Dizy - dizionario

login/registrati

contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «lari», il significato, curiosità, anagrammi, definizioni da cruciverba, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Lari

Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Wikipedia
Giochi di Parole
La parola lari è formata da quattro lettere, due vocali e due consonanti.
È una parola bifronte senza capo, la lettura all’inverso produce una parola di senso compiuto (ira).
Anagrammi
Cambiando l'ordine delle lettere si possono avere queste parole: lira (scambio di vocali), rial.
Componendo le lettere di lari con quelle di un'altra parola si ottiene: +[beo, boe] = abolire; +boa = abolirà; +[eta, tea] = alitare; +[eta, tea] = aliterà; +mal = allarmi; +gel = allegri; +[eta, tea] = alterai; +[est, set] = altresì; +zac = alzarci; +moa = amorali; +[dan, dna] = andarli; +[api, pia] = aprilia; +[par, rap] = aprirla; +per = aprirle; +pro = aprirlo; +bea = arabile; +oca = arcolai; +nei = arenili; ...
Vedi anche: Anagrammi per lari
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: bari, cari, fari, lami, lare, laro, lati, lavi, lori, mari, pari, rari, sari, tari, vari.
Cambiando entrambi gli estremi della parola si possono avere: bara, bare, baro, barò, cara, card, care, caro, dare, dark, darà, darò, fard, fare, faro, farà, farò, gara, gare, hard, kart, mare, marò, para, pare, paro, parò, rara, rare, raro, sara, sarà, sarò, tara, tare, taro, tarò, vara, varo, varò, yard, zara.
Scarti
Rimuovendo una sola lettera si possono ottenere le seguenti parole: ari, lai.
Zeppe (e aggiunte)
Aggiungendo una sola lettera si possono ottenere le parole: alari, ilari, ladri, lardi, latri, lauri.
Antipodi (con o senza cambio)
Spostando la prima lettera in fondo (eventualmente cambiandola) e invertendo il tutto si possono ottenere: dirà, gira, lira, mira, pira, tira, vira.
Testacoda
Togliendo la lettera iniziale e aggiungendone una alla fine si ottengono: aria, arie.
Parole con "lari"
Iniziano con "lari": larice, larici, lariana, lariane, lariani, lariano, laringe, lariceti, lariceto, laringea, laringee, laringei, laringeo, lariforme, lariformi, laringale, laringali, laringite, laringiti, laringismi, laringismo, laringofoni, laringofono, laringologa, laringologi, laringologo, laringotomi, laringotomo, laringoiatra, laringoiatre, ...
Finiscono con "lari": alari, ilari, filari, malari, melari, molari, mulari, polari, salari, solari, talari, velari, acclari, anulari, collari, dollari, oculari, ovulari, scolari, angolari, areolari, bagolari, basilari, bifilari, bipolari, canalari, casolari, cedolari, dipolari, fibulari, ...
Contengono "lari": ilaria, ilario, clarini, clarino, filaria, filarie, ilarità, malaria, malarie, melaria, melarie, melario, salaria, salario, salariò, velario, clarissa, clarisse, malarica, malarici, malarico, molarità, polarità, salariai, salarino, solarità, solarium, acclarino, collarina, collarine, ...
»» Vedi parole che contengono lari per la lista completa
Parole contenute in "lari"
ari. Contenute all'inverso: ira.
Incastri
Inserito nella parola io dà IlariO; in mota dà MOlariTA (molarità); in pota dà POlariTA (polarità); in sano dà SAlariNO; in pozza dà POlariZZA; in pozzi dà POlariZZI; in pozzo dà POlariZZO; in stele dà STELlariE; in basita dà BASIlariTA (basilarità); in foconi dà FOCOlariNI; in pozzino dà POlariZZINO; in scozzare dà SCOlariZZARE; in scozzata dà SCOlariZZATA; in scozzate dà SCOlariZZATE; in scozzati dà SCOlariZZATI; in scozzato dà SCOlariZZATO; in scozzante dà SCOlariZZANTE; in scozzanti dà SCOlariZZANTI.
Inserendo al suo interno don si ha LARdonI; con mina si ha LAminaRI; con dace si ha LARdaceI; con dato si ha LARdatoI; con della si ha LARdellaI; con borato si ha LAboratoRI; con minato si ha LAminatoRI.
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "lari" si può ottenere dalle seguenti coppie: ladina/dinari, lagene/generi, laghi/ghiri, laico/icori, lama/mari, lame/meri, lamento/mentori, lami/miri, laminato/minatori, laminerà/minerari, lamino/minori, lane/neri, lanetta/nettari, lao/ori, lasca/scari, lasciato/sciatori, laser/serri, lati/tiri, lato/tori, latore/toreri, latria/triari...
Usando "lari" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: cala * = cari; cela * = ceri; cola * = cori; fola * = fori; * rigo = lago; * rima = lama; * rime = lame; * rimi = lami; * riti = lati; * rito = lato; * riva = lava; * rive = lave; * rivo = lavo; mala * = mari; mela * = meri; mola * = mori; mula * = muri; pala * = pari; pela * = peri; pila * = piri; ...
Lucchetti Riflessi
Scartando le parti in comune (in coda e il riflesso in capo), "lari" si può ottenere dalle seguenti coppie: ladina/anidri, lato/otri.
Usando "lari" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * irti = lati; * irto = lato; * irida = laida; * iride = laide; * iridi = laidi; * irido = laido; metal * = metri.
Cerniere
Scartando le parti in comune (prima in capo e poi in coda), "lari" si può ottenere dalle seguenti coppie: ala/ria, abbassandola/riabbassando, abbracciandola/riabbracciando, abituandola/riabituando, accettandola/riaccettando, acchiappandola/riacchiappando, accompagnandola/riaccompagnando, accorciandola/riaccorciando, accreditandola/riaccreditando, accusandola/riaccusando, acquistandola/riacquistando, adagiandola/riadagiando, adattandola/riadattando, adoperandola/riadoperando, afferrandola/riafferrando, affittandola/riaffittando, affrontandola/riaffrontando, aggiustandola/riaggiustando, aiutandola/riaiutando, alla/rial, allargandola/riallargando...
Usando "lari" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: rial * = alla; riel * = ella; rifò * = fola; riga * = gala; rigo * = gola; rima * = mala; rime * = mela; rimo * = mola; ripa * = pala; ripe * = pela; * alla = rial; * ella = riel; * fola = rifò; * gala = riga; * gola = rigo; * mala = rima; * mela = rime; * mola = rimo; * pala = ripa; * pela = ripe; ...
Lucchetti Alterni
Scartando le parti in comune (in coda oppure in capo), "lari" si può ottenere dalle seguenti coppie: labellata/ribellata, labellate/ribellate, labellati/ribellati, labellato/ribellato, labelli/ribelli, labello/ribello, lacca/ricca, laccetti/riccetti, laccetto/riccetto, lacche/ricche, lacchi/ricchi, lacci/ricci, laccio/riccio, lacco/ricco, laghi/righi, lago/rigo, lagone/rigone, lai/rii, lama/rima, lamare/rimare, lame/rime...
Usando "lari" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: ceri * = cela; cori * = cola; fori * = fola; * meri = lame; * miri = lami; * neri = lane; * tiri = lati; * tori = lato; * veri = lave; * viri = lavi; meri * = mela; mori * = mola; muri * = mula; peri * = pela; piri * = pila; puri * = pula; teri * = tela; veri * = vela; carri * = carla; farri * = farla; ...
Intarsi e sciarade alterne
Intrecciando le lettere di "lari" (*) con un'altra parola si può ottenere: * te = latrie; * ue = laurei; bug * = bulgari; cab * = calabri; * don = ladroni; * aro = larario; * sta = lastrai; * tav = latravi; * tic = latrici; * una = laurina; * une = laurine; * uni = laurini; * uno = laurino; * uno = lunario; pet * = pelarti; acca * = acclarai; alga * = allargai; alma * = allarmai; baud * = baluardi; bite * = bilateri; ...
Definizioni da Cruciverba
Definizioni da Dizionari Storici
Dizionario dei sinonimi - Zecchini del 1860
Lari, Penati - «I lari erano comuni a tutte le case: i penati ciascuno li aveva di proprio. Ai lari si sacrificava al focolare; ai penati, nell'atrio o nella parte interiore della casa». A. [immagine]
Dizionario delle invenzioni, origini e scoperte del 1850
Lari - Dal latino Lares, che secondo il P. de la Rue e Depuis viene dall'antica voce toscana lar o lars, la quale significava capo e padrone; epiteto che davasi ai re, come Lar-Porsenna, Lar-Tolumnius. I Lari erano gli Dei domestici, i genj di ciascuna casa. Si ponevano comunemente dice Dacier, nei canti del focolare, Il quale in alcuni luoghi della Linguadoca si chiama tuttora lar.

Apulejo dice che i Lari non erano altro se non se le anime di coloro che avevano vissuto bene e bene adempiuta la propria carriera. All'incontro, quei che avevano vissuto male erravan vagabondi e spaventavano gli uomini.

Secondo Servio, il culto dei Lari venne dal costume che si aveva in passato di seppellire i cadaveri nelle case, dal che il popolo credulo suppose che anche le anime oltre ai corpi vi dimorassero come genj propizj e soccorrevoli, e volle in tal qualità onorarli sotto la figura di un cane, di certo perché i cani fanno la medesima funzione che i lari, la quale è di custodire la casa, e si stimava che quei numi allontanassero da essa tutto quanto poteva essere nocivo. Il loro posto più comune nelle abitazioni era dietro la porta o attorno al focolare (vedi Genj ec.) [immagine]
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
Lari - S. m. pl. (Mit.) Numi caserecci, Dei familiari dei Gentili, Genii tutelari delle case e delle famiglie; figliuoli di Giove e di Larunda, ovvero di Mercurio e di Lara; rappresentati da piccole statuette, poste nella miglior parte delle case, ove erano onorate e guardate con grandissima cura. Anche le città, le provincie e i popoli ebbero i loro Dei tutelari, così chiamati. Detti anche Penati. (Mt.) Aureo lat. Car. Lett. 2. 186. (M.) Nella facciata sinistra di verso Mercurio, nel corno verso la facciata da piè, si potriano fare i lari Dei, che sono suoi figliuoli. Mellin. Descr. Entr. Reg. Giov. 116. (Gh.) Sopra la porta appunto era questo epitafio in nome della Sicurtà, Pace e Concordia, ed altri quasi Lari famigliari di questo luogo. Parin. Mat. in Parin. Op. I. 60. Oh bravo, oh forte!; Tale il grand'avo tuo tra 'l fumo e 'l foco Orribile di Marte furïando Gittossi allor che i palpitanti Lari Della patria difese, e ruppe e in fuga Mise l'oste feroce.

2. Lari viali. Dei che presiedevano alle strade. Targ. Tozz. G. Viag. 9. 179. (Gh.) Nei luoghi dove, a cagione de' bivii e trivii, era facile lo sbagliare, erano posti i Lari viali, cioè termini con figure di Mercurio compitalizio o viaco, d'Apollo, di Bacco, d'Ercole,…, con iscrizioni che indicavano i tratti delle strade.

3. Lari. fig., per Casa. Parin. Nott. in Parin. Op. 1. 216. (Gh.) Medita certo (la matrona) Come al candor, come al pudor si deggia La cara figlia preservar che torna Doman da i chiostri, ove il sermon d'Italia Pur giunse ad oblïar, meglio erudita Delle galliche grazie. Oh qual dimane Nei genitor, ne' convitati a mensa Ben cicalando ecciterai stupore, Bella fra i lari tuoi vergin straniera! Mont. Bard. can. 6. p. 100. Veggo, giaciuto Là su 'l rottame il mio Melampo (nome del cane di chi parla), antico De' nostri lari e sempre fido amico. T. I privati lari.

T. Tornare a' suoi lari. Lo dicono la gente colta fam. anco per cel. A casa, In patria.

4. T. Anco sing. nel verso; ma raro. Il casto lare, le case pudicamente serbate. = Elc. Sat. 12. st. 15. p. 226. (Gh.) Contigui il lare cittadin più lieto Rendono li orti,…
Lari - S. f. pl. (D'incerta origine, ma forse dal celt. Lar, ital. Sponda, Orlo, ecc.) L'estrema sommità delle montagne d'onde si partono le acque e scendono per gli opposti fianchi di esse. T. La rad. Ar in più lingue denota Monte; e di lì forse viene il tit. di Lare e di Larte e d'Arconte, imag. fig. d'altezza. = Varch. Stor. l. 11. p. 223. (Gh.) Egli, quando fu insù le lari, non doveva scendere a S. Marcello, ma pigliare la strada diritta alle Panche e al Poggio, onde si poteva condurre sicuramente al Montale.
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: larghi, larghina, larghine, larghini, larghino, largizione, largo « lari » lariana, lariane, lariani, lariano, larice, lariceti, lariceto
Parole di quattro lettere: lare « lari » laro
Vocabolario inverso (per trovare le rime): telenotiziari, finanziari, penitenziari, plenipotenziari, assistenziari, terziari, euskari « lari (iral) » alari, intercalari, malari, canalari, salari, presalari, talari
Indice parole che: iniziano con L, con LA, iniziano con LAR, finiscono con I

Commenti sulla voce «lari» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2017 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze