Dizy - dizionario

login/registrati
contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «dito», il significato, curiosità, sillabazione, frasi di esempio, definizioni da cruciverba, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Dito

Parole Collegate
»» Aggettivi per descrivere dito (rotto, lungo, medio, grosso, corto, ...)
Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani | Wikipedia

Foto taggate dito

Il santone ha detto che....

Cancello

ricordi australiani
Informazioni di base
La parola dito è formata da quattro lettere, due vocali e due consonanti.
È una parola bifronte senza capo né coda, la lettura all’inverso produce una parola di senso compiuto (ti). Divisione in sillabe: dì-to. È un bisillabo piano (accento sulla penultima sillaba).
Frasi e testi di esempio
»» Vedi anche le pagine frasi con dito e canzoni con dito per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • Questione di dito, oggi ho indicato la via ad un passante col medio invece dell'indice, il tipo si è offeso, mannaggia.
  • Questa mattina ho chiuso velocemente il cassetto. Avevo lasciato il dito dentro ed ho trattenuto un urlo che avrebbe spaventato tutto il vicinato!
  • Concordo pienamente col detto che tra moglie e marito non bisogna mettere il dito ma al limite solo ascoltare entrambe le parti.
Citazioni da opere letterarie
La vita in tempo di pace di Francesco Pecoraro (2013): Sulla carta, a sud di Sofrano c'erano Karavonisia, Avgonisi, Kamilionisi, Ounianisia e, spostata verso est, Stakidha. Terre minuscole, piuttosto distanziate l'una dall'altra, forse residui di un antico arcipelago quasi completamente divorato dall'acqua e dal vento. Lì puntava il dito de Klerk e sembrava addolcirsi, ammaliato dalla prospettiva di buttarsi col Falesà in mezzo a quel blu spazzato da un'aria senza freni.

Uno, nessuno e centomila di Luigi Pirandello (1926): «Ecco: dicono le donne del popolo che quando a un nato i capelli terminano sulla nuca in un codiniccio come codesto che tu hai costì, sarà maschio il nato appresso.» Mi portai una mano alla nuca e con un sogghignetto frigido gli domandai: «Ah, ci ho un... com'hai detto?» E lui: «Codiniccio, caro, lo chiamano a Richieri.» «Oh, ma quest'è niente!» esclamai. «Me lo posso ritagliare. Negò prima col dito, poi disse: «Ti resta sempre il segno, caro, anche se te lo fai radere.» E questa volta mi piantò lui.

I promessi sposi di Alessandro Manzoni (1840): “Eh! ci vuol altro, ci vuol altro, ci vuol altro.” Così dicendo prese il lume, e, brontolando sempre: “una piccola bagattella! a un galantuomo par mio! e domani com'andrà?” e altre simili lamentazioni, s'avviò per salire in camera. Giunto su la soglia, si voltò indietro verso Perpetua, mise il dito sulla bocca, disse, con tono lento e solenne: “per amor del cielo!” e disparve.
Proverbi
  • Tra moglie e marito non mettere il dito.
  • Dagli un dito e si prenderà un braccio.
Espressioni e Modi di Dire
  • Nascondersi dietro un dito
  • Mettere il dito nella piaga
  • Non muovere un dito
  • Toccare il cielo con un dito
  • Legarsela al dito
Giochi di Parole
Giochi enigmistici, trasformazioni varie e curiosità. Vedi anche: Anagrammi per dito
Definizioni da Cruciverba di cui è la soluzione
Definizioni da Cruciverba in cui è presente
»» Vedi tutte le definizioni
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: cito, dato, dico, dino, dirò, dita, dite, diti, divo, doto, mito, rito, sito, vito, zito.
Cambiando entrambi gli estremi della parola si possono avere: bite, cita, citi, city, gita, gite, kite, lite, liti, mite, miti, pita, pite, rita, riti, sita, site, siti, vita, vite, viti, witz, zita, zite, ziti.
Scarti
Rimuovendo una sola lettera si possono ottenere i vocaboli: ito, dio.
Zeppe (e aggiunte)
Aggiungendo una sola lettera si possono ottenere le parole: adito, disto, edito, udito.
Antipodi (con o senza cambio)
Spostando la prima lettera in fondo (eventualmente cambiandola) e invertendo il tutto si possono ottenere: coti, doti, goti, loti, moti, noti, poti, voti.
Parole con "dito"
Iniziano con "dito": ditola, ditole, ditone, ditoni.
Finiscono con "dito": adito, edito, editò, udito, addito, additò, andito, ardito, dedito, medito, meditò, ordito, bandito, candito, coedito, condito, credito, eredito, ereditò, erudito, gradito, inedito, reddito, riudito, spedito, suddito, tradito, accudito, blandito, brandito, ...
Contengono "dito": editor, auditor, editore, editori, orditoi, uditore, uditori, arditore, arditori, auditore, auditori, caditoia, caditoie, ceditore, ceditori, editoria, editorie, fenditoi, orditoio, orditore, orditori, roditore, roditori, uditorii, uditorio, veditore, veditori, auditorii, auditorio, banditore, ...
»» Vedi parole che contengono dito per la lista completa
Parole contenute in "dito"
ito.
Incastri
Inserito nella parola ere dà EditoRE; in eri dà EditoRI; in ori dà ORditoI; in uri dà UditoRI; in arre dà ARditoRE; in arri dà ARditoRI; in aure dà AUditoRE; in caia dà CAditoIA; in caie dà CAditoIE; in cere dà CEditoRE; in ceri dà CEditoRI; in vere dà VEditoRE; in veri dà VEditoRI; in prore dà PROditoRE.
Inserendo al suo interno lui si ha DIluiTO; con pin si ha DIpinTO; con ter si ha DITterO; con tic si ha DITticO; con vie si ha DIvieTO; con epos si ha DeposITO; con gita si ha DIgitaTO; con lava si ha DIlavaTO; con mena si ha DImenaTO; con mora si ha DImoraTO; con rada si ha DIradaTO; con vaga si ha DIvagaTO; con batti si ha DIbattiTO; con fetta si ha DIfettaTO; con lisca si ha DIliscaTO; con lunga si ha DIlungaTO; con magri si ha DImagriTO; con mezza si ha DImezzaTO; con raspa si ha DIraspaTO; con rocca si ha DIroccaTO; ...
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "dito" si può ottenere dalle seguenti coppie: diaconi/aconito, diadi/adito, diali/alito, diara/arato, diarista/aristato, dibatti/battito, dice/ceto, dichiari/chiarito, dici/cito, diedi/edito, diesis/esisto, digamma/gammato, digradi/gradito, diguazza/guazzato, dilapida/lapidato, dilati/latito, dilava/lavato, dimena/menato, dimostra/mostrato, dina/nato, dino/noto...
Usando "dito" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: ardi * = arto; cedi * = ceto; cidì * = cito; dadi * = dato; * toga = diga; * toma = dima; * torà = dirà; dodi * = doto; fedi * = feto; lodi * = loto; midi * = mito; modi * = moto; nodi * = noto; ordì * = orto; podi * = poto; vedi * = veto; vidi * = vito; avidi * = avito; candì * = canto; condi * = conto; ...
Lucchetti Riflessi
Scartando le parti in comune (in coda e il riflesso in capo), "dito" si può ottenere dalle seguenti coppie: diari/irato, dirà/arto, dire/erto, dirò/orto, dirocca/accorto, dirotta/attorto.
Usando "dito" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * otre = dire; * otaria = diaria; * otarie = diarie; * ottale = ditale; * ottali = ditali; * ottone = ditone; * ottoni = ditoni.
Cerniere
Scartando le parti in comune (prima in capo e poi in coda), "dito" si può ottenere dalle seguenti coppie: fidi/tofi, godi/togo, ludi/tolù, midi/tomi, modi/tomo, nidi/toni, nodi/tono, pettidi/topetti, podi/topo, radi/torà, ridi/tori, ricadi/torica, riodi/torio, rodi/toro, scadi/tosca, schedi/tosche, scodi/tosco, sinodi/tosino, sodi/toso, stadi/tosta.
Usando "dito" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: tofi * = fidi; togo * = godi; tolù * = ludi; tomi * = midi; tomo * = modi; toni * = nidi; topo * = podi; torà * = radi; tori * = ridi; toso * = sodi; * fidi = tofi; * godi = togo; * ludi = tolù; * midi = tomi; * modi = tomo; * nidi = toni; * nodi = tono; * podi = topo; * rodi = toro; * radi = torà; ...
Lucchetti Alterni
Scartando le parti in comune (in coda oppure in capo), "dito" si può ottenere dalle seguenti coppie: diga/toga, dighe/toghe, digli/togli, dilla/tolla, dima/toma, dimetti/tometti, dimetto/tometto, din/ton, dindi/tondi, dino/tono, dirà/torà, dirci/torci, dirò/toro, dirsi/torsi, dirti/torti, dirvi/torvi, dischi/toschi, disco/tosco, disse/tosse, dissente/tossente, dissenti/tossenti...
Usando "dito" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: arto * = ardi; ceto * = cedi; dato * = dadi; * ceto = dice; * nato = dina; * noto = dino; * veto = dive; * voto = divo; doto * = dodi; feto * = fedi; loto * = lodi; moto * = modi; noto * = nodi; orto * = ordì; poto * = podi; veto * = vedi; canto * = candì; * arato = diara; * sfato = disfa; * stato = dista; ...
Intarsi e sciarade alterne
Intrecciando le lettere di "dito" (*) con un'altra parola si può ottenere: ana * = adinato; ara * = adirato; * eva = deviato; * per = diptero; * san = distano; * sic = distico; eta * = editato; tea * = tediato; * elmi = delimito; * coma = dicotoma; * come = dicotome; * como = dicotomo; * lari = dilatori; * siam = distiamo; * spia = distopia; * spie = distopie; inca * = indicato; meta * = meditato; orna * = ordinato; pena * = pedinato; ...
Rotazioni
Slittando le lettere in egual modo si ha: sale.
Definizioni da Dizionari Storici
Dizionario compendiato di antichità del 1821/1822
Dito - Misura lineare, presso gli Ebrei, i Greci, e i Romani. Era la sedicesima parte del Piede, o circa a dieci linee ed un quarto del Pollice Parigino.
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: ditirambica, ditirambiche, ditirambici, ditirambico, ditirambo, ditischi, ditisco « dito » ditola, ditole, ditone, ditoni, ditta, dittafoni, dittafono
Parole di quattro lettere: dita, dite, diti « dito » diva, dive, divi
Vocabolario inverso (per trovare le rime): resuscito, risuscitò, risuscito, cucito, ricucito, scucito, sdrucito « dito (otid) » adito, ribadito, sbiadito, menadito, infradito, gradito, sgradito
Indice parole che: iniziano con D, con DI, parole che iniziano con DIT, finiscono con O

Commenti sulla voce «dito» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2022 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze