate; * bizza = forbitezza; ...
Definizioni da Dizionari Storici
Vocabolario dei sinonimi della lingua italiana del 1884
Forte, Robusto, Forzuto - Forte accenna, più che altro, alle membra e ai muscoli. L'uomo forte può durar molta fatica, alzar gravi pesi, resistere a lungo cammino, e simili. Tale appellativo si presta al metàforico, riferendosi all'animo che resiste ad ogni traversia. - Robusto è colui che per natura e per sana e ben ordinata costituzione è atto a resistere ad ogni fatica, senza risentirne verun danno. - Forzuto è lo stesso che forte; ma si dice di chi è fortissimo di membra, e che della sua forza muscolare fa mostra, e se ne pregia. Forte e Forzuto riguardano più l'atto che la potenza: Robusto più la potenza che l'atto. [immagine]
Cittadella, Fortezza, Forte, Piazza d’Arme, Piazza forte, Campo trincerato - Dico ciò che mi son fatto insegnare dal maggiore Angelucci. «Cittadella perchè è una piccola città dentro una città di maggior perimetro, è una Fortezza dentro una città che pure è fortificata. - La qual Fortezza è un poligono fortificato, posto in luogo acconcio e isolato. Non vi ha pertanto Cittadella senza città fortificata. Tutte le Cittadelle sono Fortezze; ma non tutte le Fortezze sono Cittadelle; perchè la Fortezza può esser anche isolata; nel qual caso però si chiama Forte, come il Forte urbano. - Nel linguaggio militare Piazza d'arme è qualunque fortezza; ma quella specialmente che, in tempo di guerra, serve di base alle operazioni di un esercito, e nella quale si raccolgono le munizioni di guerra e da bocca, le armi, gli attrezzi, ecc. - Piazza forte, e anche solamente Piazza, è qualunque città fortificata. - Campo trincerato è spazio di terreno proporzionato alla qualità e quantità de' soldati che debbono accamparvisi, difeso da opere di fortificazioni stabili o passeggiere.» [immagine]
Forte, Il forte dell’argomento, Qui sta il forte - Il Forte in certe locuzioni è quel punto, quella cosa principale, dalla quale dipendono le accessorie, ed è come il sostegno e la parte formale del tutto. - Quando si dice Il forte dell'argomento si intende il punto sul quale principalmente si fonda il raziocinio. - Quando si dice Qui sta il forte si accenna più spesso a significare la maggior difficoltà da vincere, che i Latini dicevano Haec Helena. [immagine]
Dizionario dei sinonimi - Zecchini del 1860
Forte, Gagliardo, Vegeto, Robusto, Prosperoso, Vigoroso, Rubizzo - Forte è generico: corpo forte, animo forte, forte virtù, forte sentire: gagliardo, più sovente del corpo, e di cose materiali: vino gagliardo, cioè spiritoso, potente: l'uomo gagliardo però pare senta la sua forza, e voglia darne prova; è avventato perciò, talora violento, manesco. In gagliardo vedo la forza del corpo riunita alla coscienza della forza stessa; negli altri vocaboli affini non vedo questa unione: essi non dcono che la valetudine del corpo o delle membra. Vegeto è chi sta bene, per quanto comporta la propria complessione: anche un vecchietto ben conservato, lesto in gambe, sano di mente e di corpo, si dice ch'è vegeto; forte, gagliardo, robusto non gli si addirebbero. Robusto è chi ha membra forti e ben muscolose: l'uomo magro sarà più forte se vuolsi, ma non parrà mai così robusto come chi è ben tarchiato. Prosperoso è l'uomo che non solo è sano, ma che ha un'esterna apparenza di salute, di benessere: a chi ha una cera pallida, a chi è magrolino, mingherlino della persona tutta, non si dirà prosperoso: prosperosa sarà ben detta la faccia di quei giovialoni, grassi, freschi, rubicondi, e sulla quale è come in permanenza il riso, il buon umore. Vigoroso è più di vegeto: è vegeto l'uomo che non ha mali, che non soffre incomodi, malori abituali; è vigoroso se dà prova di questa salute; vigoroso, prosperoso, robusto sono come segni esterni della benevalenza. Rubizzo, che senza dubbio viene da rubicondo, esprime quel certo vigore e vivacità che il forte colorito, proveniente da temperamento sanguigno, suol denotare: dicesi talvolta anche degli animali: cavallo rubizzo, cioè robusto e brioso. Robusto, forte, vigoroso, gagliardo hanno anche senso traslato: un ingegno gagliardo, dotato di un forte sentire, esprimerà vigorosi pensieri con un dire robusto. [immagine]
Castello, Fortezza, Rocca, Cittadella, Città forte - «Può un castello non essere fortezza; può essere fortezza un'intera città. Rocca, la torre del castello; la parte più alta e meglio difendibile della città.» Tommaseo.

La città cinta di forti mura e di altre opere di fortificazione direbbesi città forte. Cittadella è grande fortezza, che nel suo interno racchiude non solo quartieri per soldati, ma anche case per gl'impiegati attinenti ad essa, chiesa, macello, forno, e mulino talvolta, e per quanto è possibile, ogni cosa necessaria onde non dovere ricorrere al difuori in caso d'assedio o di blocco. Castelli chiamansi que' palazzi de' signori che ne' tempi feudali erano ad abitazione e a difesa; in molti di essi, le torri, i merli e tutto ciò che a difesa serviva, in ragione de' mutati tempi, è andato in rovina; in alcuni si conserva e si ripara non per difesa, che più non vale, ma come reliquia delle passate cose, e a motivo di superba compiacenza. [immagine]
Acerbo, Austero, Acido, Agro, Aspro, Forte, Acre, Brusco - « Austero è meno d'aspro, e nelle campagne di Toscana dicesi specialmente del vino quando non tira al dolce, è astringente, ma senza disgusto. Vino brusco non è vino austero nè di cattiva qualità ». Tommaseo.

È vino fatto d'uva non troppo matura; il caldo dell'estate vegnente gli comunica, direi così, quella maturazione di cui difettava e lo rende migliore. Agro è una qualità o specie dell'acido; l'acido è pungente, agisce sulla lingua; l'agro, sui denti e gli allega.

« Delle cose che non hanno acidità ma fortume soltanto, come aglio o simili, dicesi che hanno sapore forte. Il forte differisce dal brusco. Si può fare una salsa dolce e forte, senza che questa si possa dire dolce e brusca. Prendere il forte, saper di forte, dicesi del vino, della farina, del latte e simili, quando son guasti. Acerbo è il sapore di frutta immatura. Allora la frutta è aspra perchè acerba, non per natura propria. Acre è tutt'altro che aspro; l'acre ha dell'acuto che può venire da molti sali; l'aspro è più astringente e spiacevole. L'acre è quasi mordente, l'aspro è quasi ruvido. Nel traslato, austero suol destare idea di severità: acerbo, d'immaturità o di durezza: acre, di forza soverchia, spiacente: aspro di salvatichezza, ruvidezza, fierezza: brusco, il contrario di soavità, di dolcezza ne' modi ». Tommaseo. [immagine]
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: forsennata, forsennatamente, forsennate, forsennatezza, forsennatezze, forsennati, forsennato « forte » fortemente, fortezza, fortezze, forti, forticce, forticci, forticcia
Parole di cinque lettere: forra, forre, forse « forte » forti, forum, forza
Lista Aggettivi: fornitore, forsennato « forte » fortificabile, fortificato
Vocabolario inverso (per trovare le rime): corte, ultracorte, accorte, riaccorte, malaccorte, scorte, avanscorte « forte (etrof) » barbaforte, roccaforte, cassaforte, acquaforte, piazzaforte, contrafforte, paniforte
Indice parole che: iniziano con F, con FO, parole che iniziano con FOR, finiscono con E

Commenti sulla voce «forte» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2022 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze