Dizy - dizionario

login/registrati
contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «cibo», il significato, curiosità, forma del verbo «cibare» associazioni, sillabazione, anagrammi, definizioni da cruciverba, frasi di esempio, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Cibo

Forma verbale
Cibo è una forma del verbo cibare (prima persona singolare dell'indicativo presente). Vedi anche: Coniugazione di cibare.
Parole Collegate
Associate (la prima parola che viene a mente, su 100 persone)
avariato (12%), alimento (11%), mangiare (9%), pane (5%), cotto (4%), nutrimento (4%), buono (4%), alimentazione (3%), fame (3%), sano (3%), alimenti (3%), pasta (3%), grasso (2%)
Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani | Wikipedia

Foto taggate cibo

venditore di banane

Caramelle non le voglio più...

il re carciofo
Tag correlati: frutta, piatto, dolci, pasta, foglie, mercato, mele, dolce, verdura, tavolo, pane, formaggio, vetrina, pomodori, salumi, pesce, prosciutto, tovaglia, frutti, uova, negozio, carne, verdure, uva, pomodoro, esposizione, fragole, cesto, fette, cioccolato
Giochi di Parole
La parola cibo è formata da quattro lettere, due vocali e due consonanti.
È una parola bifronte senza capo né coda, la lettura all’inverso produce una parola di senso compiuto (bi).
Divisione in sillabe: cì-bo. È un bisillabo piano (accento sulla penultima sillaba).
Parole con la stessa grafia, ma accentate: cibò.
Anagrammi
Componendo le lettere di cibo con quelle di un'altra parola si ottiene: +ara = abarico; +mas = ambisco; +hac = bacchio; +ala = bacialo; +ama = baciamo; +ana = baciano; +ava = baciavo; +ani = bacioni; +oca = baiocco; +rna = barconi; +[eta, tea] = beotica; +tiè = beotici; +dir = bicordi; +[far, fra] = biforca; +gin = bigonci; +nel = bilenco; +phi = biochip; +[adì, dai, dia] = biocida; +ani = bionica; +noi = bionico; +tai = biotica; +ito = biotico; ...
Vedi anche: Anagrammi per cibo
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: cebo, ciao, ciba, cibi, ciro, cito, cubo, oibò.
Scarti
Rimuovendo una sola lettera si può avere: ciò.
Antipodi (con o senza cambio)
Spostando la prima lettera in fondo (eventualmente cambiandola) e invertendo il tutto si può avere: lobi.
Antipodi inversi: se si sposta l'ultima lettera all'inizio (con eventuale cambio) e si inverte il tutto si possono ottenere: bica, bici.
Parole con "cibo"
Contengono "cibo": vincibosco, vinciboschi.
Incastri
Inserendo al suo interno ari si ha CIBariO.
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "cibo" si può ottenere dalle seguenti coppie: cipro/probo.
Usando "cibo" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: alci * = albo; ceci * = cebo; * boma = cima; * bona = cina; * bone = cine; * boro = ciro; cuci * = cubo; orci * = orbo; * boati = ciati; * boato = ciato; * bocca = cicca; * bocce = cicce; * bocci = cicci; * bongo = cingo; * bontà = cinta; * borro = cirro; * botta = città; falci * = falbo; proci * = probo; sorci * = sorbo; ...
Lucchetti Riflessi
Scartando le parti in comune (in coda e il riflesso in capo), "cibo" si può ottenere dalle seguenti coppie: cima/ambo, ciro/orbo.
Usando "cibo" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * oboe = cioè; * obliare = ciliare; * obliato = ciliato.
Cerniere
Scartando le parti in comune (prima in capo e poi in coda), "cibo" si può ottenere dalle seguenti coppie: emici/boemi, lici/boli, narici/bonari, sonici/bosoni, varici/bovari, veci/bove, voci/bovo.
Usando "cibo" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * lici = boli; * veci = bove; * voci = bovo; boli * = lici; bove * = veci; bovo * = voci; * emici = boemi; boemi * = emici; * narici = bonari; * sonici = bosoni; * varici = bovari; bonari * = narici; bosoni * = sonici; bovari * = varici.
Lucchetti Alterni
Scartando le parti in comune (in coda oppure in capo), "cibo" si può ottenere dalle seguenti coppie: ciati/boati, ciato/boato, cicca/bocca, cicce/bocce, cicche/bocche, cicchetta/bocchetta, cicchette/bocchette, cicchettina/bocchettina, cicchettine/bocchettine, cicchino/bocchino, cicci/bocci, ciccia/boccia, ciccini/boccini, ciccino/boccino, ciccio/boccio, ciccioli/boccioli, cicciolo/bocciolo, cima/boma, cina/bona, cine/bone, cingo/bongo...
Usando "cibo" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: albo * = alci; cebo * = ceci; cubo * = cuci; orbo * = orci; * probo = cipro; falbo * = falci; probo * = proci; sorbo * = sorci; * cibino = bobino; * ateo = cibate; * avio = cibavi; * astio = cibasti.
Intarsi e sciarade alterne
Intrecciando le lettere di "cibo" (*) con un'altra parola si può ottenere: * mal = cimbalo; * arno = cibarono; sala * = sciabola; sale * = sciabole; sali * = sciaboli; salo * = sciabolo; salai * = sciabolai; sarda * = sciaborda; sardi * = sciabordi; sardo * = sciabordo; salano * = sciabolano; salare * = sciabolare; salata * = sciabolata; salate * = sciabolate; salati * = sciabolati; salato * = sciabolato; salava * = sciabolava; salavi * = sciabolavi; salavo * = sciabolavo; salerà * = sciabolerà; ...
Definizioni da Cruciverba
Frasi con "cibo"
»» Vedi anche la pagina frasi con cibo per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • Avevamo preso gli zaini ma avevamo dimenticato quello del cibo.
  • Essendo rimasto senza cibo sono stato costretto a rifornirmi al supermercato.
  • Dobbiamo cercare di vivere con il cibo, non per il cibo.
Definizioni da Cruciverba con soluzione
»» Vedi tutte le definizioni
Definizioni da Dizionari Storici
Vocabolario dei sinonimi della lingua italiana del 1884
Cibo, Vitto, Alimento, Vivanda, Vettovaglia - Cibo è qualunque cosa capace di alimentare uomini e animali. - «Il cibo e la bevanda. - Il paníco serve di cibo agli uccelli. - Si nutrisce di cibi troppo delicati.» - Il Vitto è tutto ciò che serve all'uomo per mantenersi in vita, per rispetto al mangiare e al bere. - «La provvisione non mi basta per il vitto.» - L'Alimento, nel singolare, non significa materialmente roba da mangiare, ma solo l'effetto del mangiare (V. Nutrizione): ma quando si dice in plurale gli alimenti si intende tutto ciò che è necessario al vivere. - «La vedova ha diritto agli alimenti.» - La Vivanda è roba mangereccia già preparata per mettersi in tavola, e si usa massimamamente in plurale. - «Pranzo dove furono ricche vivande.» - Per ultimo si usa la voce Vettovaglia a significar solamente la provvista della roba mangereccia da servire alle moltitudini insieme raccolte, e specialmente agli eserciti in campagna, o ai presidii delle fortezze. [immagine]
Dizionario dei sinonimi - Zecchini del 1860
Cibo, Alimento, Vivanda, Vitto, Esca, Pasto, Pastura, Nutrimento, Comestibile, Sostentamento - Cibo, cibi è generico: alimento è la quantità di cibo necessaria al vivere, perchè il corpo che non si alimenta non vive: nutrimento dice più di alimento; perchè si può alimentare anche tanto da non lasciar perire: ma nutrirsi, essere nutrito, vale essere prosperoso e benevalente: ogni alimento sano vale a nutrire; l'alimento sostiene le forze, il nutrimento le ripara e rinfranca. La parola comestibili comprende tutto ciò che è veramente buono a mangiare: con questo vocabolo s'intende indicarli piuttosto crudi che cotti e ancora da prepararsi. Per sostentamento intendesi tutto ciò che si richiede al discreto vivere in società: il plurale alimenti, coi verbi dare, assegnare e simili, include l'idea del vitto non solo ma del vestito, cioè quel tanto con cui uno, a norma del proprio stato, possa mantenersi; il vitto allora, e direi anche sempre, intendesi sufficiente, e discreto anche in qualità, invece che l'alimento può figurarsi anche scarso o non affatto buono. Vivanda è cibo preparato con qualche arte. Pasto è quella quantità di cibo che si prende a certe ore determinate del giorno. Pasto vale anche sontuoso pranzo: perciò l'uomo che suole sedere a lauti pasti non s'accosta egli alquanto a quegli animali che per ore ed ore vanno in pastura per la campagna, sicchè mai sembrano satolli? e poi, pascersi, da cui pasto deriva, mi pare che sappia un po' dell'epulone e del cibarsi con troppa maggiore compiacenza. Esca, dice Gatti, è cibo degli animali, specialmente di pesci e d'augelli, e così infatto trovasi usato negli autori: ma per me vedo in esca troppo chiaramente espressa l'idea dell'inganno (adescare), quindi la direi cibo traditore; per il che, non il cibo naturale che da se stessi cercansi gli uccelli e i pesci chiamerei esca, ma cibo; esca bensì dirò e quello che loro si getta per prenderli e accalappiarli, e quello ancora che si dà loro anche solo a fine di ingrassarli, per farli poi cibo nostro. [immagine]
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: ciberspazi, ciberspazio, cibi, cibiamo, cibiamoci, cibiate, cibino « cibo » cibrei, cibreo, cica, cicadacea, cicadacee, cicade, cicadi
Parole di quattro lettere: cibi « cibo » cica
Vocabolario inverso (per trovare le rime): cebo, placebo, artocebo, efebo, flebo, sebo, gazebo « cibo (obic) » ohibò, oibò, albo, ficalbo, falbo, scialbo, bulbo
Indice parole che: iniziano con C, con CI, iniziano con CIB, finiscono con O

Commenti sulla voce «cibo» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


foto vincitrice contest cibo


 
Dizy © 2013 - 2019 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze